“Modena racconta” su Facebook i “Narratori dell’invisibile”

Mercoledì 29 aprile alle 19 appuntamento su “Città di Modena” con gli attori di Ert

MODENA – Riprendono mercoledì 29 aprile alle 19 con la seconda puntata dedicata allo scrittore Gianni Celati gli appuntamenti di “Modena racconta”, ciclo di letture con gli attori della Compagnia permanente di Emilia Romagna Teatro Fondazione, in diretta Facebook sulla pagina social del Comune “Città di Modena”, in collaborazione con la casa editrice civica digitale del Comune “Il Dondolo”, diretta da Beppe Cottafavi.

Mercoledì 29 aprile alle 19 la rassegna riparte con l’attrice Maria Vittoria Scarlattei che legge la seconda parte (la prima è stata trasmessa online il 22 aprile) del testo di Gianni Celati: “Verso la foce: diario di viaggio 2/3 giugno”. Anche questo brano, come il precedente e altre letture che seguiranno è tratto da “Narratori dell’invisibile”, titolo di un memorabile convegno dedicato a Italo Calvino, che si svolse a Sassuolo nel febbraio 1986 con scrittori, filosofi, scienziati e poeti, che avevano avuto rapporto diretto con Calvino o il suo lavoro, in relazione al proprio. Nel 1987 l’editore Mucchi di Modena ne fece un libro curato da Beppe Cottafavi e Maurizio Magri con in copertina una foto di Luigi Ghirri. Oggi quel libro è purtroppo introvabile in formato cartaceo, ma è stato ripubblicato online in ebook dal Dondolo.

La rassegna prosegue sabato 2 maggio sempre alle 19, secondo la cadenza che prevede due appuntamenti a settimana, con l’attore Daniele Cavone Felicioni che legge, di Daniele Del Giudice, “Lo stadio di Wimbledon” e “Atlandide” brani ancora tratti da “Narratori dell’invisibile”. Mercoledì 6 maggio Michele Lisi legge il racconto “Il miracolo di San Geminiano” da “Nebbie e miracoli autostrade e fastfood”, di Ugo Cornia e fiabe dello stesso autore modenese.

Tutti i video delle letture di “Modena racconta” dopo la diretta sono disponibili al link http://emiliaromagnateatro.com/ert-on-air e caricati sul canale YouTube Ert (https://www.youtube.com/user/emiliaromagnateatro) da cui si possono rivedere.