Spiaggie di lusso, il 12 marzo a Rimini si parla di antisemitismo e razzismo

spiagge di lusso libroAlla cineteca comunale le presentazione del volume di Lidia Maggioli e Antonio Mazzoni

RIMINI – Sabato 12 marzo 2016, alle ore 17, presso la Cineteca comunale di Rimini verrà presentato il libro “Spiagge di lusso. Antisemitismo e razzismo in camicia nera nel territorio riminese” di Lidia Maggioli e Antonio Mazzoni.

Nell’opera viene ricostruita con materiali nuovi e inediti una pagina di storia locale strettamente legata alle vicende nazionali e internazionali della guerra d’Etiopia e del secondo conflitto mondiale. La diffusione dell’ideologia razzista e di pratiche vessatorie ai danni dei cittadini di religione ebraica residenti o villeggianti lungo la costa adriatica, da Bellaria a Cattolica, viene documentata con fonti d’archivio, testimonianze, diari e memorie dei protagonisti. L’analisi spazia necessariamente sull’intera penisola e sull’Europa, in quanto molti perseguitati raggiungono le coste adriatiche, in fuga dai nazisti e dalle incursioni aeree.

Saranno presenti gli autori Lidia Maggioli e Antonio Mazzoni. Introduce Laura Fontana, responsabile Attività di Educazione alla Memoria e responsabile Italia del Memorial de la Shoah di Parigi.

Una legge promulgata nel dicembre del ‘37 definisce “lesiva del prestigio di razza” la relazione tra italiani e “sudditi” delle colonie africane. Nel giro di un anno, il Governo fascista delibera pure che i cittadini ebrei non appartengono alla razza italiana. La mala pianta del pregiudizio e della pretesa superiorità “ariana”, si diffonde a macchia d’olio nel Paese e si radica anche in territorio riminese, mettendo a dura prova la vocazione cosmopolita della riviera.

I provvedimenti razzisti sconvolgono l’esistenza dei residenti italiani e stranieri di religione ebraica e di correligionari in cerca di un rifugio dalla persecuzione, braccati fino all’ultimo giorno con singolare accanimento dalle autorità e dalle forze di polizia negli anni di per sé drammatici della guerra. All’epoca le località balneari, come pure quelle montane e termali, erano inserite in una graduatoria di qualità, al fine di escludere dalle sedi definite di lusso i clienti di religione ebraica, soggetti comunque a limitazioni e al rilascio di appositi permessi.

L’opera offre una ricognizione documentata sulle vessazioni subite da tali cittadini – residenti, fruitori di seconda casa, villeggianti e infine sfollati di guerra – nel territorio costiero tra Bellaria e Cattolica dal 1938 al 1944. Vengono messi in luce anche i rapporti con l’ambiente sociale e politico dei vari comuni, segnato dagli effetti della dittatura e dalle vicende belliche.

Le numerose storie narrate, che in diversi casi scaturiscono dal racconto stesso dei protagonisti, oltre a far rivivere vicende finora passate sotto silenzio, mettono in luce le multiformi e contraddittorie pulsioni dell’animo umano, con esempi di egoismo e di odio razziale ma anche di solidarietà generosa e disinteressata.

Gli autori Lidia Maggioli e Antonio Mazzoni si dedicano da anni al tema della persecuzione antiebraica, con pubblicazioni e con la creazione del sito www.archiviomaggiolimazzoni.it. Nel 2009 hanno scritto Con foglio di via, storie di internamento in Alta Valmarecchia, 1940-1944, Cesena, soc. ed. Il ponte vecchio; nel 2012 Il ponte sette luci, biografia di Giuseppe Levi Cavaglione, Pesaro, Metauro edizioni. Lidia Maggioli nel 2006 ha curato l’autobiografia di Cesare Moisè Finzi dal titolo Qualcuno si è salvato, ma niente è stato più come prima, per la casa editrice Il ponte vecchio.