Unife: Daniele Seragnoli e Michalis Traitsis alla giornata di formazione teatro sociale e di comunità

laboratorio-poledrelli-2015-2016-iiMILANO  – LA FORMAZIONE NEL TEATRO SOCIALE E DI COMUNITA’.

Interventi di Daniele Seragnoli e Michalis Traitsis
Daniele Seragnoli, direttore del Centro Teatro Universitario e delegato del Rettore alle Pratiche teatrali in ambito sociale, e Michalis Traitsis di Balamòs Teatro, responsabile dei laboratori del CTU, parteciperanno alla giornata di lavoro “La formazione nel teatro sociale e di comunità”, che si terrà sabato 5 novembre alla Civica Scuola di Teatro “Paolo Grassi” di Milano (via Salasco, 4).

Spiegano Seragnoli e Traitsis: “Sarà un’occasione per presentare e discutere i progetti di formazione tramite linguaggi e pratiche del laboratorio teatrale, frutto di una collaborazione ormai decennale presso l’Università di Ferrara, con il coinvolgimento di altri partner e istituzioni locali ed extra regionali. Tra i percorsi consolidati, l’offerta di laboratorio teatrale del CTU all’intera comunità dell’Ateneo e alla città, il progetto Passi Sospesi negli Istituti penitenziari di Venezia e l’attività didattica nell’ambito del Master universitario Tutela e diritti dei minori.  A questi si aggiungono più recenti attività di formazione nell’ambito dei processi di integrazione presso le scuole ferraresi nell’area GAD (in collaborazione con il Comune di Ferrara), il laboratorio teatrale indirizzato a caregivers, anziani e operatori dei servizi (in collaborazione con ASP-Centro Servizi alla Persona/Servizio anziani), diversi altri laboratori presso il CTU rivolti a studenti dell’area medica dell’Università di Ferrara, dottorandi, pazienti psichiatrici”.

Programma della giornata La formazione nel teatro sociale e di comunità
5 novembre 2016
Civica Scuola di Teatro “Paolo Grassi”, via Salasco 4, Milano
ore 10.00-17.00 #BP2016 | Teatro sociale e di comunità: la formazione degli operatori. Scuole e idee a confronto, a cura di Mimma Gallina e Oliviero Ponte di Pino, con la collaborazione di Vito Minoia, Alessandro Pontremoli, Mimmo Sorrentino, #AteatroPro, #AteatroOpen, #AteatroDoc (in collaborazione con la Civica Scuola di Teatro “Paolo Grassi”). L’iniziativa intende riflettere su bisogni, metodi, competenze e risultati, valorizzando le esperienze più significative e le buone pratiche attivate in ambito professionale e accademico a livello nazionale e favorendone la condivisine e diffusione. Una particolare attenzione agli operatori più giovami si attuerà anche mettendo a disposizione dei progetti allo stato nascente la competenza di alcuni fra i massimi esperti del settore, con la modalità del “mentoring”.
ore 18.00-19.30 Che cosa è il teatro sociale? A cura di Vito Minoia, Alessandro Pontremoli, Mimmo Sorrentino, #AteatrOpen (in collaborazione con la Civica Scuola di Teatro “Paolo Grassi”).  “Una pratica teatrale, con metodologie specifiche, in cui équipe di professionisti esperti di teatro e di promozione del benessere delle persone operano con gruppi e comunità di cittadini – spesso svantaggiati – e realizzano percorsi teatrali, performance e progetti con finalità culturali, civili, artistiche e di benessere psicosociale”: a partire da questa definizione, tre esperti illustrano al pubblico le finalità e le modalità produttive di uno dei settori più vitali del teatro contemporaneo, offrendo strumenti di comprensione e interpretazione allo spettatore.
La giornata si inserisce all’interno di “Passioni e saperi. Buone pratiche, incontri e strumenti per lo spettacolo. I progetti della Associazione Culturale Ateatro per il 2016/2017”.
Il teatro sociale e di comunità rappresenta un’area creativa, innovativa e in grande espansione, ed è il terreno su cui più concretamente si misurano gli obiettivi di partecipazione e accesso: improvvisarsi operatori di teatro sociale può fare danni, ma la formazione “accademica” non si addice al settore. Il progetto affronta il tema con un esperimento sul campo, un appuntamento delle Buone Pratiche e un incontro aperto al pubblico.  Documenterà il progetto un dossier speciale sulla rivista europea “Catarsi-Teatri delle Diversità”.
Con il sostegno della Fondazione Cariplo e con il patrocinio del Comune di Milano-Assessorato alle Politiche Sociali, Salute e Diritti, in collaborazione con la rivista europea “Catarsi-Teatri delle Diversità” e Università di Torino-SCT Social and Community Theatre Centre.