I giovani, l’educazione cooperativa, e la sostenibilità ambientale

10
La Classe Vincitrice

La Classe 3Q del Liceo Ariosto di Ferrara ha candidato il progetto “Ariosto InVeste” anche al Festival Nazionale dell’Economia Civile che si terrà a Firenze dal 16 al 18 settembre

FERRARA – Dopo il riconoscimento del primo premio al concorso “…per un pugno di idee”, indetto dalla Provincia di Ferrara nell’ambito del “Festival della sostenibilità Ambientale”, la classe 3Q del Liceo Ariosto di Ferrara è finalista al Festival nazionale dell’Economia Civile con il progetto “Ariosto InVeste”, sviluppato in collaborazione con Confcooperative Ferrara.

Nella definizione del progetto i ragazzi hanno deciso di promuovere un’attività di riciclo sostenibile di abiti usati, trasformandoli in capi o accessori nuovi e unici: rendendo concreti i principi dell’economia circolare, il singolo capo di abbigliamento, al termine del suo utilizzo, non è più un rifiuto ma si trasforma in risorsa riutilizzabile con nuove potenzialità. “Ma se i tuoi jeans rovinati diventassero un accessorio glamour? Oppure una borsa?” è la domanda alla base di questo principio di riutilizzo, volto a dare nuova vita ad abiti che, altrimenti, finirebbero in discarica.

Nel mondo della scuola però i progetti non sono mai fini a sé stessi, quindi ecco che si aggiunge l’aspirazione di diffondere tra gli studenti, e attraverso gli stessi, la consapevolezza e la sensibilità rispetto alle problematiche legate alla fast fashion” si legge sul sito del Liceo.

Il lavoro ha coinvolto tutti gli studenti, con la collaborazione di Confcooperative Ferrara, che ha supportato il lavoro di pianificazione e ricerca nell’ambito del progetto di educazione cooperativa “Scoop”. Grazie all’entusiasmo e impegno di studenti, docenti e collaboratori la classe 3Q (adesso 4Q) è ora una delle tre finaliste del Festival Nazionale dell’Economia Civile che si terrà a Firenze il prossimo 16/18 settembre. Gli alunni della 4Q saranno premiati il pomeriggio del 17 nello “Spazio alle idee dei giovani che si preparano al futuro” proponendo soluzioni sostenibili ai problemi sociali e ambientali dei propri territori.

I ragazzi saranno accompagnati, oltre che dalla docente Silvia Romagnoli, da una delegazione di Confcooperative Ferrara guidata dal direttore Ruggero Villani.