Rupe di San Leo (RN), completato il progetto definitivo per il consolidamento della parete sud

27

L’assessore Priolo: “Già al lavoro per chiudere l’ultimo stadio della progettazione esecutiva, con l’obiettivo di concluderla entro aprile e avviare quindi l’appalto dei lavori”. sabato 27 febbraio settimo anniversario dalla frana che portò a valle oltre 300mila metri cubi di roccia

RIMINI – È la perla della Val Marecchia, ma nonostante l’aspetto imponente ha dimostrato di potersi rivelare fragile. Per questo la Regione fa un nuovo passo avanti per la messa in sicurezza della Rupe di San Leo, dove sorge la celebre fortezza riminese. Nei giorni scorsi si è chiusa infatti la progettazione definitiva degli interventi di consolidamento sulla parete sud, finanziati con 2 milioni di euro. Entro l’anno si concluderanno inoltre le opere già avviate sulla parete est, dal valore di ulteriori 2 milioni.

“Si tratta di un risultato importante che arriva proprio nei giorni in cui si ricorda il settimo anniversario dell’ingente crollo del 27 febbraio 2014, quando erano franati oltre 300 mila metri cubi di roccia” spiega l’assessore regionale alla protezione civile, Irene Priolo.

Da allora sono stati messi a disposizione dalla Regione oltre 5 milioni 800 mila euro per effettuare rilievi, indagini e programmare interventi.

“Un impegno determinante, possibile solo grazie ad un gioco di squadra che ha coinvolto tutti i livelli istituzionali e ha saputo rafforzarsi grazie al coinvolgimento della comunità scientifica e accademica su scala nazionale– aggiunge l’assessore-. Ora quell’impegno prosegue con la progettazione delle opere di consolidamento dell’intera parete sud. Entro aprile si conta di ultimare anche la progettazione esecutiva, per poi avviare le procedure d’appalto di lavori attesi e strategici per la difesa delle abitazioni, della fortezza e dell’unica strada di accesso al paese”.

Ad essere interessato dal nuovo cantiere, in particolare, sarà l’intero tratto che dallo spigolo sud-est della parete, sotto la fortezza, si sviluppa oltre l’arco di ingresso all’abitato.

Gli interventi sono a cura dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, che ha svolto approfonditi rilievi e indagini per acquisire le necessarie conoscenze sulla morfologia della roccia e sul suo stato di fratturazione. Si prevede la posa di ancoraggi, chiodature, imbracature con funi di acciaio, pannelli in funi di acciaio e reti metalliche, fatti precedere dal distacco controllato e dalla demolizione di blocchi rocciosi pericolanti.

Foto 1: Rupe di San Leo, il crollo del 27 febbraio 2014

Foto 2: Rupe di San Leo, versante sud