Polisportiva San Lorenzo, presentato il programma della stagione calcistica 2022/23

8
Vagnini Manzaroli Ortalli

Tanta gente mercoledì  sera con i responsabili Ortalli e Manzaroli: divertimento, calcio e salute i 3 cardini

RICCIONE (RN) – Tantissima gente mercoledì sera a Riccione alla presentazione dei responsabili del settore giovanile dell’Associazione sportiva dilettantistica San Lorenzo. Matteo Ortalli e Alessandro Manzaroli hanno presentato il programma che andranno a sviluppare nella stagione calcistica 2022/23, incentrato sull’idea di un centro sportivo che sia un luogo di aggregazione, oggi più che mai fondamentale per la crescita dei bambini e dei ragazzi.

Un ‘oratorio moderno’ dove si gioca felici .- spiegano -, si socializza, si impara uno sport seguiti da istruttori preparati e dove i genitori affidano i propri figli in tutta serenità. Al centro di tutto ci deve essere il bambino e il ragazzo, con l’obiettivo di farlo divertire, migliorarlo tecnicamente e farlo crescere in salute”.

Sarà compito dei responsabili del settore giovanile e dei mister ascoltare quotidianamente ciò che i giovani atleti esprimono, così come confrontarsi con i genitori e fare squadra insieme per crescere e migliorarsi. “Divertimento, calcio e salute saranno i 3 cardini del nuovo settore giovanile del San Lorenzo – continuano Ortalli e Manzaroli -. La proposta sarà fortemente incentrata sulla crescita calcistica e non solo, dei suoi giocatori. Il settore giovanile condividerà una proposta tecnica, che a partire dalla classe 2017 fino alla 2007 sarà sviluppata dai mister con differenti modalità, per proporre esercizi in base alle età e abilità dei ragazzi delle squadre”.

La stagione calcistica sarà divisa in sei parti, ciascuna caratterizzata da un tema tecnico specifico. Sarà presente nello staff anche preparatore atletico laureato in Scienze motorie e osteopata che si occuperà di tutto il lavoro motorio-coordinativo durante gli allenamenti.

“Ci piacerebbe dare vita nel corso della stagione, infine, ad alcune idee ed iniziative – concludono i responsabili -, e saremmo ancora più felici se dal continuo confronto con i genitori ne nascessero altre”. Fra i progetti, la musica durante gli allenamenti, le domeniche al parco per giocare come una volta, le serate di approfondimento a tema con nutrizionisti e psicologi dello sport, le sedute di tecnica, il calcio d’estate con i personal mister, i campus estivi, il centro estivo e i campeggi in montagna.