Insieme per la biodiversità, nelle scuole dell’infanzia di Cesena arrivano le casette per gli insetti impollinatori (FOTO)

1
Consegna della casetta alla scuola dell’Ippodromo

Il progetto è promosso da Coop Alleanza 3.0 in collaborazione con Lifegate e l’Università di Bologna

CESENA – Proteggere i piccoli insetti dando loro una casa. È questo lo scopo dell’iniziativa promossa da Coop Alleanza 3.0, con la collaborazione di Lifegate e il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari di Bologna, e sostenuta dall’Amministrazione comunale di Cesena in riferimento alle nuove scuole dell’Infanzia. Nell’ambito del progetto “Ogni ape conta”, Paolo Semprini, Enrica Bagnoli e Sabrina Teodorani di Coop Alleanza 3.0, insieme alle Assessore ai Servizi educativi per l’infanzia Carmelina Labruzzo e alla Sostenibilità Ambientale Francesca Lucchi, hanno consegnato una casina agli studenti della Scuola dell’Infanzia dell’Ippodromo accompagnati dai loro insegnanti e dalla coordinatrice pedagogica Barbara Castellani.

“Educare i più piccoli alla sostenibilità – commentano le Assessore – è un primo e fondamentale passo nel percorso di rispetto per l’ambiente. Sempre di più, anche e soprattutto a seguito di questi due anni caratterizzati dalla pandemia, l’attività didattica si sposta all’aperto, nei giardini delle scuole, con attività outdoor che consentono ai bambini e alle bambine di conoscere il mondo della natura relazionandosi ad esso. Il progetto di Coop Alleanza 3.0 si inserisce nell’ambito delle iniziative ambientali promosse nel corso di tutto l’anno sul territorio e tra i banchi di scuola: insegnare agli studenti a relazionarsi con un animale, a prendersene cura, a salvaguardare l’ambiente che ci circonda e mantenerlo produttivo, ci consente di approfondire la loro conoscenza del mondo naturale ma anche di renderli adulti civili e consapevoli, non solo di se stessi, ma anche del mondo in cui abitano”.

Un tesoro da salvaguardare. Coop Alleanza 3.0 ha installato sul territorio regionale e nazionale centinaia di casette o beehotel, rifugi artificiali costruiti dall’uomo che simulano i luoghi di nidificazione e di svernamento delle api e degli altri insetti impollinatori fondamentali per il benessere dell’uomo. “La casetta che proponiamo alle scuole del nostro territorio – commentano Enrica Bagnoli e Paolo Semprini – è un rifugio naturale colonizzabile dalle api selvatiche, le cosiddette ‘Osmie’, solitarie e non pericolose, diffusissime in primavera e di cui un solo esemplare è fino a 300 volte più produttivo nell’impollinazione rispetto alle api mellifere. In agricoltura e in apicoltura si è manifestata la consapevolezza che per salvaguardare l’ambiente che ci circonda è necessario considerare non solo le api da miele, ma anche quelle selvatiche. Questo progetto è un tassello del percorso per la sostenibilità ambientale che Coop ha avviato da tempo e di cui una parte importante è la tutela di questi indispensabili insetti che a partire da oggi, con l’installazione di queste casette, dovranno essere accolti nei giardini delle scuole dell’infanzia. Grazie a queste casette i piccoli studenti, accompagnati da insegnanti e genitori, potranno meglio approcciarsi agli insetti impollinatori apprendendo le ragioni per cui è fondamentale tutelarli”.