“L’Impavida”: nel libro di Rita Coruzzi “La vita ribelle di Cia degli Ordelaffi”

11

Venerdì 3 maggio 2024 alle 17 incontro con l’autrice in sala Agnelli e in diretta video sul canale youtube Archibiblio web

FERRARA – Ripercorre “La vita ribelle di Cia degli Ordelaffi, la donna che sfidò il papa” il libro di Rita Coruzzi dal titolo “L’impavida” (Piemme Edizioni, 2024) che venerdì 3 maggio 2024 alle 17 sarà presentato nella sala Agnelli della biblioteca comunale Ariostea (via Scienze 17 Ferrara).
Dialogheranno con l’autrice: Ivana Sica ed Elisa Bochicchio, con introduzione a cura di Anna Quarzi.

L’incontro, a cura del Gruppo di Lettura Lions, potrà essere seguito anche in diretta video sul canale youtube Archibiblio web.

LA SCHEDA (a cura degli organizzatori)
È il 1334 quando la giovane e bellissima Marzia degli Ubaldini, detta Cia, sposa Francesco degli Ordelaffi, signore di Forlì e di Cesena. E con quel matrimonio sancisce l’abbandono a tutto ciò che è stata la sua vita fino a quel momento. È sempre stata un’abile cavallerizza, amante più dei giochi d’armi che del ricamo e della pittura, ma più come fossero uno svago, un divertimento. Accanto al marito, invece, dovrà affrontare prove durissime, inganni e tradimenti, sconfitte, a cui però non si piegherà mai.
Quando papa Innocenzo VI, da Avignone, decide che è giunto il momento di restaurare lo Stato Pontificio e di rimpossessarsi delle terre di Emilia e Marca, Cia e Francesco non abbassano la testa: quella è la loro terra e, se il Pontefice la vuole, dovrà prenderla col ferro e con il fuoco. Per contrastare le truppe inviate da Roma, i due sono costretti a separarsi e a difendere ognuno una città: lui resta a Forlì, il feudo di maggior prestigio, mentre lei, sola, insieme ai figli e a uno sparuto manipolo di soldati, si chiude nella Rocca di Cesena in attesa della battaglia.
Sarà un assedio terribile, con una popolazione stremata che alla fine cederà alle lusinghe dei guelfi, ribellandosi alla sua signora in nome del Papa, ma Cia non lascerà mai il posto nelle prime linee, accanto ai suoi soldati neanche quando la sua vita sarà in pericolo.
Rita Coruzzi riporta in vita una donna straordinaria e impavida, un personaggio storico femminile modernissimo da riscoprire.

Nata a Reggio Emilia, Rita Coruzzi ha frequentato il liceo classico, conseguendo la laurea triennale in Lettere presso l’Università di Parma nel 2009, e la laurea magistrale in Giornalismo e cultura editoriale nel 2012 presso la medesima università. Ha partecipato a numerose trasmissioni televisive, tra cui “Porta a Porta”, “La vita in diretta”, “Uno mattina”, “Mattino cinque”, “A sua immagine” e altri programmi. Dopo aver pubblicato il suo primo libro a 18 anni, ha intrapreso la strada dei romanzi storici, giungendo ora alla 22esima pubblicazione: L’impavida è il suo quarto romanzo storico dopo Matilde, L’eretica di Dio e La giudicessa. I suoi libri hanno ottenuto numerosi premi in concorsi letterari, così come diversi sono stati i riconoscimenti personali: il 2 giugno 2023 è stata insignita della nomina a Cavaliere della Repubblica.

Il programma completo degli appuntamenti culturali della biblioteca comunale Ariostea di Ferrara alla pagina: http://archibiblio.comune.fe.it

Link diretto al canale youtube Archibiblio web con le dirette e l’archivio delle registrazioni degli incontri: https://www.youtube.com/channel/UC1_ahjDGRJ3MgG45Pxs90Bg