Il Premio Pascoli di Poesia a Deidier (Lingua) e Gabellini (Dialetto)

1

Menzioni Speciali a Poiaghi e Quadri. La serata di premiazione sabato 10 settembre a Casa Pascoli a San Mauro Pascoli alle ore 21 condotta da Roberto Mercadini

SAN MAURO PASCOLI (FC) – Boom di partecipanti alla 19esima edizione del Premio Pascoli di poesia. Complessivamente sono state 226 le opere edite ammesse nelle due sezioni (164 nell’edizione scorsa) con la partecipazione delle principali case editrici nazionali. Il Premio Pascoli è promosso dagli industriali di San Mauro Pascoli riuniti nell’associazione Sammauroindustria, e per questo definito il “Campiello della poesia”.

Due le sezioni del premio, entrambe a partecipazione gratuita. In quella in Lingua (1000 euro, opere edite non prima del 1 maggio 2020) il premio è andato a Roberto Deidier con il volume “All’altro capo” (Mondadori, 2021). La sezione è promossa da Romagna Banca.

Nella sezione Dialettale (1000 euro, opere edite non prima del 1 maggio 2020) premio a Francesco Gabellini per l’opera “Nivère” (Raffaelli editore, 2021). La sezione è promossa da Conad San Mauro Pascoli.

La giuria all’unanimità ha deciso di assegnare anche due Menzioni Speciali: nella sezione in lingua a Luigi Poiaghi per la raccolta “Alberi” (Pazzini, 2020); nella sezione dialetto a Gabriele Alberto Quadri per la raccolta “On altro mòond” (Armando Dadò, 2020).

La serata di premiazione si svolgerà sabato 10 settembre alle 21,00 a Casa Pascoli. La serata sarà condotta da Roberto Mercadini. Ingresso libero.

Il Premio è promosso da Sammauroindustria, l’associazione pubblico-privato che raggruppa i principali esponenti del mondo imprenditoriale della calzatura e non solo (Casadei, CBR Tacstile, Cercal, Comune San Mauro Pascoli, Giuseppe Zanotti, Pollini, Sergio Rossi). Il Premio Pascoli contempla anche un premio Internazionale alla carriera e il Premio all’Opera, entrambi a discrezione della giuria.

Il Premio Pascoli 2022 nel dettaglio

La 19esima edizione ha confermato il prestigio di questo Premio con 226 opere partecipanti: 198 in lingua e 28 in dialetto. L’edizione 2020 aveva registrato 164 partecipanti, 163 nel 2018.

La giuria che ha vagliato le opere è composta da Daniela Baroncini, (Università Bologna, presidente giuria), Franco Brevini (Università Bergamo), Gualtiero De Santi (Università Urbino), Gianfranco Miro Gori (saggista, poeta) e Piero Meldini (scrittore).

Il Premio in lingua

Sostenuto da Romagna Banca, ha visto la partecipazione di 198 opere da tutta Italia. La giuria dopo avere ristretto la rosa a 16 nomi, ha conferito il premio all’unanimità a Roberto Deidier con il volume “All’altro capo” (Mondadori, 2021).

Questi i poeti segnalati: Gabriele Amadori, Luca Baldoni, Franco Buffoni, Ennio Cavalli, Yuleisy Cruz Lezcano, Leone D’Ambrosio, Ivan Fedeli, Marcello Marciani, Amos Mattio, Marco Munaro, Luigi Poiaghi, Loretto Rafanelli, Alessandro Rivali, Anna Segre, Gabriella Sica, Stefano Simoncelli.

La giuria all’unanimità ha deciso di assegnare a Luigi Poiaghi una Menzione Speciale della giuria per la poesia edita in Lingua, per la sua raccolta “Alberi” (Pazzini, 2020).

Il Premio Dialetto

Sostenuto da Conad San Mauro Pascoli, sono state 28 le opere che hanno preso parte da tutta Italia. Dopo averle vagliate, la giuria ha ristretto la rosa a sei finalisti, e premiato a maggioranza a Francesco Gabellini per l’opera “Nivère” (Raffaelli editore, 2021).

Questi i segnalati: Maurizio Casagrande, Nelvia Di Monte, Franca Grisoni, Claudio Pasi, Gabriele Alberto Quadri, Lorenzo Scarponi.

La giuria all’unanimità ha deciso di assegnare una Menzione speciale della giuria per la raccolta in dialetto Gabriele Alberto Quadri per la raccolta “On altro mòond” (Armando Dadò, 2020).

Vincitori passate edizioni del Premio Pascoli

Premio alla Carriera: Mario Luzi, Giovanni Giudici, Yves Bonnefoy, Adonis.

Premio in lingua italiana: Nelo Risi (2001), Paolo Ruffilli (2002), Franco Buffoni (2003), Ennio Cavalli (2004), Cesare Viviani (2005), Pier Luigi Bacchini (2006), Gianni d’Elia (2007), Umberto Piersanti (2008), Jolanda Insana (2009), Luca Cesari (2010), Milo De Angelis (2011), Antonella Anedda (2012), Enrico Testa (2013), Sauro Albisani (2014), Luigi Fontanella (2015), Mariangela Gualtieri (2016), Giancarlo Pontiggia (2018), Maurizio Cucchi (2020).

Sezioni dialettale: Franco Loi (2001), Leo Maltoni (2002), Tolmino Baldassari (2003), Assunta Finiguerra (2004), Piero Marelli (2005), ex aequo Gianni Fucci e Giovanni Nadiani (2006), Ettore Baraldi (2007), Achille Serrao (2008), Fabio Franzin (2009), Giuseppe Rosato (2010), Alfredo Panetta (2011), Claudio Grisancich (2012), Remigio Bertolino (2013), ex aequo Pier Franco Uliana e Giacomo Vit (2015), Angela Bonanno (2018), Emilio Rentocchini (2022)

Sezione Opera prima: Francesco Romanetti (2014), Stefano Casacca (2016).

Premio speciale della giuria: Gianni Fucci (2018), Ivan Crico (2020).