Prima settimana al “Naviglio”, tra teatro, danza e cinema d’autore

35
danilo_smedile_Rosso_ph-Mauro-Carbonaro

PARMA – Inizierà lunedì 17 giugno, alle ore 21.30, la prima settimana della rassegna culturale “Sul Naviglio…racconti, teatro, danza, musica, poesia, cinema”, realizzata nell’area compresa tra il Parco del Naviglio e il quartiere San Leonardo da L.O.F.T. APS, con il contributo di Comune di Parma, Fondazione Monteparma, Cooperativa Sociale Sirio, Chiesi Farmaceutici, Cooperativa Sociale Proges, Oiki e Sipi.

Ad aprire ufficialmente il programma, nello spazio palco di fronte a Officine on/off – dove gli amici del Bar Glenda allestiranno anche un punto ristoro per tutta la durata della rassegna – sarà un personaggio amatissimo dal pubblico parmigiano, la stravagante Tecla Sozzi, interpretata da Franca Tragni (fresca vincitrice del Premio Mario Tommasini 2024 per il teatro sociale), che nel divertente “E niente…vada per il contratto a chiamata” racconterà di uno speciale incarico professionale a lei assegnato: sostituire per un breve periodo di aspettativa nientemeno che l’Onnipotente, ormai un po’ esaurito e stanco dei problemi del mondo. Martedì 18 giugno si prosegue col sorriso e con due appuntamenti dedicati all’infanzia. Alle ore 17.00 al Centro Giovani Casa nel Parco la brava Agnese Scotti accoglierà gli spettatori più piccoli (dai 3 ai 7 anni) con la narrazione “Max nel paese dei mostri”, la storia di un bambino arrabbiato e “selvaggio” che si veste da lupo e risponde male alla mamma, ma che, attraverso la fantasia, troverà la chiave per farsi perdonare. Sempre martedì, alle ore 21.30, sarà la volta di Progetto g.g., alias Consuelo Ghiretti e Francesca Grisenti, ad animare il palco antistante Officine on/off con lo spettacolo “Streghe”, liberamente ispirato all’opera letteraria di Roald Dahl, dove attraverso il teatro di narrazione e quello di figura verranno esplorate alcune tematiche fondamentali dell’infanzia: l’incontro con le paure, il loro riconoscimento e la possibilità di superarle per diventare grandi. Un bellissimo esempio di teatro civile dal titolo “Stoc Ddò – Io sto qua” di e con Sara Bevilacqua, già vincitore del premio del pubblico al Palio Ermo Colle 2023 e dell’Eolo Award 2024 per la migliore attrice, verrà rappresentato mercoledì 19 giugno, alle 21.30: il racconto di una storia tragicamente vera, quella di Michele Fazio, un giovane di 16 anni ucciso per errore dalla criminalità organizzata del suo quartiere a Bari. La prima settimana si concluderà giovedì 20 giugno con un programma di appuntamenti nella fascia preserale e serale. Alle 18.30 verrà, infatti, presentato l’esito del laboratorio di lettura ad alta voce “Luoghi di parola: le stagioni dell’ascolto” che nella terza sessione, condotta da Sandra Soncini e Franca Tragni e dedicata all’estate, ha visto i partecipanti lavorare sul romanzo di William Golding “Il signore delle mosche”; seguirà alle ore 20.45 nell’area verde del Parco del Naviglio, accessibile da Strada Naviglio, la performance di danza contemporanea “Rosso” dove Danilo Smedile porterà in scena l’esigenza della distinzione, raccontando un atto di sopravvivenza, di fuga dal senso di inadeguatezza e dal rischio di emarginazione. In serata alle 21.30, sempre nel cortile di Officine on/off, si terrà la proiezione di un classico del cinema italiano, “Teresa la ladra”, con Monica Vitti, Stefano Satta Flores e la regia di Carlo Di Palma. Un imperdibile appuntamento con la commedia cinematografica d’autore a cura dell’Associazione Amici della Biblioteca San Leonardo.
Tutti gli appuntamenti sono ad INGRESSO GRATUITO con offerta libera.
Direzione organizzativa a cura di L.O.F.T. APS
Direzione tecnica a cura di Erika Borella con la collaborazione di Donatello Galloni e Alessandro Marsico.
Per maggiori informazioni contattare il cell. 3534426167.
L’accesso al pubblico per gli spettacoli serali è a partire dalle ore 21.00.
Durante le serate sarà attivo lo spazio ristoro gestito da Bar Glenda.
In caso di maltempo verranno fornite tempestive informazioni sull’eventuale luogo al chiuso dove rappresentare l’evento in programma.