La Stagione di Prosa del Teatro Galli si prepara al secondo atto

18
addio fantasmi

Dal 3 dicembre la prevendita per gli spettacoli in cartellone da gennaio ad aprile 2023

RIMINI – La Stagione di Prosa del Teatro Galli si prepara per un secondo atto ricco di appuntamenti, tra classici, contemporaneo, danza, comicità e una sorprendente incursione nella poesia. Inizieranno sabato 3 dicembre dalle 10, al botteghino e on line, le prevendite dei biglietti per gli spettacoli in cartellone da gennaio ad aprile 2023: 14 appuntamenti che attraversano i generi e che porteranno sul palcoscenico riminese alcuni tra i più apprezzati interpreti e autori della scena italiana.

Il cartellone del secondo atto della stagione 

Il secondo atto della stagione si apre con Maria Amelia Monti e Marina Massironi, protagoniste de Il marito invisibile (17-19 gennaio), commedia scritta e diretta da Edoardo Erba.  È invece una riflessione sulla condizione della famiglia di oggi  Dei figli (25 gennaio) di Mario Perrotta, con la consulenza alla drammaturgia dello psicanalista Massimo Recalcati. Si prosegue con due classici: Aspettando Godot di Samuel Beckett, (29 gennaio), nella rilettura firmata dal regista greco Theodoros Terzopoulos, con Stefano Randisi e Enzo Vetrano e La peste di CamusIl tentativo di essere uomini (2 febbraio) un’inedita versione scenica del testo dello scrittore francese diretta Serena Sinigaglia.

Spazio anche alla danza con il gruppo mk diretto da Michele Di Stefano in Maqam (8 febbraio).

Attesa per la prima regia teatrale di Ferzan Ozpetek, Mine Vaganti (17-19 febbraio) affidata a un cast che comprende Francesco PannofinoIaia ForteSimona Marchini mentre Fanny& Alexander porta al Galli Addio Fantasmi, coprodotto da Ravenna Festival (1 marzo). Sul palco Anna Bonaiuto Valentina Cervi.

Massimo Popolizio  è protagonista e regista di Uno sguardo dal ponte, dramma della gelosia di Arthur Miller (10-12 marzo).  Si torna al contemporaneo con la compagnia Carrozzeria Orfeo e lo spettacolo Miracoli metropolitani (16 marzo) storia che si snoda in una vecchia carrozzeria riadattata a cucina, mentre fuori imperversa l’allarme di una guerra civile.

La stagione teatrale si chiude nel segno del rock con Lazarus (5-7 aprile 2023) opera ideata e voluta da David Bowie ispirata a The Man Who Fell to Earth di Walter Tevis. La versione italiana è diretta da Valter Malosti con Manuel Agnelli, Casadilego Roberto Latini, Michela Lucenti.

Mariangela Gualtieri al Teatro Galli per la giornata mondiale della poesia

Per la giornata mondiale della poesia il Teatro Galli accoglie sul suo palco una delle voci più apprezzate della scena contemporanea, per un nuovo appuntamento che va ad impreziosire la seconda parte della stagione. Martedì 21 marzo (ore 21) Mariangela Gualtieri salirà per la prima volta sul palcoscenico del Galli per presentare Il quotidiano innamoramento uno dei suoi “riti sonori”, dove il pubblico è chiamato a caricare di intensità le parole, in un rimbalzo fra scena e platea. Ne Il quotidiano innamoramento Gualtieri dà voce ai versi di Quando non morivo (Einaudi, 2019), intrecciandoli ed orchestrandoli con altri versi del passato.

Le altre proposte fuori abbonamento: la comicità di Paolo Cevoli nel suo nuovo spettacolo Andavo ai 100 all’ora (12 gennaio), Moni Ovadia e la sua orchestra con Oylem Goylem (22 gennaio), e il talento e la sensibilità di Lella Costa e Elia Shilton in Le nostre anime di notte (23 febbraio) per la regia di Serena Sinigaglia.

Oltre un migliaio di abbonati, da 13 a 88 anni

La stagione 2022/2023 si è aperta già con un primo importante risultato: la fiducia del pubblico. La campagna abbonamenti si  chiusa con oltre mille abbonati (1.062) suddivisi nei quattro turni, un dato impossibile da mettere a confronto con le ultime stagioni condizionate dalle restrizioni Covid, ma che in assoluto testimonia la voglia di tornare a teatro e l’apprezzamento del pubblico alla proposta di spettacoli.

Tra le tendenze da evidenziare, l’abbassamento dell’età media del pubblico, la presenza sempre più massiccia di giovani anche grazie al rapporto virtuoso con le scuole: già sold out ad esempio il matinée per le scuole de La tempesta di Alessandro Serra con oltre 500 studenti attesi.

Le curiosità: l’abbonato più giovane ha 13 anni, quello con più primavera sulle spalle di anni ne ha 88, il 5% degli abbonati arriva da fuori Rimini.

Informazioni per la prevendita

La vendita dei biglietti partirà alle 10 di sabato 3 dicembre, sia al botteghino del Teatro Galli, sia on line (www.teatrogalli.it; https://biglietteria.comune.rimini.it). Nella giornata di sabato a partire dalle 9.30 il personale distribuirà i numeri a chi si presenterà in teatro per regolamentare l’accesso alla biglietteria. Il primo giorno di prevendita sarà possibile acquistare massimo 4 biglietti a spettacolo per ogni transazione.