Sognalib(e)ro, serata finale al Teatro dei Segni di Modena

56

Giovedì 20 febbraio alle 20.30 si conclude il secondo premio letterario per le carceri italiane promosso da Comune, Ministero della Giustizia, Giunti, BPER Banca

MODENA – Volge al termine, con la serata delle premiazioni, giovedì 20 febbraio alle 20.30 al Teatro dei Segni di Modena, via S. Giovanni Bosco 150, la seconda edizione del premio letterario “Sognalib(e)ro” per le carceri italiane. Diretto in collaborazione col Comune da Bruno Ventavoli, responsabile di TuttoLibri – La Stampa, è promosso da Comune di Modena con Direzione generale ministero della Giustizia – dipartimento amministrazione penitenziaria, Giunti editore, e con il sostegno di BPER Banca.

La serata finale di Sognalib(e)ro con l’annuncio dei vincitori, e la partecipazione dell’autore o dell’autrice scelto per la sezione Narrativa italiana e il Premio BPER Banca, è a ingresso libero per tutti fino a esaurimento dei posti disponibili.

L’appuntamento, a cura del Teatro dei Venti e di Ventavoli che lo conduce, è aperto da Andrea Bortolamasi, assessore alla Cultura, per passare poi alla premiazione della sezione Inediti a un’opera prodotta da detenuti o detenute sul tema “Ho fatto un sogno…”, con lettura di riflessioni e commenti dei detenuti. Nella giuria, diretta da Ventavoli, Marco Dambrosio “Makkox”, Barbara Baraldi, Paolo Di Paolo.

Si prosegue, quindi, con la premiazione della sezione Narrativa e del Premio BPER Banca all’autore o all’autrice del libro più votato dai gruppi di lettura negli istituti. In gara c’era una rosa di tre romanzi: “La straniera”, di Claudia Durastanti (La nave di Teseo, 2019); “Fedeltà” di Marco Missiroli (Einaudi, 2019); “Le assaggiatrici” di Rosella Postorino (Feltrinelli, 2018). L’autore o l’autrice scelto dalla giuria popolare delle carceri parlerà dei suoi “libri della vita”, che saranno poi donati in più copie da BPER Banca e dal Comune di Modena a ciascun istituto penitenziario partecipante.

Nel corso della serata sarà presentato “Freeway per una Odissea in carcere”, progetto di spettacolo a cura del Teatro dei Venti con gli attori del Carcere di Modena e di Castelfranco Emilia, realizzato in collaborazione con tre realtà europee che nei rispettivi Paesi lavorano in istituiti penitenziari: aufBruch (Germania), Fundacja Jubilo (Polonia) e Upsda (Bulgaria) con il sostengo di Creative Europe – Sottoprogramma Cultura.