Officine Gutenberg: “Incontri – Lettura, scrittura e fragilità”

18

PIACENZA – Dopo essere tornato in presenza nel 2021, il festival “Incontri: lettura, scrittura e fragilità” si allarga in una due giorni distribuita in altrettante diverse location cittadine: la prima è quella del neonato circolo Arci “Rathaus” e poi il giorno dopo a Spazio4.0 in concomitanza con Quarto Mercato, il mercatino del vintage e del vinile. Due giornate, quelle di sabato 22 e domenica 23 ottobre, in cui arrivano a Piacenza autori di profilo nazionale che portano, prima in via Pietro Giordani 4 (nella ex cartoleria Sgorbati) e poi in via Manzoni 21, racconti e storie di persone che tutti i giorni si confrontano sul tema della fragilità: sotto la direzione artistica dello scrittore e cooperatore sociale Giovanni Battista Menzani ascolteremo Mattia Muratore, Gaia Rayneri, Giangiacomo Tedeschi, Fabiano Massimi, Giampaolo Rugo, Gian Pazzi e Sabrina Gabrielli, con una possibile coda di prestigio con il calciatore Borja Valero.

Nato il 3 dicembre 2019 in occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità, il festival Incontri è un ‘idea della cooperativa sociale Officine Gutenberg e di A.S.P. Comune di Piacenza, e ha ospitato negli anni una serie di incontri con autori che vivono la disabilità e la fragilità in prima persona, su se stessi o nel contesto familiare, e con autori che raccontano il proprio incontro con la disabilità. Tra loro si ricordano Roberto Venturini, Paolo Milone, Daniele Mencarelli, Costanza Rizzacasa D’Orsogna e Massimiliano Verga.

La quarta edizione inizia sabato 22 ottobre al Rathaus con Mattia Muratore, che alle ore 17 presenta “Sono nato così, ma non ditelo in giro” edito da Chiarelettere con la prefazione di Luciano Ligabue, insieme a Brunello Buonocore di ASP Piacenza, e prosegue con Gaia Rayneri, l’autrice del noto “Pulce non c’é”, che alle 18 dialogherà con Matteo Schianchi in merito all’ultima opera “Un libro di guarigione”, edita da Harpercollins.
Al termine dei due incontri ci sarà il primo aperitivo a base di prodotti della cooperazione sociale, che saranno protagonisti il giorno successivo.

Domenica a Spazio 4.0, presso il Caffè sociale allestito da Officine Gutenberg e in concomitanza con Quarto Mercato, che vedrà i banchetti del vintage e i prodotti dei Contadini Resistenti, il programma è davvero ricco.
Alle ore 10 Giangiacomo Tedeschi presenta “Ce la fai?” (Felici, 2022), introdotto da Chiara Castignoli di L’Arco cooperativa sociale, mentre alle 11 una vecchia conoscenza di Profondo Giallo, il giallista modenese Fabiano Massimi parlerà di “Vivi nascosto” (Mondadori, 2022), il secondo giallo della serie del Club Montecristo, una bizzarra congrega di ex detenuti che indagano sui delitti padani, insieme allo scrittore piacentino Gabriele Dadati. A seguire, alle 12, il nuovo arrivato di Edizioni Officine Gutenberg, il promettente “Roba da matti” dell’educatore piacentino Gian Pazzi, introdotto dal giornalista e videomaker Gero Guagliardo.

Nel pomeriggio, dopo il pranzo agli stand dei Contadini Resistenti e del Caffè Sociale, si riprende con il talk sull’economia carceraria e sociale “Impresa e inclusione”, organizzato con Orto Botanico cooperativa sociale, che vedrà la partecipazione e la successiva degustazione dei prodotti di Ex Novo del carcere di Piacenza, Fuga di sapori del carcere di Alessandria, i vini della cooperativa sociale Cantina Perinelli, la birra della coop sociale Birrificio Articioc di Noceto e il cioccolato della coop sociale 180 di Codogno. A dare una mano alla conduttrice Paola Pinotti, direttrice di Piacenzasera.it, saranno le redazioni “speciali” di Universi, del  Civico11 e della Matita Parlante.
Si riparte alle 17 con i libri con la raccolta di racconti  “Acari” (Neo, 2022) di Gianpaolo G. Rugo, che dialoga con la giornalista Barbara Belzini, per chiudere con la graphic novelist romana Sabrina Gabrielli, alle 18, con il suo “Colori invisibili” (Tunué, 2022) insieme alla giornalista Micaela Ghisoni.

In attesa della conferma di Borja Valero, che rappresenterebbe il fiore all’occhiello del festival presentando il suo libro dedicato a “Un altro calcio”, Incontri non vivrà solo di presentazioni e di libri, ma anche momenti dedicati alle realtà che fanno dell’inclusione il loro focus anche all’interno del mondo del lavoro.
Troveremo realtà quali Ex Novo, Cantina Perinelli, Articioc, Fuga di Sapori, di cui potremo degustare gratuitamente i prodotti di assoluta qualità, a cui si aggiungeranno i Roero Arneis di Progetto Emmaus di Bra e la cooperativa femminile Le Lazzarelle del carcere di Pozzuoli.
Ingresso libero, infine, anche per il laboratorio di illustrazione di Sabrina Gabrielli, previsto per le ore 15 per i bambini piacentini che sognano un futuro nel fumetto o nel mondo del graphic novel.