Al Memorial Vicenzi Verona sconfigge la UNAHOTELS

11
VERONA – TEZENIS VERONA – UNAHOTELS REGGIO EMILIA 84-72
(27-23; 47-39; 66-58)
VERONA: Cappelletti 10, Smith 10, Holman 15, Ferrari, Casarin 4, Johnson 9, Imbrò 13, Candussi 2, Rosselli, Anderson 18, Udom 3. All. Ramagli.
UNAHOTELS: Robertson 11, Funderburk, Anim 13, Reuvers 12, Suljanovic, Krampelj ne, Adeola ne, Faye, Vitali 15, Stefanini 3, Cinciarini 10, Diouf 8. All. Menetti.
Arbitri: Federico Brindisi, Andrea Valzani, Mirko Di Franco.
Prosegue con una battuta d’arresto il pre-campionato della UNAHOTELS Reggio Emilia. All’AGSM Forum di Verona è andato di scena il Memorial Mario Vicenzi, conclusosi con il punteggio di 84-72 per i padroni di casa della Tezenis.
Per coach Menetti, che aveva Cipolla ai box per una distorsione alla caviglia e Hopkins, appena tornato a Reggio dall’esperienza ad Eurobasket con l’Ungheria, non ancora a referto, buoni segnali nonostante la sconfitta dalle due guardie Anim e Vitali, autori rispettivamente di 13 e 15 punti, in doppia cifra insieme a Reuvers (12), Robertson (11) e Cinciarini (10). A far la differenza una grande prova al tiro da fuori della Tezenis, che ha chiuso la contesa con il 56% da 3 punti.
LA CRONACA. Menetti sceglie Cinciarini, Vitali, Anim, Reuvers e Diouf come primi cinque. Si tira con alte percentuali già dalle prime fasi del match: Holman insacca da una parte, Reuvers risponde dall’altra. Si accende subito anche Michele Vitali, che con cinque punti in fila sigla schiacciando in contropiede il 10-10 dopo 4′ di gara. Negli ultimi frangenti del primo quarto arrivano gli esordi in maglia UNAHOTELS prima di DJ Funderburk e successivamente di Kassius Robertson, nonostante il loro impiego venga minuziosamente centellinato dalla panchina reggiana: si va al primo break così sul 27-23 per i padroni di casa.
Il secondo quarto si apre con il primo vero allungo del match da parte della Scaligera, che vola fino al +10 sul 35-25. La UNAHOTELS reagisce con Anim e la bomba di Robertson, tornando subito al -5. Coach Menetti gestisce le rotazioni dei suoi e, come di consueto in questo pre-campionato, concede scampoli di partita anche ai baby Faye e Suljanovic. Verona però continua a martellare con grandi percentuali dalla lunga distanza, soprattutto con uno scatenato Holman (13 per lui a metà gara) e si va così all’intervallo lungo sul 47-39 per la Tezenis.
Reggio esce dagli spogliatoi con il piglio giusto ed inizia la ripresa guidata da due canestri pesanti ed un paio di assist di capitan Cinciarini, fino ad arrivare alla parità 49-49 e successivamente, con un libero di Robertson, al primo vantaggio. Ancora una volta però il finale di parziale è a favore della squadra di coach Ramagli, che torna al +8 con due bombe di Imbrò e chiude sul 66-58 all’ultimo break. Si arriva così ai dieci minuti finali del match, dove per la Scaligera si accende il tiratore Anderson, sigillando una fantastica serata al tiro dalla lunga distanza dei veronesi e portando i suoi fino al massimo vantaggio sul +15 (78-63). Menetti prova a scuotere i suoi con due timeout molto ravvicinati, ma nonostante un finale in crescendo reggiano la rimonta non arriva e alla sirena il tabellone dell’AGSM Forum recita 84-72 per la Scaligera.
La UNAHOTELS tornerà in campo mercoledì 14 settembre a Rovigo per affrontare la Nutribullet Treviso.