Al Teatro Masini di Faenza il 27 novembre “La Regina dell’acqua”

32
La regina dell’acqua

FAENZA (RA) – Parte domenica 27 novembre alle ore 16 la rassegna Favole della Stagione 2022/23 del Teatro Masini di Faenza. A inaugurare il cartellone sarà la compagnia Gli Alcuni con lo spettacolo La Regina dell’acqua, scritto da Sergio Manfio, diretto da Davide Stefanato e interpretato dalle attrici Laura Feltrin e Margherita Re.

Lo spettacolo è una rielaborazione della famosa fiaba di Andersen e si concentra sull’importanza di fare un uso corretto dell’acqua: risorsa limitata, esauribile e troppo spesso sprecata.

I Cuccioli, con Polpetta e Caramella, interpretano a modo loro la famosa fiaba La regina della neve.

Il coniglio Cilindro interpreterà la parte di Kaj e la papera Diva quella di Gerda. Dopo varie peripezie e scontri tra i personaggi, Cilindro verrà rapito e ipnotizzato dalla regina dell’acqua che lo porterà nel suo palazzo. Il piano malefico della regina, alleata di Maga Cornacchia, prevede di ottenere il dominio su tutta l’acqua che scorre nel regno…

“Abbiamo deciso di affrontare la tematica del risparmio dell’acqua e del suo uso consapevole perché è un tema ancora e sempre incredibilmente attuale. Dato che ci rivolgiamo ai bambini, che sono sempre un passo avanti ai grandi, e si dimostrano spesso molto più ricettivi di loro a determinati argomenti, ci è sembrata un’ottima occasione per veicolare un messaggio così importante attraverso una fiaba”. (Laura Feltrin)

Teatro d’attore con pupazzi

Biglietti: 5 euro (adulti e bambini); gratuità per bambini 0-3 anni.

La vendita dei biglietti sarà effettuata il pomeriggio di spettacolo a partire dalle ore 15 presso la biglietteria del Teatro Masini.

Prenotazioni telefoniche (0546 21306) dal lunedì al venerdì dalle ore 11 alle ore 13.

Prevendite on line: www.vivaticket.it

Info: 0546 21306 e www.accademiaperduta.it

TEATRO MASINI
FAENZA

Favole

Domenica 27 novembre 2022 ore 16

GLI ALCUNI

La Regina dell’acqua

di Sergio Manfio

con Laura Feltrin e Margherita Re

regia di Davide Stefanato