Con le mani nell’argilla, il 12 febbraio al via a Borello il laboratorio sulla decorazione (FOTO)

19
Lavorare l’argilla laboratorio

L’iniziativa si inserisce nell’ambito di Con.te.sto

CESENA – Sporchiamoci le mani. Nei nuovissimi spazi della biblioteca di Borello (Piazza San Pietro in Solfrino, 465) i bambini e le bambine dai 6 ai 12 anni potranno conoscere meglio l’argilla grazie al laboratorio di manipolazione e creazione promosso dal Comune di Cesena nell’ambito di Con.te.sto e curato dalla cooperativa Atlantide, a cui è stato affidato il servizio di gestione dell’hub di Quartiere.

L’argilla: un materiale naturale che proviene dalla terra, forte come una roccia e morbida come la plastilina. Il progetto si svolgerà in tre incontri ciascuno della durata di un’ora circa, a partire dalle ore 16 di sabato 12 febbraio. Il primo appuntamento è un vero e proprio “incontro con l’argilla”. L’attività si basa su giochi ed esperienze di pura manipolazione dell’argilla secondo linee non tradizionali, esplorandone attraverso i sensi le trasformazioni e le deformazioni, per approdare verso forme e volumi a sorpresa alla scoperta dei vari stati dell’argilla, per poi passare alla creazione di un vaso con la tecnica del colombino.

Sabato 26 febbraio i piccoli partecipanti si concentreranno invece sulla decorazione ceramica a crudo. Con l’arte dell’ingobbio e degli ossidi decoreranno il vaso attraverso la tecnica della graffitura con ingobbio bianco e la decorazione a pennello e per impressione (con stoffe e materiali vegetali) con ingobbi e ossidi colorati. Il terzo appuntamento, in programma per sabato 5 marzo, sarà dedicato alla decorazione ceramica. Tutte le creazioni verranno poi cotte in un apposito forno ceramico e appena pronte saranno consegnate ai partecipanti dopo un fine settimana di esposizione presso la biblioteca.

Per partecipare è necessaria la prenotazione contattando lo 0547372342 oppure indirizzando una mail a contesto.borello@comune.cesena.fc.it. La partecipazione è gratuita a numero limitato di partecipanti (massimo 15 bambini e bambine).