18 – 19 e 20 marzo a Modena musiche di Beethoven e serata di musica per la pace in Ucraina

47
docente carlida steffan

MODENA – Un fine settimana lungo, intorno all’esecuzione della Nona di Beethoven – prima volta a Modena, nella versione per soli, coro e pianoforte (trascrizione pianistica di Franz Liszt)  – preparata da un’interessante conferenza di Carlida Steffan e poi un evento speciale, fuori cartellone, con la partecipazione spontanea ed entusiasta degli amici di MusicaCantoParola, per raccogliere fondi a beneficio dei rifugiati di guerra.

Venerdì 18 marzo alle ore 18 | sala ex-oratorio Palazzo dei Musei,  I suoni di Ludwig | Dirigere Beethoven, ieri e oggi. A cura di Carlida Steffan

In preparazione dell’esecuzione della Nona sinfonia di Beethoven, nella trascrizione di Franz Liszt, che vedrà impegnati il coro Luigi Gazzotti e il pianista Olaf John Laneri, Carlida Steffan ci condurrà in un racconto di parole, immagini e video lungo la storia dell’interpretazione e della ‘direzione’ della musica del grande compositore di Bonn: interpreti, solisti, direttori alla prova del palcoscenico e di opere musicali immortali.

– ingresso libero | prenotazione nominale obbligatoria a segreteriagmimo@gmail.com 

Sabato 19 marzo alle ore 21 | Chiesa di San Bartolomeo

LUDWIG VAN BEETHOVEN  (1770 – 1827)
SINFONIA N.9 IN RE MINORE OP.125
Versione di FRANZ LISZT  (1811 – 1886) per soli, coro e pianoforte (1864)Olaf John Laneri  pianoforte
Anaïs Mejias  soprano / Daniela Pini  mezzosoprano
Romolo Tisano  tenore / Sergio Foresti  baritono
Coro Filarmonico di Modena Luigi Gazzotti

Giulia Manicardi direttoreUn appuntamento imperdibile con la musica dal vivo attende il pubblico modenese Sabato 19 marzo alle 21 nella splendida cornice della Chiesa di S. Bartolomeo, via dei Servi. Viene infatti proposta alla città la Nona Sinfonia di Beethoven nella trascrizione per pianoforte, soli e coro di Franz Liszt. L’esecuzione è affidata ad Olaf John Laneri con l’inserimento nell’ultimo celebre movimento del Coro Filarmonico di Modena Luigi Gazzotti e dei solisti Anaïs Mejias soprano, Daniela Pini  mezzosoprano, Romolo Tisano  tenore, Sergio Foresti  baritono, diretti da Giulia Manicardi.

Il concerto era stato concepito nel 2020 per festeggiare i 250 anni dalla nascita di Beethoven e poi sospeso per le vicende legate alla pandemia. Riproporlo in questi giorni terribili assume nuove prospettive. Questa opera, annoverata nel 2001 dall’Unesco come ‘Memoria del mondo’, è infatti la prova di un attaccamento straordinario verso i valori di fratellanza e uguaglianza delle genti, mirabilmente scritto da Friedrich Schiller nell’Inno alla gioia, con l’utilizzo per la prima volta della voce umana in un componimento sinfonico; è testamento spirituale di un compositore tra i più grandi della storia che da quasi duecento anni ci ripete: ‘Abbracciatevi moltitudini’.

La celebre trascrizione di Listz è di difficoltà trascendentale e chiede al pianista dita e nervi d’acciaio uniti ad una sensibilità fuori dal comune. Anche ai solisti vocali e al coro è richiesto un impegno particolare perché la mancanza dell’orchestra completa lascia scoperti i percorsi accidentati della scrittura di Beethoven. Solo a queste difficoltà è probabilmente legata la scarsa fortuna esecutiva di questa trascrizione, altrimenti di formidabile impatto. Questa versione non è mai stata udita a Modena e molto raramente in Italia. Assieme alla gioia di poter collaborare con un musicista come Laneri l’appuntamento rappresenta per il Coro Gazzotti un ulteriore passaggio nel recupero completo di una consuetudine concertistica. Passione, solidità organizzativa e la collaborazione con GMI e ACIT si sono rivelati fondamentali per superare il periodo della pandemia che ha duramente colpito tutte le attività musicali. Il coro, diretto da Giulia Manicardi, è infatti riuscito a farsi trovare pronto ed una volta riaperte le porte allo spettacolo dal vivo ha già potuto realizzare numerosi concerti con programmi ricchi e molto differenziati.

– Biglietto unico 12 euro, Ridotto 3 euro per i minori di 26 anni.
È possibile acquistare il biglietto online su LiveTicket o prenotarlo nominalmente tramite  segreteriagmimo@gmail.com

Domenica 20  marzo alle ore 20.30 | Rosso Tiepido Hangar (via Emilia Est 1420/2)

Un evento speciale, fuori cartellone, nato spontaneamente tra gli amici del progetto MusicaCantoParola, una serata a più voci e più mani per sostenere concretamente e soprattutto per testimoniare la vicinanza ai milioni di profughi, in gran parte donne e bambini, dall’Ucraina invasa dall’esercito russo. УКРАЇНА: DALLE TERRE DI CONFINE. Una serata di musica classica e canti popolari di Ucraina, Polonia, Ungheria,  Estonia e Romania proposti in prevalenza da artisti residenti in Italia, originari dei Paesi confinanti, dove affluiscono milioni di rifugiati dalla guerra. Letture da scrittrici e poetesse di quelle terre, testimoni delle guerre e della tragedia dei rifugiati e dei bambini; video e testimonianze dei profughi dall’Ucraina di oggi.

– Biglietto: 20 euro | interamente devoluti a Croce Rossa ItalianaUNHCRUNICEF, con la collaborazione di ANCI. Tutti gli artisti e gli organizzatori prestano la propria opera in forma gratuita. Prenotazione all’indirizzo: segreteriagmimo@gmail.com. Green Pass obbligatorio

Musiche di: Enescu, Pärt, Verdi, Smetana, Eisler, Beethoven, Bartok, Rachmaninov, Chopin, Puccini, popolari ucraine
Letture da scrittori e poeti: Kostenko, Ukraïnka, Ševčenko, Aleksievic, Ortese, Jelinek, Szymborska.
Parteciperanno: Anna Freschi violoncello – Olaf John Laneri pianoforte – Giulia Manicardi pianoforte e direzione coro – Nadija Petrenko mezzosoprano – Ela Warcaba  soprano – Kseniia Overko soprano – Tetiana Petriv soprano – Renata Lacko violino  – Stefano Seghedoni pianoforte – Roberto Nannetti chitarra – Anna Bodnar fisarmonica – coro Luigi Gazzotti – Federica Doniselli soprano – Luca Benatti pianoforte – Donatella AllegroAnnamaria PignattiIsabella Dapinguente voci recitanti

UN LUNGO FINE SETTIMANA NELLA GRANDE MUSICA DI BEETHOVEN E PER LA PACE IN UCRAINA

Venerdì 18 marzo | ore 18 | Sala ex-oratorio Palazzo dei Musei
I SUONI DI LUDWIG: DIRIGERE BEETHOVEN, IERI E OGGI
Sabato 19 marzo | ore 21 | Chiesa di San Bartolomeo
L. VAN BEETHOVEN | SINFONIA N. 9 IN RE MINORE OP. 125 PER SOLI, CORO E PIANOFORTE
Domenica 20 marzo | ore 21 | Rosso Tiepido Hangar
УКРАЇНА: DALLE TERRE DI CONFINE
MusicaCantoParola per la pace dall’Ucraina e dai popoli vicini