Gattile intercomunale: bando per la gestione

5

Per attività di custodia e cura, assistenza veterinaria e recupero dei gatti incidentati. L’affidamento per tre anni. Le offerte per la gara, a procedura aperta, fino al 16 dicembre

MODENA – Le attività di custodia, cura e sostentamento dei gatti ospitati nella nuova struttura di via Nonantolana, oltre all’assistenza veterinaria, al recupero dei gatti incidentati, alla promozione delle adozioni e alla cura delle colonie feline, sono l’oggetto del bando per la gestione del Gattile intercomunale di Modena al quale è già possibile partecipare.

L’affidamento della gestione della struttura di via Nonantolana è previsto per tre anni a partire da gennaio 2022, con possibilità di rinnovo per ulteriori due anni e un’opzione per una proroga tecnica di un anno, e avverrà attraverso una procedura aperta secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, individuata sulla base del miglior rapporto qualità-prezzo. Dopo un primo bando andato a vuoto, il valore complessivo per questa nuova gara è di 986 mila 760 euro, pari a un importo di 164 mila 460 euro per anno, aumentato di circa 50 mila euro all’anno per coprire al meglio le spese di personale.

I soggetti in possesso dei requisiti possono presentare domanda fino alle 12 di giovedì 16 dicembre attraverso il Sistema di acquisti telematici Emilia-Romagna (Sater). Per visionare il bando e per maggiori informazioni è possibile consultare il sito del Comune di Modena (www.comune.modena.it/servizi/appalti-pubblici/procedure-ordinarie/bandi-di-gara-in-corso). Possono partecipare al bando i soggetti economici che negli ultimi tre anni abbiano svolto almeno un’attività di gestione di una o più strutture per il ricovero di animali pubbliche o private, per almeno 12 mesi continuativi, per un importo non inferiore a 100 mila euro.

Il Gattile, che serve anche i Comuni di Bastiglia, Castelfranco, Castelnuovo e Nonantola, ospita gatti con evidenti abitudini domestiche, rinunciati o recuperati in stato di pericolo o malessere, e per questo motivo non inseribili in colonie feline. Compito del gestore è assicurare l’accudimento e la pulizia degli animali, il recupero dei gatti incidentati e in difficoltà, il servizio di vigilanza e assistenza veterinaria.

Il gestore, inoltre, ha l’obbligo di stipulare una convenzione con una o più associazioni di volontariato con fini di tutela e protezione degli animali per promuovere azioni di sensibilizzazione con l’obiettivo di favorire le adozioni e di vegliare sul benessere degli animali. Ai volontari sarà affidata anche la gestione delle colonie feline, un servizio attivo per il solo Comune di Modena, curando il benessere e la sterilizzazione degli animali per mantenere sotto controllo e in salute la popolazione dei gatti liberi, effettuando anche il regolare aggiornamento del censimento delle colonie.