Emilia Romagna News 24 quotidiano online, notizie ultim'ora

Controlli in materia di raccolta differenziata dei rifiuti nel quartiere Montanara

Elevate 4 sanzioni

PARMA –  Proseguono i controlli in materia di raccolta differenziata dei rifiuti attuati dagli ispettori ambientali di Iren e dal corpo di polizia municipale contro gli abbandoni e per correggere i comportamenti sbagliati in tema di conferimento dei rifiuti. Dopo quelli effettuati in alcune vie del quartiere San Pancrazio, la settimana precedente, le verifiche hanno interessato alcune vie del quartiere Montanara, dove sono state elevate 4 sanzioni.

In particolare sono state sottoposte a controlli via Zanguidi, via Lago Scuro e via Sporzana, durante il turno di esposizione del sacco giallo destinato a plastica, barattolame e tetrapak, dove sono stati esposti un totale di 371 sacchi, di cui 5 sono risultati essere non conformi. Sono state emesse 2 sanzioni per errato conferimento dei rifiuti. La percentuale di esposizione rispetto agli utenti presenti è stata dell’80 %.

Per quanto riguarda l’esposizione del rifiuto residuo, per utenze domestiche e non domestiche, i controlli hanno interessato via Carmignani, via Raffaello e via Bramante dove, su 191 utenti, sono state verificate 62 esposizioni, di cui 4 sono risultate non conformi e sono state emesse 2 sanzioni.

L’attività svolta congiuntamente dagli agenti del corpo della polizia municipale e dagli ispettori Iren ha riguardato anche le informazioni in merito all’utilizzo da parte delle utenze private del kit fornito da Iren per svolgere una corretta raccolta differenziata.

Questa settimana il controllo interesserà il quartiere Lubiana.

Ormai da oltre due mesi i vigili ambientali del Comune e il personale di Iren hanno avviato azioni di controllo sistematico nelle diverse zone della città per verificare tempi e modalità di esposizione dei rifiuti, sanzionare i comportamenti irregolari e fare formazione. Nello specifico, i casi di conferimenti scorretti vengono segnalati tramite adesivi affissi su contenitori o sacchi e, se possibile, cercando un contatto con il proprietario ai fini di una corretta informazione, prima di procedere eventualmente a sanzionare gli utenti per cui è stata rilevata un’infrazione.