Progetto Dvorak il 17 maggio concerto al Teatro Bonci

23

CESENA – Lunedì 17 maggio torna al Bonci l’Orchestra Sinfonica del Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena con un programma monografico dedicato al compositore ceco Antonín Dvorak, di cui interpreta due opere sinfoniche, il Concerto per violino e la Sinfonia ‘Dal Nuovo Mondo’, sotto la direzione di Stefano Pagliani, con il violino solista del lettone Ilya Grubert.
La prima serata di concerto dopo la riapertura del Teatro, organizzata dal Conservatorio “Bruno Maderna” in collaborazione con il Conservatorio di Salerno e il Programma Erasmus+, inizia alle ore 19.00.

II Concerto si inserisce nel solco della tradizione violinistica alta: tra i più importanti brani di repertorio per i virtuosi dello strumento, si distingue per la ricchezza dell’espressione e per le innovazioni formali.

‘Dal Nuovo Mondo’ è una delle sinfonie più note del repertorio. Nona e ultima nel catalogo di Dvořák, che come altri compositori romantici non volle superare il fatidico numero d’opera beethoveniano, venne eseguita per la prima volta nel 1893 alla Carnegie Hall di New York con grande successo.
Nonostante il richiamo a ritmi ‘esotici’, l’ispirazione della sinfonia non è mai popolare, e piuttosto, è l’innovazione del linguaggio e della forma a renderla inconfondibile. Anche le poche citazioni folkloristiche sono inserite in un contesto raffinato, caratterizzato da grande plasticità tematica e timbrica, e il Nuovo Mondo vi compare più come un’impressione nell’ambito di una ricerca complessa.

Ilya Grubert
Nato a Riga, in Lettonia, inizia gli studi alla Scuola di Musica “E. Darzin”.
Nel 1975 vince il Concorso “Sibelius” di Helsinki e nel 1978 sia il Concorso “Paganini” di Genova sia il Concorso “Tchaikovsky” di Mosca.
Da quel momento suona con le migliori orchestre al mondo.
È stato diretto da Mariss Jansons, Gennady Rozhdesvensky, Voldemar Nelson, Mark Wigglesworth e MaximShostakovich. Si è esibito negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e in tutta l’Europa.
Vive in Olanda ed è docente al Conservatorio di Amsterdam.
Suona un violino Pietro Guarnieri del 1740 appartenuto a Wieniawski.

Stefano Pagliani
Si forma alla scuola di Paolo Borciani, primo violino del Quartetto Italiano.
È stato Konzertmeister del Teatro alla Scala di Milano e della Orchestra Filarmonica, oltre che nelle più prestigiose orchestre italiane.
Ha fondato il “Trio d’archi della Scala”, i “Virtuosi Italiani”, i “Solisti della Scala”.
Ha collaborato con l’Orchestra Filarmonica di Lucerna e con l’Orchestra Mozart.
Lorin Maazel lo ha definito «il più autorevole Konzertmeister presente in Italia».
Tra i suoi ultimi tour: Sud America, Canada, Nord America, Asia.
All’attività concertistica affianca l’attività didattica, collaborando con vari Conservatori e Accademie italiane. Nel 2019 ha fondato la “Scuola italiana d’Archi”.

Progetto Dvorak
Orchestra Sinfonica del Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena
Direttore Stefano Pagliani
Violino solista Ilya Grubert
Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena
in collaborazione con Conservatorio “Giuseppe Martucci” di Salerno
e Programma Erasmus+

PROGRAMMA

Antonín Dvořák

Concerto per violino in la minore op. 53
Allegro ma non troppo
Adagio ma non troppo
Finale. Allegro giocoso, ma non troppo

Sinfonia n. 9 in mi minore “Dal Nuovo Mondo” op. 95
Adagio – Allegro molto
Largo
Scherzo. Molto vivace
Allegro con fuoco

Teatro Bonci Piazza Guidazzi, Cesena
lunedì 17 maggio 2021 ore 19.00

Progetto Dvorak

Orchestra Sinfonica del Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena
Direttore Stefano Pagliani; Violino solista Ilya Grubert

Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena
in collaborazione con
Conservatorio “Giuseppe Martucci” di Salerno e Programma Erasmus+

durata: 1 ora e mezza

Il Conservatorio “Bruno Maderna”
propone il primo concerto al Bonci dopo la riapertura

Informazioni:
Teatro Bonci, piazza Guidazzi – Cesena
Prezzi dei biglietti: da € 7 € a € 15
Biglietteria: dal martedì al sabato dalle 10.00 alle 14.00
Tel. 0547 355959 – info@teatrobonci.it | cesena.emiliaromagnateatro.com