Cesena: Passaggio chiuso, l’ambulanza non può arrivare all’ingresso del liceo

70

L’Amministrazione comunale si scusa dell’accaduto. Già disposta la rimozione dei paletti

comune-cesenaCESENA – Il Sindaco Paolo Lucchi e L’Assessore Maura Miserocchi:

“L’Amministrazione comunale ha già dato ordine di eliminare i paletti che questa mattina hanno impedito a un’ambulanza di raggiungere l’ingresso del liceo scientifico “Righi”, dove si trovava una studentessa bisognosa di soccorso.

E contestualmente ha invitato una comunicazione a Dea Campana, dirigente scolastica del Righi, per spiegare come mai si è verificato l’episodio, scusarsi dell’accaduto e anticipare che nei prossimi giorni sarà avviato un confronto fra il Comune e l’istituto per condividere i provvedimenti da prendere per combattere la sosta impropria attorno alla sede scolastica.

Proprio l’intento di scoraggiare la sosta selvaggia è, infatti, l’indiretta causa dell’episodio avvenuto stamattina. Dopo aver constatato il ripetersi del fenomeno a ridosso dell’ingresso del Liceo, infatti, alcuni tecnici comunali hanno pensato di risolvere il problema con una serie di paletti per impedire l’accesso delle auto nell’area e un paio di giorni fa li hanno fatti montare, senza avvertire né l’Amministrazione comunale, né la dirigenza scolastica.

L’intenzione, dunque, era buona; peccato che in questo modo si impedisse l’accesso anche dei mezzi di soccorso, come qualche cittadino ha segnalato ieri pomeriggio al Sindaco.

Non essendo al corrente dell’intervento, nella sua risposta il Sindaco ha assicurato che oggi avrebbe verificato come stavano le cose.

Purtroppo il caso ha voluto che proprio questa mattina si sia reso necessario l’intervento di un’ambulanza per soccorrere una ragazza che stava male e gli operatori sanitari si sono trovati la strada sbarrata. L’episodio è stato segnalato subito all’Amministrazione comunale, facendo scattare i provvedimenti del caso. Subito dopo il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alla Mobilità Maura Miserocchi hanno inviato alla dirigente scolastica la lettera di cui si riporta il testo.

Stamane abbiamo appreso dei problemi avuti da un’ambulanza nell’accedere agli spazi della scuola da lei diretta.

I problemi sarebbero stati causati da una chiusura – della quale siamo venuti a conoscenza solo nel tardo pomeriggio di ieri, tramite la mail di un cittadino che ce li ha segnalati – decisa da alcuni tecnici comunali, senza un preventivo confronto né con l’Amministrazione comunale né con la scuola stessa. Si tratta evidentemente di una decisione sbagliata, pur se motivata dalla volontà di risolvere il problema della sosta impropria che caratterizza quell’area, come più volte ci è stato segnalato.

Abbiamo quindi immediatamente dato mandato agli uffici di rimuovere la chiusura installata nei giorni scorsi, per garantire l’accessibilità da parte dei mezzi di soccorso.

Ci scusiamo di quanto è accaduto. Riteniamo che scelte di questo tipo debbano essere il frutto di un lavoro di condivisione. Vale sempre, ma ancor di più quando riguardano spazi nei quali i nostri ragazzi ed i loro insegnanti, trascorrono una parte così rilevante delle proprie giornate. Per questo, nei prossimi giorni, sarà attivato l’ordinario percorso di confronto con Lei e con i rappresentanti scolastici del Liceo “Righi”, per condividere la portata della sosta impropria e per poi, insieme, studiare le misure più utili da adottare, nella garanzia totale della sicurezza dei ragazzi.

Vogliamo con questa lettera pregarla di porgere le nostre scuse anche alla ragazza che stamane è ricorsa ai soccorsi medici ed alla sua famiglia, consapevoli come siamo della paura e dello stato di legittima agitazione che un ritardo dei soccorsi inevitabilmente comporta.”