Riders: Protocollo per migliorare le condizioni di lavoro

37

Firmato ieri in Municipio dall’assessore al Lavoro Bosi e dai rappresentanti delle organizzazioni sindacali

MODENA – Migliorare le condizioni del lavoro quotidiano dei riders modenesi attuando azioni concrete come l’adozione di misure per tutelare la salute e la sicurezza dei ciclofattorini e la disponibilità di spazi al coperto dove poter sostare in sicurezza e al riparo. È questo uno degli obiettivi principali del Protocollo d’intesa per la promozione di una buona occupazione nel settore del food delivery che è stato sottoscritto in Municipio nella mattinata di oggi, mercoledì 24 febbraio, dal Comune di Modena, rappresentato dall’assessore al Lavoro Andrea Bosi, e dalle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, per le quali erano presenti Cesare Pizzolla e Daniele Dieci (Cgil), Rosamaria Papaleo (Cisl) e Raffaele Perfetto (Uil).

Come si rileva nelle premesse del Protocollo, i cui indirizzi erano stati definiti in un primo incontro lo scorso 27 gennaio, nel corso della pandemia gli utili delle imprese di food delivery sono aumentati mentre, allo stesso tempo, le condizioni di lavoro dei riders, che a Modena sono stimati in oltre quattrocento, sono peggiorate. L’intesa prende atto di questa situazione e prova a intervenire per ribadire il principio che il lavoro deve essere di qualità, stabile e adeguatamente remunerato, come sancito anche dal Patto per il lavoro e il clima della Regione Emilia Romagna, e rivendicare il riconoscimento di pieni diritti e tutele al pari dei lavoratori subordinati, come previsto da molte sentenze dei tribunali in Italia.

“Per fare concretamente dei passi in avanti – commenta l’assessore Bosi – ci siamo impegnati, come Comune, a sottoporre il Protocollo all’associazione Rete Imprese e agli operatori del settore, in un’azione di sensibilizzazione che porti a un miglioramento delle condizioni di lavoro dei fattorini. Ma stiamo anche chiudendo degli accordi, che formalizzeremo nei prossimi giorni, per mettere a disposizione di questi ragazzi tre luoghi coperti e sicuri, distribuiti tra Modena sud, nord e centro, dove potersi riposare, riparare se necessario e dove poter ricaricare gli smartphone”.

Nel Protocollo, inoltre, si chiede che le piattaforme di food delivery adottino misure di protezione per la salute e la sicurezza dei riders, per contrastare e contenere la diffusione del covid-19.

Sottolineando, infine, che il lavoro dei riders può essere disciplinato soltanto attraverso la contrattazione collettiva nazionale sottoscritta dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, il Protocollo ribadisce che “il contratto collettivo nazionale Merci e logistica offre già risposte adeguate a rispondere alle esigenze di flessibilità tipiche di questo settore, in un perimetro certo di tutele normative e salariali per i lavoratori”