“La città in gioco” per i diritti di bambini e adolescenti

4

Modena festeggia la Giornata dell’infanzia con una settimana di iniziative in scuole, nidi, servizi integrativi e momenti di riflessione per le Istituzioni

MODENA – La Giornata dell’Infanzia e dell’adolescenza, che si celebra il 20 novembre offre a istituzioni e cittadinanza modenesi un’opportunità in più per riflettere sul tema e ai bambini della città tante nuove occasioni di gioco in scuole, nidi e servizi integrativi della città.

Si chiama appunto “La città in gioco” il calendario promosso per l’occasione da Comune di Modena, Unicef e Modena Zerosei: “Mettiamo il gioco al centro delle iniziative aperte a bambini e famiglie del sistema integrato 0/6 in tanti e diversi luoghi della città – afferma l’assessora all’Istruzione Grazia Baracchi – perché il gioco è un diritto di tutti i bambini e le bambine. È fondamentale per la loro crescita; giocando infatti il bambino si diverte, impara a relazionarsi agli altri e sviluppa nuove competenze cognitive, socio-affettive e comportamentali”.

Alle attività in programma dal 17 al 24 novembre nel calendario di “La città in gioco”, messo a punto da Memo e dal Settore Servizi educativi, si aggiungono quelle che scuole e nidi d’infanzia organizzano in autonomia nell’ambito dell’attività educativa o didattica sul significato delle parole della Convenzione per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. La Convenzione, adottata dall’Assemblea delle Nazioni Unite nel 1989 e ratificata da 196 Paesi, è il primo trattato sui diritti dei minorenni a essere vincolante e incorpora tutte le fattispecie dei diritti umani, inclusi quelli civili, culturali, economici, politici e sociali. Prevede inoltre che gli Stati che l’hanno ratificata si impegnino a far conoscere i principi e le disposizioni in essa contenuti sia agli adulti che ai bambini e affida all’Unicef, alle Agenzie specializzate e agli altri organi delle Nazioni Unite il compito di promuovere l’effettiva ed efficace applicazione.

Parole e idee, pensieri e progetti di pace che il 21 novembre gli alunni di due scuole primarie della città, accompagnati dai delegati Unicef di Modena, porteranno in Municipio incontrando il sindaco Gian Carlo Muzzarelli e l’assessora Grazia Baracchi. E già giovedì 17 novembre il Consiglio comunale dedicherà un momento di riflessione comune ai diritti dell’infanzia, mentre martedì 22 novembre i bambini della scuola d’infanzia Anderlini saranno in piazza Grande per cantare e affidare al primo cittadino le barchette con le loro riflessioni sui diritti dei bambini.