Sagra Malatestiana, una raccolta di cantate barocche in prima esecuzione moderna apre mercoledì sera il ciclo di musiche antiche

palazzo del municipio RiminiRIMINI – Con le cantate di un compositore riminese del Seicento, proposte per la prima volta in tempi moderni nella suggestiva cornice del Chiostro della Biblioteca Gambalunga, prende avvio mercoledì – 21 agosto – ore 21.30 – il ciclo di appuntamenti che la Sagra Musicale Malatestiana dedica alla musica antica, spaziando dalla polifonia rinascimentale alla musica vocale e strumentale del XVIII secolo.

Quattro le cantate composte nel tardo Seicento da Mario Bianchelli e al centro dell’originale programma intitolato Più delle stelle. Luci mie belle proposto dal gruppo Arsemble, affidato alla voce del contralto Marcella Ventura accompagnata da Joanna Dobrowolska al violino, Riccardo Mistroni alla chitarra barocca, Ettore Marchi all’arciliuto, Antonello Manzo al violoncello e Maria Elena Ceccarelli al clavicembalo.

La raccolta di cantate di Mario Bianchelli sono conservate in un manoscritto della Biblioteca Gambalunga e restano ad oggi l’unica opera sopravvissuta di un autore originario di una nobile e facoltosa famiglia riminese e ammirato per l’arte di suonare strumenti come la chitarra e il violino. Oltre a far luce su una figura poco nota della storia della musica secentesca, il concerto dell’Arsemble valorizza il patrimonio della Biblioteca Gambalunga, nell’ambito delle celebrazioni per il quarto centenario della fondazione della prestigiosa istituzione.

Il ciclo di musiche antiche della Sagra Musicale Malatestiana prosegue alla Chiesa di Sant’Agostino (25 agosto) con le pagine composte da Guillame Dufay per la corte di Rimini e affidate al Malatesta Ensemble guidato dall’organista Cristina Alís Raurich e continua a Castel Sismondo con un omaggio a Leonardo da Vinci (11 settembre) curato dal soprano Arianna Lanci valendosi di una serie di strumenti a tastiera ricreati dall’inesauribile inventiva del genio rinascimentale di cui si celebra il quinto centenario della morte. Inoltre un recital di Francesco Tasini alla Chiesa del Suffragio di Savignano (18 settembre) sarà una preziosa occasione per dare risalto al patrimonio organario del territorio di Rimini. Infine con la voce del soprano Laura Catrani accompagnata al clavicembalo e all’organo da Claudio Astronio il ciclo si conclude alla sala Pamphili del Complesso degli Agostiniani (29 settembre) con un itinerario in equilibrio tra il passato e il presente della musica.

Informazioni: Ingresso 10 euro, apertura cassa ore 20. Prevendita al Teatro Galli, dal martedì al sabato dalle ore 10.00 alle 14.00 e martedì e giovedì anche dalle 15,00 alle 17,30 .

Più delle stelle. Luci mie belle
Musiche di Mario Bianchelli
In occasione del 400° della morte di Alessandro Gambalunga
Marcella Ventura contralto
Riccardo Mistroni chitarra barocca
Ettore Marchi arciliuto
Joanna Dobrowolska violino barocco
Antonello Manzo violoncello barocco
Maria Elena Ceccarelli clavicembalo