“Xmas Reunion. We’re back in town” il 26 dicembre a Vigarano Mainarda

29
Joyce Elaine Yuille dal suo profilo Facebook

Domenica si chiude l’anno con una matinée speciale allo Spirito con Joyce Elaine Yuille alla voce, Stefano Calzolari al pianoforte, Ares Tavolazzi al contrabbasso ed Ellade Bandini alla batteria

VIGARANO MAINARDA (FE) – Era stata annunciata come una ‘Christmas reunion’, con Alan Farrington alla voce e Roberto Soggetti al pianoforte. Il ‘ritrovo’ natalizio rimane intatto per Ares Tavolazzi al contrabbasso ed Ellade Bandini alla batteria, di nuovo insieme per chiudere la stagione autunnale allo Spirito. Completeranno la formazione Joyce Elaine Yuille Yuille alla voce e Stefano Calzolari al pianoforte. Domenica 26 dicembre si chiude l’anno con una matinée speciale allo Spirito di Vigarano Mainarda (Ferrara), per stare insieme il giorno dopo Natale con quattro grandi musicisti e per dare vita a una “Xmas Reunion. We’re back in town”. Sarà comunque un ritorno anche per la black singer e per il pianista modenese, già presenti più volte e con immutato successo alle numerose serate organizzate dal Gruppo dei 10. Sarà l’occasione per ascoltare una musica assolutamente coinvolgente, eseguita da grandi interpreti ed è anche un momento per augurare un 2022 decisamente migliore dei due anni appena trascorsi.

Inizio alle ore 12 con aperitivo e pranzo, e a seguire il concerto. Per informazioni e prenotazioni: Spirito, via Rondona 11d, Vigarano (Ferrara), 0532.436122 e 339.4365837.

Lo stile della cantante Joyce Elaine Yuille si sprigiona tutta l’energia, con il meglio del jazz, del soul e del funk. Direttamente da New York City, Joyce Elaine Yuille è pronta a far vibrare il palco dello Spirito con il suo timbro inconfondibile. Entertainer di altissimo livello, la cantante statunitense ha calcato il palco con alcuni tra i più famosi artisti italiani e internazionali, quali Gloria Gaynor, Donna Summer e Randy Crawford, solo per citarne alcuni. Forte di un background fatto di gospel, soul, blues, jazz e funk, le doti vocali di Joyce Elaine Yuille riescono a sorprendere sia lo spettatore più raffinato sia il grande pubblico, grazie a un’energia coinvolgente e ai toni caldi che sanno rendere uniche le sue interpretazioni.

Stefano Calzolari ha iniziato a suonare il pianoforte da autodidatta all’età di cinque anni e ha proseguito gli studi di pianoforte all’Accademia di Musica di Modena e di Composizione al Conservatorio di Modena. Interessato fin da subito all’improvvisazione ha studiato con Luca Flores e frequentato il CPM di Milano sotto la guida di Luigi Ranghino e Franco D’Andrea. Come compositore, pianista e direttore si è distinto tra il 2002 e il 2005 in una serie di concerti prodotti dal “Teatro di Corte” di Carpi, dal titolo “900 Metamorfosi”, con il gruppo “Rapsodia Ensemble” da lui creato: una sorta di orchestra aperta che prevede nel suo insieme un quartetto d’archi, un trio jazz, e un trio di ance per l’esecuzione di musica di autori classici e jazz del ‘900. Ha lavorato come pianista in ambito jazz, tra gli altri, con il chitarrista Garrison Fewell, la vocalist Norma Winstone e in concerto con Gary Chaffee, Paolo Fresu, Ed Cherry, Carlo Atti, Massimo Manzi, Marco Remondini, Gianni Coscia, Ares Tavolazzi, Michael Allen, Ronnie Jones, Cheryl Nicherson ,Bobby Johnson, Joyce E. Yuille, Geoff Warren, Rita Botto, Lalo Cibelli, Elisabetta Sacchetti.

Ares Tavolazzi studia violoncello e contrabbasso al Conservatorio di Ferrara. Inizia la carriera di bassista suonando per la cantante Carmen Villani, nel gruppo beat Avengers (in cui alla batteria c’è Ellade Bandini). Forma sempre con Ellade Bandini e con il tastierista  milanese Vince Tempera il gruppo The Pleasure Machine. Con loro inizia a lavorare come sessionman nelle sale di registrazione milanesi partecipando al disco L’isola non trovata di Francesco Guccini e Terra in bocca de I Giganti. Entra nel 1973 al 1983 nel gruppo storico d’avanguardia AREA, rimasto senza bassista dopo la partenza di Patrick Djivas, entrato nella Premiata Forneria Marconi: insieme a Demetrio Stratos, Patrizio Fariselli, Paolo Tofani e Giulio Capiozzo, registra oltre 10 LP e partecipa a numerose manifestazioni anche internazionali. Nel medesimo periodo si avvicina alla musica jazz, frequentando l’ambiente jazzistico di New York. Suona per Mina, Eugenio Finardi, Paolo Conte e continua (anche dal vivo a partire dal 1982) la collaborazione con Francesco Guccini. Collabora in concerti live e registrazioni discografiche con numerosi musicisti italiani e stranieri, tra i quali: Stefano Cocco Cantini, Sal Nistico, Max Roach, Lee Konitz, Phil Woods, Mau Mau, Massimo Urbani, Enrico Rava, Stefano Bollani, Walter Paoli, Franco D’Andrea, Dado Moroni, Ermanno Maria Signorelli, Enrico Pierannunzi, Roberto Gatto, Danilo Rea, Mike Melillo, Ray Mantilla, Carlo Atti, Paolo Fresu, Tino Tracanna, Gianni Basso, Simone Graziano, Gianluca Petrella, Vinicio Capossela e molti altri. Collabora negli anni a diversi lavori teatrali componendo e suonando dal vivo. Nel 2011 assieme a Paolo Tofani, Patrizio Fariselli e Walter Paoli inizia l’AREA Reunion Tour, riproponendo gli storici brani degli AREA privi di Demetrio Stratos, elemento che non è stato volutamente sostituito.

Ellade Bandini vanta una lunga carriera di concerti ed è stato membro dei The Pleasure Machine. Da turnista è un musicista molto richiesto (da Albano e Romina, Paolo Conte, Francesco Guccini e Fabrizio De André, per citarne alcuni) e ha suonato in alcuni 45 giri di successo, come Io mi fermo qui di Donatello, Viaggio di un poeta e Vendo casa dei Dik Dik, Soleado dei Daniel Sentacruz Ensemble, Rumore di Raffaella Carrà, L’importante è finire e Ancora ancora ancora di Mina. La sua batteria è presente nella discografia di Francesco Guccini, Antonello Venditti, Pino Presti, Fabio Concato, Edoardo Bennato, Vince Tempera, Roberto Vecchioni e Mina. Lavorò per anni Fabrizio De André, dando vita insieme ad altri musicisti ai ‘1000 anni ancora’, gruppo col quale inciderà Storia di un Impiegato.

IL GRUPPO DEI 10

Via Contrada della Rosa, 48 – Ferrara