UNAHOTELS sconfitta a Ferrara dalla De’Longhi

23

FERRARA – UNAHOTELS REGGIO EMILIA – DE’LONGHI TREVISO 46-70
(17-16; 9-24; 9-15; 11-15)

UNAHOTELS Reggio Emilia: Baldi Rossi 3, Porfilio 3, Radunic 6, Giannini 1, Cham 9, Carta, Bonacini 2, Diouf 8, Blums 6, Kyzlink 8. Allenatore: Martino.

De’Longhi Treviso: Russell 7, Logan 16, Cheese 9, Vildera 4, Bartoli, Imbrò 8, Buzzavo, Chillo 12, Mekowulu 5, Akele 9, Ronca, Faggian. Allenatore: Menetti.

Primo test stagionale in quel di Ferrara per la UNAHOTELS Reggio Emilia, contro la De’Longhi Treviso dell’ex tecnico biancorosso Max Menetti, già al suo terzo scrimmage di questo pre-campionato. Il match termina 46-70 in favore dei trevigiani, con il punteggio azzerato al termine di ogni quarto.

Per la truppa biancorossa assenti gli statunitensi Bostic, Johnson ed Elegar, oltre a Taylor, che sta proseguendo il suo lavoro di condizionamento individualizzato, ed anche Candi, tenuto precauzionalmente a riposo per una distorsione alla caviglia che lo vedrà tornare in gruppo nella giornata di lunedì.

Coach Martino parte con Bonacini, Blums, Kyzlink, Baldi Rossi e Cham in quintetto; Menetti risponde con Russell, Cheese, Akele, Chillo e Mekowulu. I primi due punti della stagione biancorossa sono del giovane Cham, che si rivelerà il miglior marcatore reggiano con 9 punti. Il primo parziale si sviluppa nel segno dell’equilibrio: è un canestro e fallo di Kyzlink a permettere alla UNAHOTELS di aggiudicarsi il quarto sul 17-16.

Tredici punti in fila del veterano Logan aprono il secondo parziale, con Treviso che fa il break decisivo e scappa nel punteggio. La seconda metà di gara vede proseguire la formazione di Menetti sulla stessa falsariga: i ritmi si abbassano ed entrambi gli allenatori danno ampio spazio ai tanti giovani in organico gestendo minuti e carichi di lavoro.

Pallacanestro Reggiana ringrazia infine il Kleb Basket Ferrara per l’ospitalità e l’ottima organizzazione dell’allenamento congiunto, disputato a porte chiuse nel pieno rispetto delle normative anti-Covid.

(foto Gianluca Teodorini)