Post Nebbia: esce il 28 maggio “Veneto d’estate”, il nuovo singolo

8

Dal 18 giugno in tour

EMILIA ROMAGNA – Dopo l’uscita di “Canale Paesaggi”, album che ha ottenuto un grande riscontro da critica, addetti ai lavori e pubblico, i Post Nebbia tornano il 28 maggio conVeneto d’estate”, un nuovo singolo pensato insieme a Nico LaOnda, fuori per Dischi Sotterranei, La Tempesta Dischi e Grooviglio.

Entrambi hanno il Veneto in poppa, da una parte i Post Nebbia, band rivelazione della nuova scena indipendente, dall’altro Nico LaOnda, songwriter di base a New York, ma che mantiene saldi i rapporti con la terra natia, grazie a una dieta quotidiana a base di spritz e amari, ma soprattutto grazie al suo ingresso nel roster di Dischi Sotterranei.

“Veneto d’estate” è un singolo estivo atipico: un beat funky, ipnotico, a base di synth e chitarre, che gioca con le parole e il ritornello di “Vento d’estate” di Fabi-Gazzè e trova ispirazione nelle colonne sonore dei film anni ’70, cullato da un cantato disilluso e annoiato. Un brano ironico che attraverso l’utilizzo sagace di calembour parla della lenta, afosa e sofferente estate veneta e di come le sedie di un bar e un buon amaro siano l’unica soluzione per affrontare la calura, la noia e le zanzare.

“Veneto d’Estate, uccido le zanzare voi che fate?

Veneto d’inverno, seduto al bar invoco il Padre Eterno”

Con Nico abbiamo iniziato a sentirci l’anno scorso e a mandarci materiale per lavorare a un insieme di canzoni, scegliendo poi di concentrarci su questo beat funky che avevo in dispensa da un po’.  – racconta Carlo Corbellini. Nico ha avuto l’idea per il ritornello e la metrica della strofa e pezzo dopo pezzo è nata questa canzone che parla sostanzialmente di bere al bar e di soffrire per la lentezza della vita, mentre si è immersi in quello che è notoriamente il contesto climatico peggiore in Italia, e di conseguenza invocare invano il nome dell’altissimo”.

Io e Carlo da fan dei reciproci progetti abbiamo cominciato a mandarci loop all’inizio della pandemia sotto i fantomatici nomi LAONDA LANEBBIA o POST MALONDA  Da Padova a New York eravamo sulla stessa barca: produrre musica – aggiunge Nico LaOnda – Tra i sei o sette pezzi che abbiamo realizzato ne abbiamo scelto uno, Veneto d’Estate: un brano che gioca con la metrica dell’hook della traccia “Vento D’Estate” di Fabi-Gazzè e che prende a piene mani dai nostri principali ascolti: funk e R&B, psichedelia e pop ma soprattutto dalla nostra ossessione: i compositori di colonne sonore di film anni ’70.”

I Post Nebbia porteranno in tour Canale Paesaggi in tutta Italia, queste le prime date confermate:

18.06 Bologna – Covo Summer

19.06 Torino – Hiroshima Sound Garden

24.06 Milano – Magnolia

01.07 Massa Lombarda (RA) – Mutazioni Post

02.07 Ferrara – Ferrara sotto le stelle

03.07 Garda (VR) – Garda Risuona

17.07 Rapolano Terme (SI) – TvSpenta dal Vivo

23.07 Roma – Spring Attitude Festival c/o Teatro India

24.07 Santa Sofia (FC) – Rumors Fest

31.07 Ome (BS) – Diluvio Festival

07.08 Vicenza – Lumen Festival

12.08 Maida (CZ) – Color Fest

13.08 Corigliano d’Otranto (LE) – SEI Festival

14.08 Locorotondo (BA) – Locus Festival

Veneto d’estate – testo

È un compleanno amaro

Hai preso la patente

Eppure non puoi neanche uscire

E guidare

Ogni secondo perso

Ti sembra di svenire

Eppure non c’è verso

Di sbagliare

Ma sbagliare è urbano

Mi sono letto la mano

Mi sono chiesto se sono sano

Veneto d’estate

Io schivo le zanzare voi che fate

Veneto d’inverno

Seduto al bar invoco il padre eterno

Un altro mese perso

Guardo il pavimento

Ci sono i gatti di polvere

Io gli do da mangiare

L’universo è freddo

E con il fuoco dentro

Sputo un’altra nuvola

Di fumo nero e denso

E se sbagliare è urbano

Metropolitano

Farò bollire i miei errori nell’amaro

Veneto d’estate

Uccido le zanzare voi che fate

Veneto d’inverno

Seduto al bar invoco il padre eterno

Credits

Scritto da Carlo Corbellini e Nicola Donà

Prodotto da Carlo Corbellini

Mix di Carlo Corbellini e Exit Exit

Master di Giovanni Versari

Artwork di Michelle Pan

Video diretto e registrato da Michelle Pan

BIO

Post Nebbia è una band della nuova scena padovana nata dalle esplorazioni di home recording di Carlo Corbellini, classe ‘99. La band pubblica il primo lavoro autoprodotto ​Prima Stagione a maggio del 2018. Un album di 7 tracce che riprende elementi della scuola psichedelica internazionale (Tame Impala, Arctic Monkeys, MGMT) e li rimescola in un sound elettronico dai ritmi più serrati, che fa da sfondo a testi in italiano che raccontano suggestioni dai toni surreali. Prima Stagione viene inghiottito dalla nebbia della pianura padana e dopo alcuni mesi dalla sua uscita diverse realtà della scena notano la band segnalando il progetto tra le realtà più promettenti  del 2019. Con le prime date accolgono un riscontro positivo da parte di tutti gli addetti al settore. Nei primi mesi del 2020 la band viene segnalata tra le band più promettenti sia da ​rockit.it (CBCR) che da  Rolling Stones​ (Classe 2020). Dopo l’uscita dei primi tre singoli Televendite di quadri, Vietnam e ​Persone di vetro, il 23 ottobre 2020 esce il loro secondo disco Canale Paesaggi per Dischi Sotterranei/La Tempesta Dischi. Un concept album sull’esperienza emotiva e sensoriale dello spettatore televisivo che fonde funk, ritmi ipnotici e alcune scelte melodiche di derivazione black, per dare vita a un pop psichedelico di rara eleganza che ha suscitato l’entusiasmo di pubblico e critica e ha conquistato la vetta delle classifiche delle maggiori riviste di settore e non.

Foto: Post Nebbia foto di Anastasia Zarbo