“Il primo ‘600 – L’oratorio ‘Jephte’ di Carissimi ed altri grandi del tempo” il 14 luglio a Longiano

23
G.Carissimi al Palau de Musica

Alle ore 21.00 concerto evento dedicato alla musica sacra nella splendida cornice del Santuario del Ss. Crocifisso

LONGIANO (FC) – Giovedì 14 luglio ore 21.00 nella splendida cornice del Santuario del Ss. Crocifisso di Longiano il concerto evento dedicato alla musica sacra “Il primo ‘600 – L’oratorio ‘Jephte’ di Carissimi ed altri grandi del tempo” a cura e con M Francesca Torelli, M° Lia Serafini, M° Marina Bonetti, M° Paolo Zuccheri

Il concerto è affidato a quattro straordinari  maestri  e cultori  della musica e strumenti barocchi del 600: Francesca Torelli Liuto e tiorba che tra il suo immenso curriculum ha registrato anche sei dischi insieme ad Angelo Branduardi, Lia Serafini, Voce, docente di Canto Rinascimentale e Barocco presso il Conservatorio di Musica “A. Pedrollo” di Vicenza, e collaboratrice di artisti di fama internazionale come Jordi Savall, Rinaldo Alessandrini, Paola Erdas Rebeca  Marina Bonetti all’arpa  e Paolo Zuccheri docente della cattedra di viola da gamba e musica d’insieme per voci e strumenti antichi, presso il conservatorio A. Steffani di Castelfranco Veneto.

L’Oratorio Jephte di Giacomo Carissimi: Con Giacomo Carissimi (1605-1674) l’oratorio latino, nato dallo sviluppo del mottetto dialogico di ambito controriformistico, raggiunge le più alte vette musicali e drammatiche. Si possono riconoscere influssi diversi, dalla cantata latina alla “historia” biblica, alla lamentazione e alla nascente opera. Gli oratori venivano eseguiti ogni venerdì di quaresima, per lo più su commissione di mecenati che facevano capo all’Arciconfraternita del Santissimo Crocifisso in Roma. I soggetti erano tratti dall’Antico Testamento e, pur non essendo direttamente riconducibili al periodo quaresimale, ne condividevano tuttavia lo spirito penitenziale attraverso la drammaticità della narrazione. L’oratorio Jephte, considerato uno dei grandi capolavori del genere, rievoca la storia di questo condottiero degli Israeliti che, per propiziarsi la vittoria sugli Ammoniti, fa voto di immolare in sacrificio a Dio la prima persona che gli verrà incontro dopo la vittoria. Gli si presenta la sua unica figlia e la gioia del successo si trasforma repentinamente in tragedia e in un accorato lamento che accosta, in stridente contrasto, la vittoria di Israele con la morte della vergine: “In laetitia populi, in victoria Israel et gloria patris mei; ego sine filiis virgo, ego filia unigenita moriar et non vivam”. A questo lamento risponde, in chiusura, uno struggente coro a sei voci. Il testo è tratto dal Libro dei Giudici, cap. XI, con aggiunte di fonte ignota, ma forse dello stesso Carissimi.

Il programma della serata sarà completato musiche di Cipriano de Rore (Ancor che cor partire), Francesco Maria Marini (Euge serve bone), Johannes Hieronymus Kapsberger (Toccata) e dello stesso Giacomo Carissimi Salvate amor noster.

Tutti gli appuntamenti di Sagge sono le Muse sono ad ingresso libero fino ad esaurimento posti consigliata la prenotazione allo 0547 665850  oppure via mail a info@fondazionetitobalestra.org

Orari apertura Fondazione: dal martedì alla domenica  dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 19.00 (Agosto dal martedì alla domenica dalle 16.00 alle  20.00)

Prossimo appuntamento La storia va a corte – anno ii, le cronache e gli arcani una serata culturale di approfondimento della storia locale ma anche popolare con  figuranti in costume e tanta bellezza.

Sagge sono le Muse è organizzata dalla Fondazione Tito Balestra onlus in collaborazione con San Marino Artist, San Marino International Music Summer Courses e gode del patrocinio della Regione Emilia Romagna e del Comune di Longiano e del contributo di Romagna Iniziative

LONGIANO

FONDAZIONE TITO BALESTRA RASSEGNA SAGGE SONO LE MUSE

GIOVEDÌ 14 LUGLIO ORE 21.00

SANTUARIO DEL SANTISSIMO CROCIFISSO

L’ORATORIO ‘JEPHTE’ DI CARISSIMI ED ALTRI GRANDI DEL TEMPO”

a cura e con M° Francesca Torelli, M° Lia Serafini,

M° Marina Bonetti, M° Paolo Zuccheri

 Ingresso libero