Liberazione di Rimini: il 21 settembre cerimonia per il 78° anniversario

7
palazzo del municipio RiminiRIMINI – Rimini si appresta a festeggiare il 78° Anniversario della Liberazione della città avvenuta il 21 settembre 1944. Prenderà infatti avvio alle ore 11 di mercoledì 21 settembre, la cerimonia commemorativa che vedrà la posa di corone d’allora sia ai piedi del monumento ai Caduti nel cimitero di guerra del Commonwealth sulla superstrada di San Marino, sia a Monte Cieco (via Santa Cristina) dove la corone saranno poste davanti al monumento ai Caduti.
Una commemorazione importante per ricordare i giovani che vennero a combattere in terra straniera e persero la vita nella battaglia della liberazione della città di Rimini, che dall’1 novembre 1943 alla fine di settembre del 1944, subì 396 bombardamenti che causarono la morte di oltre 600 civili e un coefficiente di distruzione dell’82%, il più alto fra tutte le città con oltre 50.000 abitanti. Per questo nell’anno 1961 la nostra Città ricevette la medaglia d’oro al valore civile.
“È per noi un onore che si rinnovi questo anniversario al Rimini Gurkha War Cemetery – ha dichiarato al riguardo Andrea Gerotto, Country Manager della sede italiana della Commonwealth War Graves Commission (Commissione che cura i Cimiteri di Guerra del Commonwealth nel mondo) – uno tra i più importanti degli oltre 100 siti e cimiteri di guerra del Commonwealth presenti sul territorio italiano, votati a commemorare i caduti che così come dall’India anche da tante altri parti del mondo contribuirono con il loro sacrificio alla liberazione dell’Italia e dell’Europa”.
Le celebrazioni poi continueranno  giovedì 29 settembre 2022, alle ore 17 con la cerimonia d’intitolazione della rotonda posta in piazzale Cesare Battisti-corso Giovanni XXIII (di fronte alla Chiesa di San Nicolò) al prof. Amedeo Montemaggi, storico riminese della Linea Gotica.
Nella giornata successiva – venerdì 30 settembre 2022 alle  ore 17 si svolgerà nella Cineteca comunale di via Gambalunga, 27 la conferenza “Rimini distrutta”, sul tema “Le città in guerra. Memorie ed eredità culturali tra distruzioni e ricostruzioni”, con proiezione di immagini a cura della Biblioteca civica Gambalunga. Un evento a cui parteciperanno: Andrea Santangelo (Storico e scrittore) “Le guerre del ‘900. Il caso Rimini”; Francesco Mazzucchelli, ricercatore presso il Dipartimento di Filosofia e Comunicazione Università di Bologna, “La guerra in città. Memorie e macerie”.

L’iniziativa è promossa con la cura dell’Istituto per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea della Provincia di Rimini (Isrec).