Nuovo Coronavirus e solidarietà alimentare, dal pomeriggio di domani si potrà fare richiesta del “buono spesa”

29

Un numero dedicato e tutte le informazioni sul sito del comune di cesena

CESENA – All’emergenza sanitaria si aggiunge quella economica a cui il Governo fa fronte con un primo stanziamento a favore dei Comuni che in questo modo possono andare incontro a tutti coloro che stanno subendo le conseguenze delle misure restrittive messe in atto per limitare la diffusione del contagio del COVID-19.

Le risorse ai Comuni, per Cesena ammontano a 515 mila euro, sono destinate ad aiutare quei cittadini che in questi giorni di emergenza incontrano difficoltà nell’acquisto di generi alimentari: tra loro liberi professionisti, partite iva, lavoratori stagionali e precari, chi attende l’attivazione della Cassa integrazione, e tutti quei lavoratori costretti a casa e che hanno subito una rilevante riduzione del proprio reddito.

“Sono tante le famiglie cesenati che a seguito di queste settimane di emergenza – commenta il Sindaco Enzo Lattuca – riscontrano per la prima volta gravi difficoltà e non riescono ad andare avanti economicamente. Sono soprattutto lavoratori autonomi, commercianti, precari, inoccupati che si trovano in difficoltà nel pagare le utenze, l’affitto di casa, fare la spesa. Il provvedimento mira, nel suo complesso, ad arginare un’emergenza sociale derivata dalle difficoltà di una fascia della popolazione a reperire risorse e beni di prima necessità a seguito delle misure restrittive statuite per contrastare la diffusione del Coronavirus.

Anche per questo, abbiamo deciso di destinare 65mila euro (sul totale di 515 mila euro) a favore della Croce Rossa Italiana, della Caritas e di tutte quelle Associazioni del Terzo settore da sempre in prima linea per la solidarietà alimentare. Già dalle ore 13 di domani saremo in grado di ricevere le prime richieste e di lavorarle al fine di garantire l’accesso alle misure urgenti di solidarietà alimentare. Come ho più volte ribadito in queste ore mi auguro che la richiesta arrivi da chi ha un urgente bisogno di questo credito solidale perché semmai dovessimo riscontrare delle incongruenze nella compilazione del modulo interverremo con severità”.

Ciascun richiedente potrà telefonare al numero ad uso pubblico 0547 603555 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18 e il sabato dalle 8 alle 13 – e al quale verrà presto affiancata una seconda linea telefonica) oppure reperire tutte le informazioni necessarie sul sito del Comune di Cesena. Per poter accedere alle misure urgenti di solidarietà alimentare al cittadino è richiesta la compilazione di un modulo online con i propri dati anagrafici, il numero di cellulare, l’indirizzo mail.

È inoltre richiesto di specificare la composizione del proprio nucleo familiare e di essere in possesso dei seguenti requisiti economici: disponibilità finanziarie liquide al 31 marzo inferiore a 5 mila euro; di aver subito la riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare a causa della perdita di lavoro senza ammortizzatori sociali, del mancato inizio lavoro stagionale, della perdita del lavoro precario, della sospensione o forte contrazione dell’ attività di lavoro autonoma, del perdurare della condizione di inoccupazione o di indigenza, dell’attesa di ammortizzatori sociali non ancora liquidati; di non fruire di rendite superiori a 500 euro mensili.

“Il buono alimentare – spiega il Sindaco – verrà caricato sulla tessera sanitaria dei cittadini che faranno richiesta con una procedura totalmente informatica. Con questo credito i cittadini potranno fare la spesa in tutti i negozi di alimentari e supermercati convenzionati”. La determinazione del buono varia a seconda dei componenti del nucleo familiare: 1 componente 130 euro, 2 componenti 204, 3 componenti 265, 4 componenti 320. Dal quinto componente si sommano ulteriori 46 euro (+ 20 euro per ogni minore presente, + 50 euro per ogni disabile presente).

A partire da oggi, martedì 31 marzo, è inoltre attivo il seguente Conto Corrente IT 24 V 01030 23901 000001597874 per donazioni. Tutti coloro che lo desiderano potranno fare una donazione per aiutare le famiglie cesenati in difficoltà nell’acquisto della spesa e di beni di prima necessità. Un piccolo gesto può voler dire molto per chi in questo momento ha più bisogno di noi.