Parma, la sicurezza urbana al centro del progetto europeo “UrbSecurity”

PARMA – Entra nel vivo il progetto europeo a cui è stato ammesso il Comune di Parma inerente la sicurezza urbana.

Si è svolto in questi giorni a Leiria, in Portogallo, l’incontro di avvio che culminerà, da parte della città aderenti, con la redazione di un Piano di Azione Integrato proprio su questo tema.

Il progetto UrbSecuirty è finanziato dal programma europeo per lo sviluppo urbano sostenibile e integrato delle città URBACT III e vede coinvolte, oltre a Parma, diverse realtà europee: Mesto Michalovce in Slovacchia; Municipality of Pella in Grecia; Szabolcs 05 Regional Development Association of Municipalities in Ungheria; Unione della Romagna Faentina in Italia; Longford in Irlanda; Madrid City Council in Spagna e Mechelen in Belgio.

Il progetto UrbSecurity ha come obiettivo quello di analizzare strategie innovative per migliorare la qualità della vita ed il senso di percezione della sicurezza nelle città coinvolte.

Il tema della sicurezza viene declinato dal progetto non solo come tema legato all’ordine pubblico, ma anche come tema collegato agli spazi urbani, alla socialità ed alla condivisione di questi da parte della cittadinanza. Migliorare su entrambi i fronti, mettendo a punto strategie adeguate, è possibile per dare vita a realtà urbane più inclusive, sicure, resilienti s sostenibili.

Si tratta di un progetto integrato che punta sul coinvolgimento dei portatori dei interesse, a partire dai cittadini, per redigere un piano di azione che sia in linea con le istanze espresse da ogni singolo territorio.

All’incontro a Leiria hanno preso parte per il Comune di Parma, il Comandante della Polizia Locale, Roberto Riva Cambrino; Debora Veluti, per la Struttura Operativa Controllo del territorio e Vigilanza Informatica della Polizia Locale, e Patrizia Marani, responsabile dell’Ufficio Politiche e Finanziamenti Comunitari del Comune di Parma.

Durante l’incontro sono state gettate le basi per l’attività di comunicazione e di programmazione inerente il progetto, mettendo a punto un metodo di lavoro condiviso di fondato sullo scambio ed il confronto.