L’Affare Vivaldi giovedì 15 novembre al Teatro Bonci

CESENA – L’avvincente storia dei manoscritti di Vivaldi e di come rischiarono di andare perduti, raccontata in un raffinato concerto-reading: Luigi Lo Cascio riscrive e interpreta L’Affare Vivaldi di Federico Maria Sardelli (edito da Sellerio, vincitore del premio Comisso 2015 per la narrativa) dialogando con le musiche inedite del giovane musicista, magistralmente eseguite dall’Ensemble barocco Modo Antiquo. In scena al Teatro Bonci di Cesena giovedì 14 novembre.

I molti appassionati delle “Quattro stagioni” di Vivaldi non sanno che grandissima parte dell’opus del compositore è rimasta per secoli sepolta nelle biblioteche di famiglie aristocratiche decadute e che ha rischiato di non veder mai la luce.
Il romanzo di Federico Maria Sardelli ricostruisce un enigma culturale: la storia della discesa nel buio delle carte del grande musicista e della sua travolgente riscoperta, tra il 1741 e l’Italia fascista. Da un lato gli eventi che le seppellirono nell’oblio – peripezie assurde, incredibili, comiche, cariche a volte di suspense – dall’altro la caccia all’indietro che due eroici studiosi, Luigi Torri e Alberto Gentili, intrapresero per recuperarle. E poi le incredibili vicende legate al tentativo di renderle aperte alla fruizione pubblica, con un triste epilogo.

Una vicenda storiografica e musicologica che Luigi Lo Cascio riesce a trattare con deliziosa leggerezza e fine senso dell’umorismo, coniugando il registro narrativo con una straordinaria capacità di resa dell’ambientazione storica, che trascorre dalla fine del Settecento fino al ventennio.

Note biografiche

Luigi Lo Cascio
Nasce a Palermo nel 1967 e si diploma all’Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico. Lavora con i più importanti registi italiani, tra cui: Elio De Capitani (1990, La sposa di Messina), Giuseppe Patroni Griffi (1992, La signora delle Camelie), Roberto Guicciardini (1993, La morte di Empedocle; 1994, Coriolano; 1997, La figlia dell’aria; 1999, Il figlio di Pulcinella), Carlo Cecchi (1999, Amleto e Sogno di una notte d’estate), Luca Ronconi (2006, Il silenzio dei comunisti, con cui ottiene il Premio UBU come Migliore Attore dell’anno), Vincenzo Pirrotta (2009, Diceria dell’Untore), Federico Tiezzi (2016, Questa sera si recita a soggetto). Il suo esordio cinematografico è nel 2000, con Marco Tullio Giordana che lo sceglie come protagonista per I cento passi: Luigi Lo Cascio con la sua interpretazione di Peppino Impastato ottiene il David di Donatello come Migliore Attore Protagonista, il Globo d’Oro Premio Migliore Attore Rivelazione, il Premio Saint Vincent-Grolle d’Oro Migliore Attore e la Nomination Nastri d’Argento come Migliore Attore Protagonista. Al cinema, lavora con Giuseppe Piccioni, Marco Bellocchio, Cristina Comencini, Spike Lee, Giuseppe Tornatore, Pupi Avati, Paolo Virzì, Francesca Archibugi. Nel 2013 ha scritto, diretto e interpretato La città ideale, nominato Migliore Film Italiano alla Biennale di Venezia.

Federico Maria Sardelli
Figlio di Marc Sardelli (noto disegnatore, ritrattista e pittore), è un personaggio eclettico e irriverente, artista poliedrico, studioso – fra i massimi al mondo – della vita e delle opere di Antonio Vivaldi. Nel 1984 ha fondato l’orchestra Modo Antiquo, l’unico gruppo barocco che ha ricevuto ben due nomination ai Grammy Awards: la prima per il disco Vivaldi, Concerti per molti istromenti, votato come uno fra i migliori CD del mondo nel 1997.
Direttore, musicologo, compositore, flautista, è direttore principale ospite dell’Orchestra Filarmonica di Torino. È invitato come direttore in numerose altre orchestre, come il Gewandhaus di Lipsia, la Staatskapelle Halle, la Kammerakademie Potsdam, la Real Filarmonia de Galicia, il Maggio Musicale Fiorentino, l’orchestra della Fondazione arena di Verona, l’Orchestra da Camera di Mantova, l’orchestra dei Pomeriggi Musicali. Ha al suo attivo più di quaranta incisioni discografiche. La sua ricostruzione e prima incisione dei Concerti Grossi op. VI di Corelli con strumenti a fiato ha costituito un evento nel panorama della musica antica.

Di seguito la locandina sintetica:

L’Affare Vivaldi
concerto reading
Luigi Lo Cascio voce recitante
testo “L’Affare Vivaldi” di Federico Maria Sardelli (edizioni Sellerio)
drammaturgia Luigi Lo Cascio, Federico Maria Sardelli
musiche Antonio Vivaldi
Ensemble Modo Antiquo
Federico Maria Sardelli flauto dritto e traversiere
Raffaele Tiseo violino
Paolo Cantamessa violino
Bettina Hoffmann violoncello
Gianluca Geremia tiorba

durata: 1 ora e 30’ senza intervallo

Stagione 2019/2020

Teatro Bonci
Piazza Guidazzi – Cesena
14 novembre 2019
giovedì, ore 21.00

L’Affare Vivaldi

Informazioni
Biglietteria Teatro Bonci, Piazza Guidazzi – Cesena
tel. 0547 355959 fax 0547 355910 info@teatrobonci.it
Orari di apertura: martedì-sabato ore 10-12.30 e ore 16.30-19. Nei giorni di spettacolo: dalle ore 20 all’inizio spettacolo per gli spettacoli serali, dalle ore 14.30 all’inizio spettacolo per gli spettacoli diurni. Domenica, lunedì e festivi: chiusura, ad eccezione dei giorni di spettacolo con aperture alle ore 14,30 per gli spettacoli diurni; dalle 16,30 alle 19 e dalle ore 20 per i serali
Spettacolo compreso nell’abbonamento concerti
Prezzi dei biglietti: intero € 20, ridotto € 15, speciale Giovani e loggione € 12 – prevendita €1.
Prevendita via call center e on-line: 892.234 dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 19 e sabato dalle ore 9 alle ore 14 – www.vivaticket.it
cesena.emiliaromagnateatro.com