24°EmiliaRomagnaFest: Mozart: quartetto per oboe e archi l’8 luglio a Riolo Terme (RA)

4

emilia-romagna-news-24RIOLO TERME (RA) – Lunedì 8 luglio alle ore 21.15, presso la Sala Sante Ghinassi di Riolo Terme (RA) nell’ambito di Emilia Romagna Festival 2024, l’oboista Paolo Grazia – uno dei più importanti musicisti italiani contemporanei – si esibirà in Mozart: quartetto per oboe e archi. Paolo Grazia sarà accompagnato da un trio di giovani e talentuosi musicisti: Emiliano Gennari al violino, Davide Navelli alla viola ed Enrico Mignani al violoncello.

Paolo Grazia, uno dei più importanti oboisti italiani, è primo oboe nell’orchestra del Teatro Comunale di Bologna dove ha il ruolo di Maestro formatore. Un Maestro formatore è simile al “capomastro” di una bottega artistica rinascimentale, cioè riveste un ruolo di guida per giovani musicisti selezionati, con lo scopo di formarne i talenti professionali e artistici. Da questa idea nasce il progetto Boarding Pass, che vuole dare opportunità di crescita artistica e professionale a giovani musicisti talentuosi. E i musicisti talentuosi che non si sono lasciati sfuggire questa opportunità, e che in questo caso accompagneranno Paolo Grazia in Mozart: quartetto per oboe e archi, sono Emiliano Gennari al violino, Davide Navelli alla viola ed Enrico Mignani al violoncello. Il concerto di lunedì 8 luglio a Riolo Terme (RA) sarà dunque un’occasione in cui il pubblico potrà apprezzare un grande maestro che apre la strada a tre promettenti musicisti, attraverso l’interpretazione di un brano di uno dei più grandi geni della storia della musica: Wolfgang Amadeus Mozart.

Prima dell’esibizione con Grazia, Emiliano Gennari, Davide Navelli ed Enrico Mignani si esibiranno come trio, interpretando il Trio per archi n.1 op.3 di Ludwig van Beethoven, un brano scritto dal compositore tedesco nei primi anni del suo trasferimento viennese, 1795-1796. Il Trio in questione, oltre a essere la prima pagina scritta da Beethoven per un trio di soli archi, mostra un’evidente vicinanza stilistica con Mozart, che era deceduto solo quattro anni prima e di cui Beethoven conosceva benissimo la musica. Il Quartetto in fa maggiore per oboe e archi K1 370 (K6 368b) di Mozart è stato invece scritto circa quindici anni prima del trio beethoveniano. In quel periodo l’austriaco aveva già scritto con un notevole successo l’opera Idomeneo re di Creta e i tre quartetti per flauto, segno che stava sperimentando proprio queste formazioni da camera con archi e strumento a fiato, dimostrando già una notevole maturità artistica.

Paolo Grazia fin dall’inizio della sua carriera ha contribuito a valorizzare la forte tradizione musicale degli strumenti a fiato italiani. Vincitore di numerosi premi nazionali e internazionali, ha riportato significativi successi anche nell’ambito della musica da camera in competizioni, quali Ancona, Martigny, Palmi e Atkinson’s di Milano. Ha al suo attivo numerose tournée come solista, in quintetto, e in importanti formazioni cameristiche in Europa, Canada, Stati Uniti, Sud America; dal 2001 è regolarmente invitato in Giappone a tenere concerti e masterclass nelle Università giapponesi e al Hamamatsu wind festival, sempre in Giappone. È stato diretto in veste di solista da prestigiosi direttori quali Kakhidze, Inbal e Daniele Gatti. Attualmente docente presso la Scuola di Musica di Fiesole, tiene regolarmente masterclass in Italia e in Europa. Grazia ha effettuato registrazioni per Rai, Raisatshow, Bayerischer Rundfunk, Radio di Baden Baden.

INFO INGRESSO

Ingresso € 5 – Fino a 10 anni € 1 

Acquistabile su Vivaticket.

PROGRAMMA

Ludwig van Beethoven

Trio per archi n. 1 in mi bemolle maggiore, op. 3

Wolfgang Amadeus Mozart

Quartetto in fa maggiore per oboe e archi, K1 370 (K6 368b) 

L’INCANTO DEI LUOGHI

Incontro diVino con Caterina: ore 20 visita guidata serale in compagnia di Caterina Sforza dal borgo di Riolo. Alla fine del percorso degustazione di vini e prodotti del territorio (prenotazione a Rocca di Riolo 0546 77450)

BIOGRAFIA ARTISTA 

Paolo Grazia, primo premio al 4th International Oboe Competition of Tokyo, Secondo premio (primo non assegnato) al 42th Internationaler Musikwettbewerb di Monaco di Baviera con il “Quintetto Bibiena” col quale ha conseguito nel 2003 il premio “Abbiati” della critica. Paolo Grazia attraverso questi prestigiosi riconoscimenti ha contribuito a valorizzare la forte tradizione musicale degli strumenti a fiato italiani. Diplomatosi col massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio G.B.Martini di Bologna nel 1985, si è successivamente perfezionato con Ingo Goritzky presso la Hochschule fur musik di Stoccarda e, successivamente, ha seguito i corsi di Hansjorg Schellenberger presso l’Accademia Chigiana di Siena. È vincitore di numerosi premi Nazionali ed Internazionali, significativi sono stati anche i successi nell’ambito della musica da camera in competizioni quali: Ancona , Martigny, Palmi, Atkinson’s di Milano. Ha al suo attivo numerose tournée come solista, in quintetto, ed importanti formazioni cameristiche in Europa, Canada, Stati Uniti, Sud America e, dal 2001 è regolarmente invitato in Giappone a tenere concerti e masterclass nelle Università giapponesi e al “Hamamatsu wind festival”, sempre in Giappone. Primo oboe dell’Orchestra Giovanile Italiana dall’ 1984 al 1986, diviene docente preparatore nel 1988, nello stesso anno vince il concorso di Primo Oboe Solista presso l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia e, l’anno successivo, lo stesso concorso presso l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, ruolo che tuttora ricopre. È stato diretto in veste di solista da prestigiosi direttori quali: Kakhidze, Inbal e Daniele Gatti. Il Teatro Comunale di Bologna lo ha visto protagonista nell’esecuzione del “Divertimento” per oboe e orchestra scritto e diretto da quest’ultimo. Diverse anche le collaborazioni come primo oboe con “Orchestra Filarmonica della Scala”, “Orchestra dell’Accademia Nazionale di S.Cecilia”, Royal Philarmonic Orchestra”, City of Birminghan Simphony Orchestra”, “Chamber Orchestra of Europe” con quest’ultima anche in veste di solista. Numerose anche le collaborazioni con prestigiose compagini italiane quali: Solisti Veneti, Orchestra da camera di Mantova, Solisti di Pavia. Attualmente docente presso la “Scuola di Musica di Fiesole”, tiene regolarmente masterclass in Italia ed in Europa. Ha effettuato registrazioni per Rai, Raisatshow, Bayerischer Rundfunk, Radio di Baden Baden. Per la casa discografica Agorà ha inciso il Concerto in Do magg K314 di W.A. Mozart e un cd di Fantasie su opere di G. Donizetti , per Tactus ha inciso con l”Ensemble Respighi” l’integrale dei Concerti per oboe di Vivaldi e tre concerti inediti di F. Margola. Paolo grazia suona un oboe Yamaha mod Yob 831 GR.

WWW.EMILIAROMAGNAFESTIVAL.IT 

Ufficio Stampa ERF – Emilia Romagna Festival

Michela Giorgini

Link Utili

Facebook: Emilia Romagna Festival https://www.facebook.com/ERFestival/

Youtube: ERFestival https://www.youtube.com/user/ERFestival2010?feature=guide

Instagram:  https://www.instagram.com/emiliaromagnafestival

XXIV Emilia Romagna Festival – ERF

Classico è contemporaneo

3 luglio – 11 settembre 2024

MOZART: QUARTETTO PER OBOE E ARCHI

PAOLO GRAZIA oboe

EMILIANO GENNARI violino

DAVIDE NAVELLI viola

ENRICO MIGNANI violoncello

Lunedì 8 luglio 2024, ore 21.15

RIOLO TERME – Sala Sante Ghinassi