Emma Dante con Pupo di zucchero dal 12 gennaio al Teatro Bonci

6
CTF21_13-06-2021-ILGILET_SONIABERGAMASCO_PH_NoceraIvan_AgCubo

CESENA – Dopo la personale dedicata alle sue creazioni di teatro ragazzi nella scorsa stagione, dal 12 al 15 gennaio (giovedì, venerdì e sabato alle ore 21.00 e domenica alle ore 16.00) torna al Teatro Bonci di Cesena una delle registe italiane più amate in Europa, Emma Dante, con il suo ultimo spettacolo per il pubblico adulto, Pupo di zucchero: con una cifra visionaria che rievoca attraverso lo sguardo contemporaneo le tradizioni arcaiche della sua terra d’origine, la Sicilia, la regista parte da uno dei testi più antichi della tradizione fiabesca italiana, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile, per restituire con toccante sincerità un ritratto grottesco della famiglia di oggi, in un cupo e ironico affresco del nostro tempo.

Il 2 novembre è il giorno dei morti: in alcuni luoghi del Meridione c’è l’usanza di organizzare banchetti di dolci e biscotti da offrire ai defunti in cambio dei regali che portano per i bambini.

Un vecchio, rimasto solo in una casa vuota, prepara l’esca pe li pesci de lo cielo e invita a cena, nella loro antica casa, i suoi parenti. Con acqua, farina e zucchero impasta il pupo di zucchero, una statuetta antropomorfa dipinta con colori vivaci e, in attesa che l’impasto lieviti, richiama alla memoria la sua famiglia di morti. La casa si riempie di ricordi e di vita: mammina, una vecchia dal core tremmolante, il giovane padre disperso in mare, le sorelle Rosa, Primula e Viola tre ciuri c’addorano ‘e primmavera, Pedro dalla Spagna che si strugge d’amore per Viola, zio Antonio e zia Rita che s’abboffavano ‘e mazzate, Pasqualino tuttofare, e il cane Orazio…

Un omaggio poetico alla memoria e all’assenza, ispirato anche dai corpi imbalsamati conservati in quel luogo straordinario che sono le Catacombe dei Cappuccini a Palermo, a cui rimandano i pupazzi a grandezza naturale dello scultore palermitano Cesare Inzerillo.

DAL PALCO ALLO SCHERMO Incontri tra cinema e teatro

Sabato 14 gennaio alle 17.30 Sandro Maria Campagna, storico attore e coreografo della Compagnia Sud Costa Occidentale, dialoga con Giulia Penta al Cinema Eliseo in occasione della proiezione speciale del film Le sorelle Macaluso (nomination ai David di Donatello 2021 come miglior film e miglior regia, Nastro d’argento e Globo d’oro come miglior film) in cui è stato diretto da Emma Dante.

Vengo anch’io!

Domenica 15 gennaio è prevista la seconda attività del progetto Vengo anch’io!, che offre alle famiglie la possibilità di assistere ad alcuni spettacoli della Stagione mentre le bambine e i bambini (dai 6 agli 11 anni) partecipano a laboratori creativi a cura di associazioni e realtà artistiche del territorio, in spazi interni al Teatro. L’Associazione Barbablù conduce il laboratorio di fumetto Le fiabe che non sono.

Audiodescrizione Teatro No Limits

La replica del 15 gennaio sarà audio descritta: l’iniziativa si svolge nell’ambito del progetto del Centro Diego Fabbri di Forlì Teatro No Limits, che consente alle persone con disabilità visiva di partecipare agli spettacoli potendo apprezzare a pieno tutti gli aspetti della messa in scena.

Informazioni e prenotazioni: Centro Diego Fabbri di Forlì, info@centrodiegofabbri.it – tel. 0543 30244.

Nata a Palermo, Emma Dante si diploma a Roma nel 1990 all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico. Nel 1999 costituisce la compagnia Sud Costa Occidentale con la quale vince il premio Scenario 2001 per il progetto mPalermu e il premio Ubu 2002 come migliore novità italiana. Nel 2001 vince il premio Lo Straniero, assegnato da Goffredo Fofi, come giovane regista emergente, nel 2003 di nuovo l’Ubu, con lo spettacolo Carnezzeria come migliore novità italiana, e nel 2004 il premio “Gassman” come migliore regista italiana e il premio dell’Associazione Nazionale Critici del Teatro per la drammaturgia e la regia. Nel 2005 il premio Golden Graal come migliore regista per Medea.

Fra i suoi spettacoli rappresentati in Italia e all’estero: Vita mia, Mishelle di Sant’Oliva, Il festino, Cani di bancata, Le pulle e le tre favole per bambini e adulti pubblicati da Dalai editore, Le principesse di Emma, La trilogia degli occhiali (pubblicata da Rizzoli), Operetta burlesca, Le sorelle Macaluso (premio “Le Maschere del Teatro Italiano” 2014 come spettacolo dell’anno, Premio della critica, Premio Ubu per la regia e come miglior spettacolo), Bestie di scena, La scortecata, Eracle (che a maggio 2018 ha inaugurato il 54° Festival del Teatro Greco di Siracusa), Fable pour un adieu (che ha debuttato nel 2019 a Parigi), Pupo di zucchero e Misericordia, per cui Manuela Lo Sicco ha vinto l’Ubu 2021 come migliore attrice.

Pubblica nel 2007 Carnezzeria. Trilogia della famiglia siciliana con una prefazione di Andrea Camilleri (Fazi editore) e il suo primo romanzo, Via Castellana Bandiera (Rizzoli, 2008), vince il premio Vittorini e il Super Vittorini nel 2009, anno in cui l’artista ottiene anche il premio Sinopoli per la cultura.

Nel 2014 vince il premio De Sica per il teatro e il Premio Ipazia all’eccellenza femminile.

Il suo film Via Castellana Bandiera, tratto dall’omonimo romanzo, presentato in concorso alla 70° edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nel 2013, ha valso a Elena Cotta la Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile mentre Le sorelle Macaluso, presentato a Venezia nel 2020, nel 2021 ha vinto i Nastri d’Argento e il Globo d’oro.

È stata direttrice artistica del 67° e 68° ciclo di spettacoli classici al teatro Olimpico di Vicenza, regista principale al Teatro Biondo e direttrice della “Scuola dei mestieri dello spettacolo” costituita all’interno del teatro stabile della città di Palermo.

Nel 2022 ERT ha dedicato al suo lavoro una personale composta da Gli alti e i bassi di Biancaneve, Anastasia, Genoveffa e Cenerentola e la nuova produzione ERT che ha debuttato il 19 febbraio al Teatro Bonci di Cesena Scarpette rotte.

Pupo di zucchero La festa dei morti

liberamente ispirato a “Lo cunto de li cunti” di Giambattista Basile

testo e regia Emma Dante

con Carmine Maringola (il Vecchio), Nancy Trabona (Rosa), Maria Sgro (Viola), Federica Greco (Primula), Sandro Maria Campagna (Pedro), Giuseppe Lino (Papà), Stephanie Taillandier (Mammina), Tiebeu Marc-Henry Brissy Ghadout (Pasqualino), Martina Caracappa (zia Rita), Valter Sarzi Sartori (zio Antonio)

costumi Emma Dante

sculture Cesare Inzerillo

luci Cristian Zucaro

foto di Ivan Nocera

assistente ai costumi Italia Carroccio

assistente di produzione Daniela Gusmano

coordinamento e distribuzione Aldo Miguel Grompone, Roma

produzione Sud Costa Occidentale

in coproduzione con Teatro di Napoli – Teatro Nazionale, Scène National Châteauvallon-Liberté / ExtraPôle Provence-Alpes-Côte d’Azur / Teatro Biondo di Palermo / La Criée Théâtre National de Marseille / Festival d’Avignon / Anthéa Antipolis Théâtre d’Antibes / Carnezzeria

e con il sostegno dei Fondi di integrazione per i giovani artisti teatrali della DRAC PACA e della Regione Sud

Informazioni:

Teatro Bonci, Piazza Guidazzi – Cesena

Biglietteria: aperta dal martedì al sabato ore 11-14 e 16-19 | nei giorni di spettacolo ore 17-21.30 | la domenica ore 15-16.30 | T. 0547/355959 | info@teatrobonci.it

Biglietti da 26 a 8 euro. Ingresso per chi si presenta con il biglietto del film Le sorelle Macaluso di sabato 14 gennaio: euro 15.

Ingresso al Cinema Eliseo, sabato 14 gennaio: euro 6,50; per chi si presenta con il biglietto dello spettacolo, 4 euro. Prenotazione consigliata: eliseocesena@gmail.com – tel. 0547 21520.

Laboratorio Vengo anch’io!: 7 euro – per 2 bambini 10 euro. Riduzione del 20% sul biglietto dello spettacolo per i genitori.

Teatro Bonci

Piazza Guidazzi – Cesena

12-15 gennaio 2023

giovedì, venerdì e sabato ore 21.00 ǀ domenica ore 16.00

Pupo di zucchero

La festa dei morti

liberamente ispirato a Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile

testo e regia Emma Dante

durata 1 ora e 15’