Natale e Capodanno da Gourmet all’Antica Corte Pallavicina

36
Antica Corte Pallavicina – Chef Massimo Spigaroli – Credit Andrea De Simon

POLESINE PARMENSE (PR) – In questo magico periodo natalizio, l’Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense (PR) si veste di luci scintillanti e atmosfere avvolgenti, regalando un’esperienza unica nel cuore della Bassa parmense. Fondato nel 1990 dai fratelli Massimo e Luciano Spigaroli, questo gioiello trecentesco affacciato sulle rive del fiume Po è il risultato di una passione tramandata attraverso generazioni.

La storia della Corte Pallavicina è intrecciata con le radici profonde della famiglia Spigaroli, iniziata nell’Ottocento con il bisnonno Carlo, mezzadro del Maestro Giuseppe Verdi. Oggi, la tenacia e la creatività di Massimo e Luciano Spigaroli la portano a risplendere come un’autentica oasi dedicata all’ospitalità, alla ristorazione e alla storia contadina.

Il ristorante omonimo, guidato dallo chef stella Michelin Massimo Spigaroli, propone la cucina gastro-fluviale, utilizzando al 95% materie prime coltivate nell’orto-giardino, nei frutteti e nei campi circostanti. Le cantine, risalenti al 1320, ospitano i celebri Culatelli, simbolo della Bassa parmense, amati da gourmet e chef internazionali.

Il 2024 è un anno di successi, con il ristorante che riceve per il 13° anno consecutivo una stella Michelin e si posiziona al 17° posto nella classifica di 50 Top Italy nella categoria Cucina d’Autore. Ecco perché trascorrere le Feste qui coi propri cari ha un sapore unico, immersi nell’atmosfera suggestiva dell’Antica Corte Pallavicina, dove la tradizione, la gastronomia e l’ospitalità si fondono per creare ricordi indimenticabili.

Il menu di Natale si apre con il pregiato Culatello Platinum Spigaroli, seguito dagli Anolini delle Terre dei Pallavicino in Brodo di Terza. Il momento del bollito misto della tradizione, con la mostarda e le tre salse, è una celebrazione di sapori autentici. La Tacchinetta del Ducato, disossata e accompagnata con i marroni, porta un tocco raffinato alla tavola natalizia. Il sorbetto di Fortana con il gel di limone prepara i palati per il successivo Semifreddo al Panettone con Salsa allo Zabaione. Il pranzo si conclude con le Piccole Dolcezze Natalizie, seguite da caffè ed infusi di Corte. In abbinamento ai piatti, saranno serviti i vini dell’Antica Corte Pallavicina, elevando l’esperienza gastronomica a un nuovo livello di raffinatezza.

A Capodanno invece si parte per un viaggio culinario nel cuore del Po, complice un menu esclusivo creato dallo chef stella Michelin Massimo Spigaroli. Il menu si apre con un antipasto raffinato: l’Uovo a Guscio Bianco Poché su Crema di Patate Dolci, Castagne, Cimette di Rapa con Tartufo Bianco di Golena’, accompagnato dal vino ‘I Giardini di Tanit, ‘A Tardiata Terre Siciliane Bianco 2022’. Come primo piatto ‘Ravioletti Cotti in Vescica, Fonduta di Parmigiano dei 12 Anni, Bottarga di Culatello e Tartufo Bianco di Golena’, da gustare con un’eccellente bottiglia di Champagne ‘Demière, Champagne Cuvée Exclusive FV Brut sans Année’. Il secondo piatto presenta lo ‘Storione Leggermente Dorato, Lamelle di Lardo Magro, Salsa di Finocchio e Cimette di Rapa’, abbinato al vino ‘Di Poli, Voglar Alto Adige Sauvignon 2020’. Il sorbetto al vino Fortana e zeste di limone prepara il palato per il successivo ‘Lombetto di Cervo su Morbido di Sedano Rapa, Purea di Broccoli, Composta di Arancia Amara e il suo Fondo al Porto Rosso’, da gustare con il vino ‘Bentu Luna, Sobi 2019’. Per dessert, una deliziosa ‘Charlotte al Panettone e Mela Rossa’ accompagnata dallo spumante ‘Maeli, Fior d’Arancio Colli Euganei Spumante Dolce 2020’ e per finire in bellezza piccole dolcezze di fine anno, caffè ed infusi di Corte, e il brindisi con il prestigioso ‘Trento Classico Blanc de Blancs Brut Nature 2018’.