Daniela Pini lunedì 19 agosto in concerto a Codigoro

CODIGORO (FE) – Nella preziosa Sala delle Stilate dell’Abbazia di Pomposa, lunedì 19 agosto (ore 21.15), risuonerà la duttile voce di Daniela Pini, accompagnata al pianoforte dal maestro Davide Finotti, che compendia una piccola storia della musica in una serata dedicata al canto in molte delle sue incarnazioni. L’appuntamento fa parte di Musica Pomposa, la rassegna concertistica presso Pomposa nell’ambito di Emilia Romagna Festival.

Dall’Aria di chiesa barocca Pietà Signore del bolognese Alessandro Stradella, alle due super hit Lascia ch’io pianga e Ombra mai fu di Händel – le cui rispettive opere furono scritte entrambe per Londra, torniamo ancora in Italia con alcune arie tratte dall’“Orlando furioso” di Vivaldi (1727). È ora il lamento amoroso di Alcina in cerca della pace che il suo cuore non riesce a trovare, ora l’aria di Ruggiero Sol da te mio dolce amore a mostrare le doti del mezzosoprano Daniela Pini.

Dal “Tancredi” (1813) melodramma eroico in 2 atti di Rossini arrivano il celebre recitativo e la cavatina Oh patria! Di tanti palpiti. Dal Dom Sébastien, roi de Portugal, ultima grande opera di Gaetano Donizetti su libretto di Eugène Scribe, scritto per l’Opéra di Parigi (1843), ascoltiamo la commovente aria di Zaida. Chiude la serata la memorabile cavatina di Romeo Se Romeo t’uccise un figlio, dall’opera “Capuleti e Montecchi” (1830) di Bellini.

Laureata in lettere presso l’Università di Bologna con tesi in Storia della musica, Daniela Pini ha studiato canto con il maestro Angelo Bertacchi. La sua duttilità vocale le permette di spaziare tra diversi stili che vanno dalla musica barocca alla musica contemporanea con un repertorio di oltre sessanta titoli. Recentemente ha calcato i palcoscenici del Teatro Costanzi di Roma, del Bayerische Staatsoper di Monaco e ha rappresentato l’Italia nel concerto di apertura del 18° Festival delle arti presso il National Centre For the Performing Arts di Pechino. Si è esibita, riscuotendo grande successo, al Musikverein di Vienna diretta dal maestro Riccardo Muti. È ospite fissa di numerosi festival internazionali.“

La Pini sarà accompagnata al pianoforte da un altro talento del territorio, il maestro Davide Finotti, musicista classico di fama internazionale ed originario proprio di Codigoro. Diplomato con il massimo dei voti al conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara nel 2011, negli anni Finotti si è specializzato come pianista collaboratore in teatro, una figura molto particolare che richiede numerose competenze extramusicali. Un percorso che gli ha poi permesso di incontrare celebrità di fama mondiale nel campo della musica lirica come il soprano Mirella Freni o il soprano ungherese Sylvia Sass. Più volte ospite di Emilia Romagna Festival, nel 2016 si è esibito insieme ai pluripremiati attori Enzo Vetrano e Stefano Randisi in un progetto sulla figura di Giorgio Bassani nel centenario della nascita.

Ingresso
Gratuito fino a esaurimento dei posti.

IN COLLABORAZIONE CON
Musica Pomposa, MIBACT Polo Museale Emilia Romagna

GRAZIE AL SOSTEGNO DI
Ristorante La Baracca – Oratorio della Pescheria (Volano di Codigoro)

PROGRAMMA
Alessandro Stradella
Pietà Signore

Georg Friedrich Händel
Lascia ch’io pianga da “Rinaldo”
Ombra mai fu da “Serse”

Antonio Vivaldi
Così potessi anch’io da “Orlando furioso”
Sol da te mio dolce amore da “Orlando furioso”

Gioachino Rossini
Oh patria da “Tancredi”

Gaetano Donizetti
Que faire – Sol adoré de la patrie da “Dom Sébastien, Roi de Portugal”

Vincenzo Bellini
Se Romeo t’uccise un figlio da “Capuleti e Montecchi”

CURRICULUM ARTISTI
DANIELA PINI Laureata in lettere presso l’Università di Bologna con tesi in storia della musica, ha studiato canto con il M°Angelo Bertacchi. La duttilità vocale di Daniela Pini le permette di spaziare tra diversi stili che vanno dalla musica barocca alla musica contemporanea con un repertorio di oltre 50 titoli.
Tra i numerosi ruoli che l’hanno vista protagonista citiamo Angelina ne La Cenerentola di Rossini (tra gli altri Opera Theatre di Seattle USA, Cartagena Colombia, Opera di Francoforte, Comunale di Bologna, Verdi di Trieste, Lirico di Cagliari, Teatro Regio di Torino); Cherubino ne Le nozze di Figaro (Suntory Hall Tokyo), Alcina ne L’Orlando furioso di Vivaldi (Opera di Francoforte, Champs Elisée Parigi, Budapest, Barbican Hall Londra), Romeo ne I Capuleti e Montecchi di Bellini (Filarmonico di Verona), Isabella ne L’Italiana in Algeri di Rossini (Comunale di Bologna, Regio di Torino, Verdi di Trieste), Dorabella nel Così fan tutte di Mozart (tra gli altri New National Theatre di Tokyo), Clarice ne La pietra del paragone di Rossini (Regio di Parma), Melibea ne Il viaggio a Reims di Rossini (La Monnaie di Bruxelles) e molti altri.
Il suo repertorio sacro comprende, tra i più famosi, lo Stabat Mater e il Salve Regina di G.B. Pergolesi, la Petite Messe Solennelle e lo Stabat Mater di G. Rossini, il Requiem di Mozart e la Missa solemnis in re maggiore di Beethoven, il Messiah di Handel, lo Stabat Mater e il Gloria di A. Vivaldi.
Ha lavorato con direttori quali R. Abbado, R. Muti, Y. Temirkanov, D. Oren, E. Pidò, D. Renzetti, R. Frizza, P. Arrivabeni, K. Martin, J.C. Casadeus, C. Scimone, A. Battistoni, N. Luisotti, J.C. Spinosi, A. Marcon, M. Mariotti, D. Callegari, G. Noseda, P. Carignani, G. Sagripanti, D. Rustioni, R. Alessandrini, T. Ringborg, S. Scapucci.
Ha lavorato con registi quali G. Vick, G. Lavia, D. Fo, L. Wertmuller, E. Scola, P.L. Pizzi, M. Gasparon, D. McVicar, L. Ronconi, H. De Ana, I. Brook, D. Michieletto, J.Font.
Recentemente ha calcato i palcoscenici del Teatro Costanzi di Roma, del Bayerische Staatsoper di Monaco ed è ospite fissa di numerosi Festival Internazionali. Svolge un’intensa attività concertistica in tutta Europa.

DAVIDE FINOTTI Diplomato con il massimo dei voti sotto la guida di Andrea Passigli al conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara nel 2011, consegue il Biennio superiore in pianoforte con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore con Fabrizio Lanzoni nel 2013 e l’anno seguente consegue il biennio di musica da camera nello stesso conservatorio. Partecipa al corso triennale di alto perfezionamento artistico alla scuola “A. Corelli” di Fusignano con il maestro Pier Narciso Masi ed alle masterclass di Ilana Vered, Mauro Minguzzi, Emanuele Arciuli. Vincitore di numerose borse di studio (tra le altre “Irina Chirelli” nel 2006, premio “Circolo dei Negozianti” nel 2008) e concorsi nazionali ed internazionali (il primo premio nel 2011 ai concorsi internazionali di Legnago “Antonio Salieri” e Arezzo “Nuovi Orizzonti” e nel 2010 il secondo premio al concorso nazionale “Esecuzione Musicale città Piove di Sacco”) da anni studia il repertorio operistico con il maestro Silvano Zabeo. La grandissima passione per l’arte (consegue il diploma di maestro d’arte e la maturità artistica col massimo dei voti all’istituto d’arte Dosso Dossi di Ferrara) lo avvicina da subito al teatro e proprio nell’opera lirica trova il terreno propizio nel quale le sue più grandi passioni si sposano in un tutt’uno. Nel 2013 viene selezionato da Mirella Freni per frequentare il corso per pianisti collaboratori tenuto da Paola Molinari all’accademia di Bel Canto a Modena e vi lavora dall’anno seguente come pianista collaboratore. Nel 2015 vince l’audizione per frequentare il corso per pianista collaboratore sostituto al Teatro Sperimentale di Spoleto “A. Belli”, corso che gli vale la partecipazione in qualità di maestro collaboratore e maestro di palco alla tournée in Giappone il giugno successivo (Direttore Carlo Palleschi e con la partecipazione di Carmela Remigio nel ruolo di Mimì) per l’allestimento di Boheme. Suona regolarmente per enti e associazioni tra le quali Ravenna Festival (negli appuntamenti “alle 7 di sera”) ed Emilia Romagna Festival. Partecipa alla registrazione della colonna sonora del film-sigla per la 65′ Mostra del Cinema di Venezia le cui musiche sono di Roberto Boarini sul filmato del regista Ermanno Olmi. Nel 2013 viene chiamato ad accompagnare a Roma due concerti verdiani gli allievi del soprano Sylvia Sass di cui uno alla presenza del Presidente della Repubblica all’inaugurazione della mostra per il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi alla Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana. Due anni dopo accompagna Sylvia Sass e alcuni suoi allievi in un concerto dedicato interamente alla liberistica straussiana. Accompagna al pianoforte la cantante Giorgia Fumanti in tre concerti in Italia. Nel 2014 il Comune di Codigoro gli conferisce il premio al merito “l’Airone”, premio in ricordo di Giorgio Bassani e rilasciato per meriti artistici. Numerosissime le collaborazioni con cantanti e strumentisti in ambiti concertistici. Ha l’onore di lavorare assieme ai pluripremiati attori Enzo Vetrano e Stefano Randisi in un progetto sulla figura di Giorgio Bassani nel centenario della nascita. La prima di questo spettacolo musical-teatrale è per Emilia Romagna Festival. Attualmente frequenta il corso per pianisti collaboratori al Teatro Comunale di Bologna.
Collabora in qualità di pianista collaboratore al Teatro Comunale di Ferrara nell’allestimento di “La Cenerentola” di G. Rossini per la stagione Teatro Ragazzi 2013/2014, in Boheme di G. Puccini nel 2015, in Traviata nel 2016 e in Flauto Magico nel 2017. All’interno dei concerti “Musica a Marfisa D’Este” concerta Traviata di G. Verdi nel 2014, Lucia di Lammermoor di G. Donizetti nel 2015 e Rigoletto di Verdi nel 2016 tutte in forma di concerto. Nel febbraio del 2017 lavora come pianista collaboratore all’allestimento di Madama Butterfly al Teatro comunale di Copparo (Fe).
Insegna pianoforte in diverse scuole di musica tra Ferrara e Modena.

XIX EMILIA ROMAGNA FESTIVAL – ERF
dal 6 luglio al 7 settembre 2019

MUSICA POMPOSA
DANIELA PINI mezzosoprano
DAVIDE FINOTTI pianoforte

Musiche di Alessandro Stradella, Georg Friedrich Händel, Antonio Vivaldi,
Gioachino Rossini, Gaetano Donizetti e Vincenzo Bellini

Lunedì 19 agosto, ore 21.15
CODIGORO Sala delle Stilate dell’Abbazia di Pomposa

WWW.EMILIAROMAGNAFESTIVAL.IT