Teatro Comunale Walter Chiari, Cervia: Stagione Teatrale 2022/23

22
Elisabetta Pozzi The Children Foto © Masiar Pasquali

CERVIA (RA) – L’Amministrazione Comunale di Cervia e Accademia Perduta/Romagna Teatri, proseguono, con la Stagione 2022/23, la pluriennale e virtuosa collaborazione che ha titolato il TEATRO COMUNALE WALTER CHIARI come uno dei più importanti punti di riferimento della vita culturale della città e della riviera romagnola.

Grazie ad una “visione” sempre condivisa, il Teatro Comunale Walter Chiari ha imposto un suo preciso progetto artistico, improntato sulla qualità e pluralità dei linguaggi.

Stagione dopo Stagione, il Comunale ha visto alternarsi, sul suo palcoscenico, Prosa classica e contemporanea, commedie brillanti e intensi drammi, Teatro per Famiglie e per le Scuole, comicità e musica d’autore, fino alle tradizionali rappresentazioni in lingua vernacolare; una policromia artistica rara che ha sempre arricchito di arte, cultura, bellezza ed emozioni gli inverni della riviera romagnola.

La Stagione Teatrale 2022/23 confermerà questa dinamicità, ospitando a Cervia una ricca rassegna di Prosa, quest’anno particolarmente improntata sul registro brillante; i divertenti appuntamenti di Teatro Comico e l’apprezzatissima rassegna Favole con la quale il Comunale propone alcune delle più importanti e qualificate esperienze del teatro per ragazzi italiano nella fascia oraria serale del sabato, offrendo ai giovani e alle famiglie della città importanti occasioni di stare insieme, divertirsi, emozionarsi e sorprendersi. L’offerta culturale sarà quest’anno ampliata da Teatri d’Inverno, cartellone di tre appuntamenti dedicato alla nuovissima drammaturgia che si sviluppa “in rete” su tutti i Teatri gestiti da Accademia Perduta.

La rassegna “ammiraglia” di PROSA proporrà sei appuntamenti in doppio turno e partirà la grande Milena Vukotic, affiancata da Salvatore Marino e Maximilian Nisi nel delizioso A spasso con Daisy. Seguono: Elisabetta Pozzi, interprete sublime e versatile, protagonista dell’intenso The Children di Lucy Kirkwood; Edy Angelillo, Blas Roca Rey e Milena Miconi nel brillante La ciliegina sulla torta; Pippo Pattavina e Marianella Bargilli in Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello; Cochi Ponzoni e Matteo Taranto, interpreti di un drammatico scontro dialettico in Le ferite del vento e Enzo Iacchetti e Vittoria Belvedere nel divertentissimo Bloccati dalla neve di Peter Quilter con la regia di Enrico Maria Lamanna.

Con tutti questi protagonisti prosegue la bellissima iniziativa degli Incontri con gli Artisti ospitati negli spazi del Ridotto a ingresso gratuito nel secondo giorno della loro permanenza in città.

La rassegna di TEATRO COMICO porterà a Cervia Vito con l’esilarante e attualissimo La felicità è un pacco, seguito dalla bravissima imitatrice Emanuela Aureli in Ce la farò anche st(r)avolta e da Alessandro Paci e Diletta Oculisti in Matrimonio per caso.

Il cartellone FAVOLE sarà composto da tre rappresentazioni che, come da consolidata tradizione, andranno in scena in orario serale del sabato. Tre appuntamenti in cui il palcoscenico del Comunale di Cervia sarà “invaso” dalla magia, la poesia, la musica e tutti gli elementi propri che hanno fatto del Teatro Ragazzi italiano uno dei più apprezzati ed esportati al mondo. L’offerta per i più giovani sarà poi completata dalle matinée di TEATRO SCUOLA con un cartellone di quattro titoli del repertorio di Accademia Perduta/Romagna Teatri per gli studenti delle scuole dell’obbligo: dal nuovo Orfeo ed Euridice de Il Baule Volante a Ferdinando il toro, i fiori e il calabrone, una favola pacifista portata in scena da Danilo Conti di TCP Tanti Cosi Progetti. Il lungo viaggio del coniglio Edoardo, diretto da Claudio Casadio, è una tenera storia che insegna come l’amore non sia dovuto ma vada conquistato mentre Nico cerca un amico è una poetica riflessione sull’amicizia e sull’accettazione della diversità.

Nella Stagione 2022/23 Accademia Perduta/Romagna Teatri presenta la seconda edizione di TEATRI D’INVERNO, un’unica mappa progettuale estesa a tutta la Rete di Teatri gestiti dal Centro di Produzione e dedicata alla nuovissima drammaturgia, al teatro, alle parole, ai temi del nostro presente. Le “tappe” cervesi di questo percorso avranno per protagonisti: Luigi Dadina e il Teatro delle Albe con Mille anni o giù di lì, il giovane talentuoso Teodoro Bonci Del Bene con la stand up di Sergei Orlov e i premiatissimi Les Moustaches nel potente La difficilissima storia della vita di Ciccio Speranza. Al progetto è dedicata la speciale “Formula Plus” che permetterà di acquistare i biglietti dei tre spettacoli in cartellone aggiungendo solo 15 euro all’Abbonamento di qualsiasi rassegna della nuova Stagione. Immancabili, infine, gli appuntamenti con la grande tradizione del teatro in lingua vernacolare (presentati prossimamente) e che porterà sul palcoscenico commedie ricche di allegria e buon umore.

PROSA

Già Premio Pulitzer e film da quattro Oscar, A spasso con Daisy è il delizioso spettacolo teatrale che, interpretato magistralmente da Milena Vukotic, Salvatore Marino e Maximilian Nisi, inaugura la nuova rassegna di Prosa del Comunale Walter Chiari. Vukotic dà vita all’anziana Daisy in una storia delicata e divertente capace di raccontare con umorismo un tema complesso come quello del razzismo nell’America del dopoguerra. Diretto da Guglielmo Ferro, A spasso con Daisy è la storia di un’amicizia profonda, nata nonostante i pregiudizi e le diverse classi sociali, giocata su ironia pungente, leggerezza e grazia (15 e 16 novembre ore 21).

Elisabetta Pozzi, insieme a Giovanni Crippa e Francesca Ciocchetti, sarà poi protagonista di The Children, un testo di Lucy Kirkwood diretto da Andrea Chiodi che affronta problematiche e intimi conflitti insieme a temi universali, morali e collettivi. Hazel e Robin, ingegneri nucleari, vivono in un cottage sulla costa della Gran Bretagna mentre il mondo intorno a loro sembra cadere a pezzi. Il loro desiderio di una vita tranquilla viene violentemente messo alla prova dall’arrivo di Rose, una vecchia amica e collega, che si presenta con una richiesta che cambierà per sempre la loro vita e riporta a galla le complessità del loro passato (3 e 4 dicembre ore 21).

Con La ciliegina sulla torta, interpretato da Edy Angelillo, Blas Roca Rey, Milena Miconi e Adelmo Fabo, Diego Ruiz scrive una commedia sfacciata e piccante sulla famiglia e le sue innumerevoli dinamiche. C’è un particolare giorno, nella vita di un ragazzo, che è legata quasi sempre a una figuraccia di dimensioni apocalittiche e che tutti riconoscono come l’inizio della fine: la presentazione della fidanzata ai propri genitori! A complicare ulteriormente le cose è il fatto che la fidanzata in questione è un po’ più grande di quanto ci si aspettava… (24 e 25 gennaio ore 21).

Pubblicato nel ’25 a puntate, in versione definitiva l’anno dopo, Uno, nessuno e centomila è l’ultimo romanzo di Luigi Pirandello e la summa del suo pensiero, della sua sterminata riflessione sull’Essere e sull’Apparire. Interpretato dal “mostro sacro” Pippo Pattavina e Marianella Bargilli e diretto da Antonio Capodici, il testo è tutt’oggi attualissimo nella descrizione della perdita di senso che l’Uomo contemporaneo subisce a fronte del sovrabbondare dei macro – sistemi sociali, che finiscono con l’annullarlo, inglobandolo: dallo Stato alla famiglia, dall’istituto del matrimonio al capitalismo, dalla ragione alla follia (18 e 19 febbraio ore 21).

Cochi Ponzoni e Matteo Taranto saranno poi protagonisti dell’intenso Le ferite del vento di Juan Carlos Rubio per la regia di Alessio Pizzech. La morte del padre obbliga Davide a farsi carico di tutte le incombenze pendenti. Frugando fra una montagna di carte, il giovane trova, però, qualcosa di inatteso, lettere d’amore indirizzate a un uomo. Sconcertato dalla scoperta, Davide decide di andare a far visita al presunto amante del padre. L’incontro con questo anziano signore gli darà modo di scoprire verità mai immaginate (4 e 5 marzo ore 21).

Chiudono il cartellone Enzo Iacchetti e Vittoria Belvedere con Bloccati dalla neve diretto da Enrico Maria Lamanna, commedia brillante che ha come tema la convivenza tra persone diverse, sia per carattere, sia per il modo di concepire il mondo e la vita in una situazione al limite, di estrema necessità. Lo spettacolo è stato scritto durante il primo lockdown del 2020 da Peter Quilter, autore di commedie di successo come Glorious! e End of the Rainbow, quest’ultimo adattato anche per il grande schermo per il film Judy (2019), premiato agli Oscar (11 e 12 aprile ore 21).

COMICO

Gli appuntamenti con il Teatro Comico inizieranno insieme a Vito e al suo nuovo spettacolo La felicità è un pacco (vita spericolata di un negoziante ai tempi di Amazon). Vito interpreta Icilio Simonazzi, proprietario di un negozio di elettrodomestici in cui non entra più nessuno da quando è esplosa la moda dell’e-commerce. Un giorno Icilio decide di reagire, mettendo in atto la sua personale e folle “Resistenza” alla modernità. Dichiara guerra ai colossi delle consegne a domicilio e si trasforma in un comicissimo Don Chisciotte che sfida, con la lancia del politicamente scorretto, i mulini a vento dei nuovi bisogni che il web ha creato (20 novembre ore 21).

Seguirà Emanuela Aureli, nota imitatrice e personaggio molto amato dal pubblico, si esibirà in un monologo comico accompagnata solamente da un chitarrista, il bravissimo Giandomenico Anellino. Con Ce la farò anche st(r)avolta, la Aureli avrà modo di esprimersi in tutta la sua bravura e la sua simpaticissima ironia, raccontandoci la storia della sua carriera, sin dagli inizi, con una serie di aneddoti buffi spesso legati alla sua fisicità… (14 gennaio ore 21).

A chiudere la rassegna Alessandro Paci e Diletta Oculisti in Matrimonio per caso. Due single, ignari del proprio destino, si incontrano casualmente cercando il regalo per lo stesso matrimonio, scatenando una serie di situazioni esilaranti. Una commedia divertente che vuol far riflettere, tra una risata e l’altra, sulle nevrosi e sulle folli dinamiche di una coppia moderna, cercando una alternativa per concedersi la possibilità di una vita felice (8 marzo ore 21).

FAVOLE

La rassegna che il Teatro Comunale Chiari dedica ai più piccoli e alle famiglie partirà sabato 19 novembre alle ore 21 con Mostriciattoli del Giallo Mare Minimal Teatro. Olmo è un bambino che vuol essere grande ma tutti lo considerano piccolo! Per i suoi genitori diventa improvvisamente “grande” con l’arrivo di una sorellina e l’ingresso alle scuole elementare. Improvvisamente i mostri popolano tutta la casa, la scuola, la stanza di Olmo, ma i grandi non li vedono fino a che un incontro fortunato con un piccolo cane, Polpetta, porta Olmo a dimenticare le sue paure, anzi a combatterle e a diventare grande. Seguirà, sabato 10 dicembre alle ore 21L’elefantino de La Baracca. Liberamente tratto da un racconto di Kipling, lo spettacolo ha per protagonista Bubu, a cui mamma e papà hanno dato l’incarico di lavare tutti i calzini della famiglia. È un lavoro noioso e Bubu, mentre lava, si racconta una storia. Come per magia i calzini prendono vita e si trasformano in animali della giungla che ci racconteranno di come il piccolo elefantino dal piccolo naso, dotato di un’insaziabile curiosità, fu il primo di tutti gli elefanti ad avere la proboscide e di come scoprì quanto gli fosse utile. Sabato 7 gennaio alle ore 21 la compagnia Teatro Telaio presenterà Abbracci, spettacolo che è una riflessione sul potere comunicativo di un gesto semplice come l’abbraccio. È per eccellenza il gesto della condivisione, dell’unione, della tenerezza, del ritorno, della riconciliazione. Un gesto che i bambini cercano e sentono come naturale all’interno del loro orizzonte affettivo, ma che si deve imparare ad ogni nuovo incontro.

TEATRI D’INVERNO

Il cartellone dedicato alla nuova drammaturgia partirà con Luigi Dadina e il Teatro delle Albe nello spettacolo Mille anni o giù di lì. Nato dall’incontro di Dadina con Davide Reviati, fumettista, e Francesco Giampaoli, musicista, la storia dello spettacolo si svolge dal 15 al 20 agosto 2022. È il racconto di sei giorni, che un uomo, Dadina, seduto dietro a un tavolo, chiuso in una stanza, dipana davanti a una porta finestra, un balcone, un prato, i vicini: in una periferia di piccole palazzine, tutte uguali. Il Villaggio ANIC (13 aprile ore 21).

Segue Teodoro Bonci del Bene con Sergei Orlov. Ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la Russia, nuova produzione di Accademia Perduta/Romagna Teatri, in cui il giovane e talentuoso artista porta sul palco la comicità di Sergei Orlov, nato nel 1993 in un piccolo villaggio della provincia russa dove le uniche forme di divertimento erano lo sport e la prigione. Giunto a Mosca diventa stand up comedian e, travolto da un’ondata di popolarità, diventa “il cantore della provincia russa” (26 aprile ore 21).

Les Moustaches presentano, in chiusura di Stagione, La difficilissima storia della vita di Ciccio Speranza, co-produzione di Accademia Perduta/Romagna Teatri e Società per Attori, già “Migliore spettacolo” e vincitore del Premio della Critica e Premio Fersen al Roma Fringe Festival 2020. Scritto da Alberto Fumagalli – che ne è anche regista insieme a Ludovica D’Auria – la pièce ha per protagonista Ciccio, un ragazzo grasso ma leggero, con un’anima delicata. Ciccio Speranza ha un grande sogno: vuole danzare. In tutù rosa, non smetterà mai di danzare, raccontandoci la sua vita così come la desidera (3 maggio ore 21).

Info Abbonamenti, prevendite biglietti, promozioni e prezzi:

tel. +39 0544 975166

teatrocervia@accademiaperduta.it

www.accademiaperduta.it

TEATRO COMUNALE
WALTER CHIARI
CERVIA

La brillante Stagione 2022/23
del TEATRO COMUNALE WALTER CHIARI di CERVIA
Prosa classica e contemporanea, commedie e comicità intelligenti,
nuove drammaturgie e Favole!