L’omaggio di Modena ai caduti e all’unità nazionale

2

Nella cerimonia di martedì 2 novembre messa al cimitero di San Cataldo. Giovedì 4 sarà anche possibile transitare nel Cortile d’onore dell’Accademia militare

MODENA – Dopo la cerimonia del 2020 svolta in forma ridotta a causa delle restrizioni legate all’emergenza sanitaria, quest’anno viene nuovamente celebrata la messa a suffragio dei defunti e dei caduti di tutte le guerre che, come di consueto, si svolge nella giornata 2 novembre nella chiesa del cimitero metropolitano di San Cataldo di Modena alla presenza delle autorità cittadini civili e militari. Alla funzione di martedì 2, in programma alle ore 9, partecipa anche il sindaco Gian Carlo Muzzarelli; a seguire lo stesso sindaco e il generale di brigata Davide Scalabrin, comandante dell’Accademia militare, rendono omaggio ai caduti di tutte le guerre con la deposizione di una corona.

Giovedì 4 novembre al monumento dei Caduti di viale Rimembranze, in occasione della Festa dell’unità nazionale e della Giornata delle forze armate e del combattente, invece, è in programma l’alzabandiera e la deposizione di una corona al Monumento ai Caduti di viale delle Rimembranze. La cerimonia, prevista alle 9, prosegue alla lapide “Ferdinando Ruffini” nella sede della Prefettura (9.15) e al Sacrario della Ghirlandina (9.30).

Nel centenario della traslazione della salma del Milite ignoto all’Altare della Patria e nel 73esimo anniversario della Carta costituzionale, la cerimonia rappresenta quindi l’occasione per sottolineare “l’eroismo dei nostri soldati, in larga parte operai e contadini, che combatterono e caddero fino al raggiungimento della vittoria”, affermano gli organizzatori, e per ricordare “l’orgoglio del popolo e dei militari italiani che, con la lotta al nazifascismo, hanno restituito libertà e dignità al Paese”. Rilevando l’importanza “di trasmettere alle giovani generazioni la memoria storica come monito e testimonianza affinché non si ripetano più gli orrori del passato”, la giornata del 4 novembre costituisce dunque un momento per “manifestare riconoscenza alle forze armate, presidio delle istituzioni repubblicane, e a tutti i nostri militari impegnati nell’adempimento del proprio dovere in Italia e all’estero”.

Sempre nella giornata del 4 novembre, nell’ambito dell’iniziativa “Caserme aperte”, dalle 15.30 alle 19.30 è consentito il transito nel Cortile d’onore dell’Accademia militare, da corso Vittorio Emanuele a via Farini e viceversa. I cittadini potranno quindi attraversare e conoscere uno dei luoghi più significativi di Palazzo ducale in occasione di una giornata particolarmente significativa per le forze armate.