San Mauro Pascoli, inaugurato il nuovo campo sportivo E Rè in manto sintetico

20

Taglio del nastro con il Presidente della Regione Stefano Bonaccini

SAN MAURO PASCOLI (FC) – Con una partita amichevole tra amministratori e vecchie glorie della Sammaurese Calcio è stato inaugurato il nuovo campo da calcio E’ Rè, l’impianto sportivo di via Fellini a San Mauro Pascoli. Al taglio del nastro, che si è tenuto sabato 5 settembre, sono intervenuti il Presidente della Regione Stefano Bonaccini e l’assessore al bilancio Paolo Calvano. L’impianto infatti è stato realizzato grazie al finanziamento della Regione Emilia Romagna che ha contribuito con risorse pari a 250.000 euro sui 480.000 complessivi per la realizzazione dell’opera.

Presenti per l’occasione, oltre al Sindaco Luciana Garbuglia e alla giunta comunale, i consiglieri regionali Lia Montalti e Massimo Bulbi, le associazioni sportive, in primis la Sammaurese Calcio, e tra le vecchie glorie Gino Stacchini, ex giocatore di serie A che ha militato nella Juventus.

L’intervento di riqualificazione consisteva nella realizzazione del manto in erba sintetica del campo numero 2 calcio, di una nuova tribuna prefabbricata e dei nuovi servizi a disposizione per il pubblico. I lavori, che sono partiti nel settembre dello scorso anno, sono stati realizzati dalla ditta Venturelli.

Questo intervento ci consente di continuare a qualificare e migliorare i nostri impianti sportivi dedicati al calciocommentano il sindaco Luciana Garbuglia e l’assessore allo Sport Tiziano BianchiniDopo l’intervento che ha permesso alla Sammaurese di poter disputare le partite in casa del campionato serie D, ora disponiamo di un ulteriore impianto completo. L’obiettivo dell’Amministrazione è quello di favorire l’attività sportiva, a partire dagli interventi sugli impianti che hanno permesso di svolgere le attività in ambienti accoglienti, innovativi e in sicurezza. In questo percorso la Regione Emilia Romagna è stata al nostro fianco perché credo fortemente nell’importanza dello sport e dell’investimento nelle strutture necessarie”.