Periferico festival – programma 4-6 novembre

22
Come va a pezzi il tempo – ph Luca del Pia

MODENA – Periferico Festival si avvia a conclusione e venerdì 4, sabato 5 e domenica 6 novembre, tornando ad abitare il Villaggio Artigiano di Modena Ovest.

La programmazione arriva al suo ultimo weekend con gli attesissimi Ultimi Fuochi Teatro e la Compagnia Virgilio Sieni. Il centro festival ritrova sede a OvestLab (via Nicolò Biondo, 86) che oltre a ospitare concerti e spettacoli, sarà luogo di ristoro e accoglienza, punto di partenza e d’arrivo dei tre giorni finali di Festival. Ancora una volta gli artisti porteranno il pubblico a scoprire nuovi ambienti all’interno del quartiere, abitando temporaneamente spazi privati e non solo.

La compagnia Ultimi Fuochi il 4, il 5 e il 6 novembre ci condurrà con il loro spettacolo Come va a pezzi il tempo in un momento sospeso all’interno di una casa privata, dove una coppia è in procinto di lasciarsi abbandonando quel che resta della loro storia e della loro abitazione (partenza da OvestLab mezz’ora prima di ogni replica). La stessa compagnia è stata protagonista di un progetto di larga scala che ha coinvolto cinque scuole di Modena e che con la collaborazione delle Biblioteche di Modena ha incontrato oltre 500 ragazze e ragazzi, costituendo in tutta la città circa 20 gruppi spontanei di lettori e lettrici: La rivoluzione dei libri si è aperta a settembre in maniera silenziosa e si chiude domenica 6 novembre alle ore 18.30 con un incontro tra la compagnia di Alessandra Crocco e Alessandro Miele, il sociologo Stefano Laffi, autore de La congiura contro i giovani (Feltrinelli 2014) e i lettori ribelli che hanno aderito al progetto.

Venerdì 4, sabato 5 e domenica 6 novembre in orari diversi si potrà ascoltare e osservare l’installazione Voice to image realizzata dal collettivo di architetti HPO. Nell’ambito di TO ECHO / FARE ECO a cura di Isabella Bordoni, l’Archivio delle Fonti Orali curato da CivicWise Italia, che si è occupato del Villaggio Artigiano e che sta aprendo il suo campo di ricerca su altri territori di Modena grazie al sostegno di Comune di Modena – città Unesco per le Media Arts, sarà letto attraverso il medium cognitivo di un’intelligenza artificiale, rielaborando, interviste, voci e memorie in un dispositivo tecnologicamente avanzato.

Sabato 5 novembre ritorna a Modena la compagnia Archivio Zeta con Nidi di Ragno, progetto itinerante che unisce performance, analisi storica e divulgazione e che condurrà Periferico Festival fino al centro città. Con ritrovo alla Ghirlandina in Piazza Grande, “Nidi di ragno” è un invito a percorrere a piedi con lentezza alcuni sentieri della memoria della Regione Emilia-Romagna al fine di stimolare una riflessione sull’educazione europea e sulla violenza che, durante il nazifascismo, si insinuò in una società indifferente, disposta all’odio e divenne oltraggio verso esseri umani, animali e natura.
In particolare, la tappa del centro storico si concentra sulla figura di Fortunato Formiggini, difensore dei diritti civili la cui memoria è fortemente legata alla torre della Ghirlandina. La tappa è in collaborazione con l’Istituto storico di Modena.

Alle ore 21.30 all’interno di OvestLab Il coreografo Virgilio Sieni e il danzatore non vedente Giuseppe Comuniello saranno protagonisti di un duetto sulla tattilità, con musica dal vivo di Spartaco Cortesi nella performance Danza Cieca: posture e avvicinamenti che trasformano il corpo in un atlante inesauribile di luoghi democratici.

Domenica 6 novembre alle ore 20.00 a OvestLab il Festival si chiude  con il concerto della songwriter e chitarrista Francesca Morello, in arte R.Y.F che cerca di dare una voce a ogni diversità, alla comunità queer, alle persone non binarie e a tutte le creature favolose.

Segnaliamo inoltre l’incontro di presentazione del libro “In giro per festival. Guida nomade agli eventi culturali.” una guida realizzata da Altreconomia nel 2022 in collaborazione con TrovaFestival che riporta una mappa inedita dove sono raccolti oltre 350 festival imperdibili in Italia all’interno dei quali è mappato anche Periferico: eventi di pensiero, letteratura, cinema, teatro, musica, arte e ambiente. Incontro a cura di Giulia Alonzo e Oliviero Ponte Di Pino (venerdì 4 novembre, ore 20:30 a Ovestlab)

Tutto il programma su: http://collettivoamigdala.com/portfolio-page/periferico-2022/#progetti_periferico2022

Per INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI ci si potrà rivolgere a: info@collettivoamigdala.com oppure allo 0598777673. La prenotazione è consigliata per tutti gli eventi. Maggiori informazioni sulle modalità di prenotazione e sui costi saranno disponibili sul sito http://collettivoamigdala.com/portfolio-page/periferico-2022/#progetti_periferico2022