Bioplanet, un modello di sostenibilità ambientale al servizio della lotta biologica

4
FORLÌ – Bioplanet è una cooperativa di soci lavoratori che, fin dal 1986, produce e commercializza organismi e insetti utili che fungono da strumento di controllo degli organismi nocivi sia nell’ambito del verde pubblico, che in quello delle colture agricole. Con i suoi 70 dipendenti dislocati tra le serre, gli uffici, i laboratori e lo stabilimento di Diegaro di Cesena, l’azienda promuove un modello di agricoltura sostenibile che concilia la massima qualità delle produzioni con la tutela dell’ambiente e livelli bassissimi di fitofarmaci.
Da qualche anno, Bioplanet è partner del Comune di Forlì nella cosiddetta lotta integrata, ovvero l’utilizzo principale delle risorse naturali a discapito dei prodotti chimici nella gestione e nel controllo dei parassiti.
“L’utilizzo di insetti nemici naturali degli afidi in alternativa ai metodi di difesa fondati sulla chimica, è un principio imprescindibile della lotta biologica che, gradualmente, stiamo applicando anche nel nostro territorio”. Sono queste le dichiarazioni del Sindaco di Forlì, Gian Luca Zattini, che nella mattinata di giovedì 1 luglio con l’Ass.re alle imprese, Paola Casara, l’Ass.re all’ambiente, Giuseppe Petetta, e il segretario generale di Confcooperative Romagna, Mirco Coriaci, ha visitato il sito produttivo della Bioplanet.
“L’attività di ricerca e sviluppo promossa da questa azienda è davvero encomiabile così come l’assistenza tecnica e la formazione riservata ad ognuno dei propri clienti. Grazie alla lungimiranza dei propri associati, all’utilizzo di tecnologie all’avanguardia e alla professionalità dei propri addetti, la Bioplanet è diventata la prima azienda in Italia nella produzione di insetti ed acari utili per la difesa biologica delle colture.”