Modena, sostituito il defibrillatore rubato

35

Il dispositivo di via Emilia centro è stato donato dai cittadini e degli Amici del cuore. Il sindaco Muzzarelli: “Chi ha sottratto l’apparecchio lo riconsegni”

MODENA – È stato collocato nel pomeriggio di martedì 26 maggio il nuovo defibrillatore automatico che sostituisce quello rubato alcune settimane fa in via Emilia centro. Il dispositivo, posizionato all’altezza dell’incrocio con via San Carlo, è stato donato da un gruppo di cittadini riuniti sui social network e dall’associazione “Amici del cuore”.

All’iniziativa, avvenuta nel rispetto delle misure di sicurezza sull’emergenza sanitaria, hanno partecipato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli, l’assessora alle Politiche sociali Roberta Pinelli e i rappresentanti dei donatori: per gli “Amici del cuore” il presidente Giuliano Alessandrini e il funzionario Roberto Gatti; per i cittadini Vito Carlo Micene.

Nella colonnina presente nei pressi del civico 145 di via Emilia centro, all’esterno delle colonne del portico, era presente un defibrillatore dal 26 novembre 2018, quando era stato installato grazie alla donazione della Croce Rossa Italiana. Il dispositivo è rimasto attivo fino alla notte del 12 maggio, quando è stato sottratto dalla sua sede, probabilmente in un atto di vandalismo. A seguito del furto, il giorno successivo alcuni cittadini hanno avviato una campagna di donazioni su Facebook, istituendo la pagina “Riacquistiamo il defibrillatore di via Emilia centro”, che in pochi giorni ha raccolto oltre 250 adesioni.

Il gruppo ha coinvolto l’associazione “Amici del cuore”, che si è unita alla solidarietà, contribuendo economicamente fino al raggiungimento della cifra necessaria per acquistare il macchinario, oltre 1.200 euro.

“Grazie a tutti per il gesto – ha affermato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli – nei confronti della città. Ma chiediamo anche a chi ha sottratto il precedente dispositivo, di restituirlo”.

Il defibrillatore automatico, dotato di allarme, è utilizzabile anche da persone senza preparazione specifica che, in caso di emergenza, vengono guidate telefonicamente dal 118.