Teatro Diego Fabbri, Forlì: il 28 gennaio Musica nel sangue, la storia di Antigone

FORLÌ – Lunedì 28 gennaio alle ore 18, per la rassegna degli Incontri pomeridiani al Ridotto del Teatro Diego Fabbri di Forlì organizzata da Accademia Perduta/Romagna Teatri in collaborazione con il Bar del Ridotto – Benso, Daniela Piccari sarà protagonista di un concerto-spettacolo di grande suggestione: Musica nel sangue, la storia di Antigone. I testi dello spettacolo sono firmati da Giampiero Pizzol, mentre le musiche sono firmate dal contrabbassista Andrea Alessi che accompagnerà la Piccari dal vivo insieme al pianista Dimitri Sillato.
L’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti.

L’Antigone mitica, la figlia di Edipo presentata da Sofocle, è un personaggio della tragedia greca che il teatro antico ha scolpito ed è rimasta un monumento studiato e amato per secoli.
Di generazione in generazione l’ammirazione per questa figura ha consumato il tempo reale e quella Antigone è diventata un simbolo.
Eppure quella notte lei uscì come una bambina che scappa di casa. Fu un’azione segreta perché si opponeva alla legge che vietava la sepoltura di Polinice.
Senza corazza, senza spada, con un pugno di sabbia per seppellire suo fratello, la ragazza Antigone fece il suo canto silenzioso che accompagnò quel rito di amore puro. Fu un’azione solitaria, ma fatta per qualcuno, fu veloce come il fulmine che illumina un luogo senza luce. Fu davvero “mitica”!
È a questo punto che Antigone si presenta come l’attimo della lucidità nel mondo oscuro di intrighi e guerra dello zio-re Creonte che la condanna a morte. Lei non si inchina alla legge, ma a quel che nel cuore batte come desiderio di giustizia, di verità, di fedeltà all’essere umano. C’è un assoluto viscerale, un pensiero aurorale che guida la sua mente, una luce che non è offuscata dalla polvere dei tribunali della Storia.
Per noi oggi la storia di Antigone è un luogo musicale in cui risentire quella voce primordiale.
Le canzoni che il concerto propone presentano questa figura antica come fosse una ragazza contemporanea. La scrittura di Sofocle resta centrale nel racconto di questa storia, ma si parte da Elsa Morante e si finisce con Maria Zambrano.
Mitica Antigone! Che si sdoppia, centuplica e rigenera in ogni essere umano che riconosce l’aurora di se stesso nell’attimo della Pietas.

Lunedì 28 gennaio 2019 ore 18

DANIELA PICCARI
Musica nel sangue,
la storia di Antigone
testi di Giampiero Pizzol – musica di Andrea Alessi

con DANIELA PICCARI (voce),
DIMITRI SILLATO (piano), ANDREA ALESSI (contrabbasso)

Info: 0543 26355 e www.accademiaperduta.it