Contro la violenza sulle donne, un libro e un convegno

22

Sabato 12 novembre, nel programma di iniziative promosso dal Comune, la presentazione di “Lidia Poët”, prima avvocata italiana, e il convegno “Perché il patriarcato persiste?”

MODENA – La presentazione del libro dedicato a Lidia Poët, prima donna in Italia a ottenere l’abilitazione per esercitare l’avvocatura, e il convegno intitolato “Perché il patriarcato persiste?” sono i due appuntamenti che si svolgono sabato 12 novembre nell’ambito del calendario di iniziative previste a Modena per tutto il mese di novembre in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne. Il programma è promosso dal Comune di Modena e dal Tavolo comunale delle associazioni per le pari opportunità e la non discriminazione; il calendario completo delle iniziative è on line sulla pagina dedicata del sito del Comune di Modena (www.comune.modena.it/pari-opportunita).

La presentazione del libro “Lidia Poët. Vita e battaglie della prima avvocata italiana, pioniera dell’emancipazione femminile” (Graphot 2022), si svolge alle 9.30, nella sala Bergonzoni della Casa delle donne di Villa Ombrosa (strada Vaciglio nord 6), a ingresso libero. Giovanna Ferrari, di Udi Modena che ha curato l’appuntamento, dialoga con Cristina Ricci, autrice del libro, che ha riportato alla luce la storia di una delle prime donne a laurearsi in Giurisprudenza, nel 1881 a Torino, con il massimo dei voti, e la determinazione con la quale difese per lunghi anni il suo diritto a esercitare la professione.

Al Laboratorio Aperto, in viale Buon Pastore 43, con inizio alle 9.30, si svolge il convegno che proseguirà per tutta la giornata, promosso dall’associazione Blu Bramante, “Perché il patriarcato persiste?” che prende le mosse dall’omonimo libro di Carol Gilliga, psicologa dell’Università di Harvard, e Naomi Snider, psicanalista dell’Università di New York, sugli stereotipi e sulla loro resilienza (Vanda edizioni, 2021). Entrambe le studiose prenderanno parte al convegno che vedrà anche gli interventi di Wanda Tommasi, filosofa dell’Università di Verona; Alice Mado Proverbio, neuroscienziata, Università Milano Bicocca; Monica Ricci Sargentini, giornalista del Corriere della Sera; Stefania Ascari, parlamentare. Coordina Giuditta Smith, ricercatrice dell’Università di Siena. Il convegno sarà arricchito dalle testimonianze di studenti e studentesse della Rete degli studenti delle scuole superiori e dell’Università di Modena.