Singapore Chinese Orchestra questa sera in concerto a Forlì

FORLÌ – Venerdì 6 settembre (ore 21) nella Chiesa di San Giacomo in San Domenico, si chiudono gli appuntamenti del territorio di Forlì con l’atteso concerto della Singapore Chinese Orchestra, per la prima volta in Italia, diretta dalla bacchetta di Tsung Yeh. In programma una serie di brani destinati a essere un’assoluta sorpresa, di compositori per la maggior parte orientali quasi tutti in prima esecuzione italiana.

Fondata nel 1997 la Singapore Chinese Orchestra (SCO) ha il duplice ruolo di preservare le arti e la cultura tradizionali e stabilire nuove frontiere attraverso l’unione in seno all’orchestra stessa di strumenti e brani della tradizione sinfonica classica occidentale con repertorio ed elementi musicali del sud-est asiatico. Così in questa orchestra sinfonica di circa 85 elementi convivono strumenti della tradizione europea come il violoncello, l’arpa, i timpani accanto a strumenti classici della tradizione cinese come i Gaohu, gli Erhu, gli Zhonghu, il Yangqin, il Pipa, il Sanxian, dando vita a sonorità nuove e coinvolgenti con numerosi brani e composizioni originali. Rinomata per gli elevati standard e la versatilità, la SCO che dal 2002 è diretta da Tsung Yeh, si è esibita in importanti sale da concerto internazionali e in numerosi eventi prestigiosi come il World Economic Forum e l’International Summit of Arts Council nel 2003 e l’Annual Meeting del Monetary Fund (FMI) del 2006.

Il programma della serata si apre con il compositore Law WaiLun (nato nel 1944), riconosciuto per il suo contributo allo sviluppo dello stile “Nanyang” nella musica orchestrale cinese. Recentemente inciso dalla SCO, il suo affascinante brano Prince Sang Nila Utama and Singa ci porta in un mondo di fiaba attraverso un ricco universo di effetti atmosferici. Dal vago sapore mahleriano è il poema sinfonico del compositore tedesco Enjott Schneider dal titolo Terra e fuoco, un grande brano per sheng (un antico strumento a fiato ad ancia libera) e orchestra cinese. Del giovane compositore Gordon Fung Dic-Lun di Hong Kong, ascolteremo Arise, You Lion Of Glory! (Destati, leone di gloria!) un concerto per pipa, il cosiddetto liuto cinese a quattro corde, con cui ha vinto il primo premio al Concorso internazionale di Singapore per composizione orchestrale di musica cinese. Intessuto di piccoli episodi onirici e misteriosi è il breve brano Buka Panggung (2006) del compositore malese Yii Kah Hoe. Più nota agli ascoltatori italiani, invece, l’opera di Tan Dun, compositore e direttore d’orchestra cinese vivente. I quattro movimenti di Yellow Earth, una suite sinfonica, hanno titoli evocativi come un responso dell’I-Ching: la pioggia scende propizia dal cielo; la camera nuziale; desiderio di intimità; le percussioni di Shiban.

Un meraviglioso concerto che trasporterà il pubblico in un mondo dove Occidente e Oriente si incontrano.

Ingresso
€ 10 – gratuità fino a 10 anni

IN COLLABORAZIONE CON
Musei San Domenico Forlì

GRAZIE AL SOSTEGNO
Fondazione Cassa di Risparmio Forlì

PROGRAMMA
Law WaiLun
Prince Sang NilaUtama&Singa
Prima esecuzione italiana

YiiKah Hoe
BukaPanggung
Prima Esecuzione Italiana

Gordon Fung Dic-Lun
Arise, You Lion of Glory Pipa Concerto
Prima esecuzione italiana

Enjott Schneider
Earth & Fire
Prima esecuzione italiana

Tan Dun
Yellow Earth

CURRICULUM ARTISTI
Fondata nel 1997 la SINGAPORE CHINESE ORCHESTRA ha il duplice ruolo di preservare le arti e la cultura tradizionali e stabilire nuove frontiere attraverso l’unione in seno all’orchestra stessa di strumenti e brani della tradizione sinfonica classica occidentale con repertorio ed elementi musicali Nanyang. Così in questa orchestra sinfonica di circa 85 elementi convivono strumenti della tradizione europea come il violoncello, l’arpa, i timpani accanto a strumenti classici della tradizione cinese come i Gaohu, gli Erhu, gli Zhonghu, il Yangqin, il Pipa, il Sanxian, dando vita a sonorità nuove e coinvolgenti con numerosi brani e composizioni originali presentate qui in prima italiana.
La Singapore Chinese Orchestra (SCO), nata nel 1997, è l’unica orchestra cinese professionale di Singapore. Composta da oltre 80 musicisti, ha sede nella Singapore Conference Hall, monumento nazionale. Con il Primo Ministro Lee Hsien Loong come mecenate, la SCO ha assunto il duplice ruolo di preservare le arti e la cultura tradizionali e di stabilire la sua identità unica attraverso l’incorporazione di elementi culturali del sud-est asiatico nella sua musica.
SCO ha impressionato un pubblico sempre più vasto con le sue presentazioni di grande successo e si sta rapidamente affermando in tutto il mondo. Nel 2002 ha messo in scena l’epica fantasia sinfonica Marco Polo and Princess Blue nell’ambito dell’inaugurazione del Performing Arts Centre Esplanade – Theatres on the Bay di Singapore.
L’anno successivo ha prodotto una conversazione musicale e visiva con l’artista multidisciplinare più eminente di Singapore, Tan Swie Hian, al Singapore Arts Festival 2003; nel 2004 ha celebrato la 39esima Giornata Nazionale di Singapore con un concerto spettacolare – Our People, Our Music – coinvolgendo 2.400 appassionati di musica al Singapore Indoor Stadium.
Nel 2005 ha creato una mega produzione musicale, Admiral of the Seven Seas, rappresentata all’interno del Singapore Arts Festival 2005. Nel 2007 ha fatto parte della grande orchestra che ha riunito 240 musicisti esibitisi al National Day Parade di Singapore. Nell’edizione 2008 del Singapore Arts Festival, la SCO si è unita al TheatreWorks per presentare la produzione innovativa Awaking, unendo la musica operistica di Kunqu alla musica Elisabettiana.
Nel 2009 è entrata nella storia divenendo la prima orchestra cinese ad esibirsi nella settimana di apertura del Festival di Edimburgo e, nel 2010, si è esibita a Parigi nell’ambito dei Singapour Festivarts.
Rinomata per gli elevati standard e la versatilità, la SCO si è esibita in numerosi eventi prestigiosi come il World Economic Forum e l’International Summit of Arts Council nel 2003 e l’Annual Meeting del Monetary Fund (FMI) del 2006.
L’orchestra ha effettuato tournée in vari paesi e città tra cui Pechino, Shanghai, Xiamen, Nanjing, Suzhou, Macao, Ungheria e Inghilterra. Nel maggio 2014 si è esibita allo Spring International Music Festival di Shanghai ea Suzhou per celebrare il ventesimo anniversario del parco industriale di Singapore-Suzhou.
Nell’ottobre 2015 ha eseguito due concerti a Hong Kong, presso il municipio di Tsuen Wan e il Centro Culturale di Hong Kong. Commissionato dal Ministero della Cultura, Comunità e Gioventù nell’ambito della stagione culturale “Titian Budaya” a Kuala Lumpur, l’orchestra ha debuttato in Malesia presso le celebri Petronas Twin Towers. Queste piattaforme internazionali hanno dato l’opportunità alla SCO di mettere in mostra i suoi talenti e la sua musica, portandola in prima linea nella scena musicale internazionale.
Con l’aspirazione a orchestra di fama mondiale, la SCO allarga il suo raggio d’azione esibendosi regolarmente in vari parchi nazionali, comunità e scuole. L’orchestra commissiona anche le proprie composizioni e ha organizzato il Concorso Internazionale di Singapore per composizioni orchestrali cinesi (SICCOC) rispettivamente nel 2006, 2011 e 2015. Il concorso mira a promuovere composizioni che incorporano elementi musicali del sud-est asiatico, noti anche come “musica Nanyang”.
Nel 2012 ha organizzato a Singapore la “23-day National Chinese Orchestra Marathon”, un’impresa spettacolare che ha visto la partecipazione di 31 orchestre cinesi locali che hanno partecipato con oltre 44 rappresentazioni e un pubblico di 20.000 spettatori. Il 28 giugno 2014 ha segnato la storia con la seconda messa in scena di Our People Our Music, stabilendo due Guinness World Records e tre Singapore Book of Records con 4.557 artisti allo stadio nazionale, il Singapore Sports Hub.
È con questa visione che la Singapore Chinese Orchestra continua a ispirare, influenzare, educare e comunicare attraverso la sua musica.

TSUNG YEH è entrato a far parte della Singapore Chinese Orchestra (SCO) come direttore musicale nel gennaio 2002. Sotto la sua direzione, l’orchestra ha ampliato il suo repertorio con opere innovative come la sinfonia epica “Marco Polo and Princess Blue”, la conversazione musicale con Tan Swie Hian “Instant is a Millennium”, “The Grandeur of Tang”, “Thunderstorm”, “Admiral of the Seven Seas” e “Awaking”. In “Awaking” ha unito le opere di Shakespeare a quelle di Tang Xianzu, contribuendo a valorizzare la musica orchestrale cinese. Nel 2013 è stato insignito del “Cultural Medallion”, il più alto riconoscimento nelle arti. Yeh Tsung è anche consulente della Singapore Youth Chinese Orchestra stadio.
Come direttore musicale del National Day Parade 2007 di Singapore, Tsung Yeh ha elaborato una struttura musicale sinfonica di grande virtuosismo che ha ricevuto unanimi consensi a livello nazionale. 240 musicisti della Singapore Chinese Orchestra, Singapore Symphony Orchestra, Singapore Armed Forces Central Band, Malay e Indian ensemble, Nanyin ensemble e coro si sono esibiti sotto la sua direzione davanti a una platea di 27.000 persone e milioni di telespettatori.
Nel 2004 e 2014 Yeh Tsung ha diretto due grandissime orchestre nei concerti tenuti al “Singapore Indoor Stadium” e allo stadio nazionale, il Singapore Sports Hub. Il concerto del 2014, che ha visto l’esibizione di 4.557 musicisti, ha stabilito 2 Guinness World Records e 3 Singapore Book of Records.
Tsung Yeh ha portato la Singapore Chinese Orchestra a livello internazionale, sviluppando al contempo la peculiare identità artistica attraverso il suono e l’unicità della struttura dell’orchestra, dove convivono elementi musicale orientali, occidentali e dell’eredità del sud-est asiatico noti come “Nanyang”.
A marzo e aprile 2005 ha diretto la SCO in un tour in Europa al Barbican Centre di Londra, al The Sage Gateshead di Gateshead, Inghilterra, e al Budapest Spring Festival. Nell’ottobre 2007, la SCO si è esibita al Beijing Music Festival, al China Shanghai International Arts Festival, al Macau International Music Festival e nelle principali sale da concerto di Guangzhou, Zhongshan e Shenzhen. Nell’agosto 2009 la Singapore Chinese Orchestra è entrata nella storia divenendo la prima orchestra cinese ad esibirsi nella settimana di apertura del Festival di Edimburgo.
Yeh Tsung è stato il Direttore Musicale della South Bend Symphony Orchestra (SBSO) negli Stati Uniti dal 1988 al 2016. Nel 1995, è stato premiato con l’ASCAP Award con la South Bend Symphony Orchestra. Al termine dell’incarico presso la SBSO, Tsung Yeh ha ricevuto il “Sagamore of the Wabash Award” dallo Stato dell’Indiana – il più alto riconoscimento del Governatore dell’Indiana, Mike Pence. Il 7 maggio 2016 è stato proclamato il “Tsung Yeh Day” dal sindaco di South Bend City, Pete Buttigieg. Tsung Yeh è attualmente “Conductor Laureate” della South Bend Symphony Orchestra Association.
Col supporto della Chicago Symphony Orchestra, ha lavorato con Daniel Barenboim e il direttore principale ospite Pierre Boulez.
Tsung Yeh è stato il direttore della Northwest Indiana Symphony Orchestra, della Hong Kong Sinfonietta e Exxon/Arts Endowment Conductor della Saint Louis Symphony Orchestra. Ha ricoperto il ruolo di Direttore stabile della Florida Orchestra ed è stato il direttore principale ospite della Albany Symphony Orchestra di New York.
Tsung Yeh ha collaborato con rinomate orchestre internazionali tra cui San Francisco, Tucson e New Haven Symphonies, Calgary e Rochester Philharmonic, e orchestre di Pechino, Shanghai, Guangzhou, Shenzhen, Hong Kong, Taipei, Tokyo, Yokohama, Francia, la Royal Scottish National Orchestra, Polonia, Russia e Repubblica Ceca. Nell’aprile 1991, ha sostituito Barenboim dirigendo 3 concerti con grande successo. Come artista discografico, Tsung Yeh ha realizzato diverse registrazioni per le etichette HUGO, Delos e Naxos.
Tsung Yeh è un illustre professore al China Conservatory of Music e professore ospite al Conservatorio di musica di Shanghai. Ha tenuto workshop di direzione d’orchestra presso la Guilds of Conductors, la League of American Orchestra e la Musik Hochschule di Zurigo e tiene anche masterclass a Pechino, Shanghai, Hong Kong, Taiwan e Singapore.
Le sue nuove nomine degli ultimi anni lo vedono direttore principale ospite della China National Traditional Orchestra, membro del comitato artistico del Jiangsu Center for the Performing Arts e Ricercatore Senior dell’istituto di ricerca musicale cinese He Luting del Conservatorio di Musica di Shanghai.

XIX EMILIA ROMAGNA FESTIVAL – ERF
dal 6 luglio al 7 settembre 2019

SINGAPORE CHINESE ORCHESTRA
TSUNG YE direttore

Un mix inaspettato di strumenti della tradizione occidentale e orientale,
con un programma di musiche in prima esecuzione italiana

Musiche di Law WaiLun, YiiKah Hoe, Gordon Fung Dic-Lun, Enjott Schneider e Tan Dun

venerdì 6 settembre, ore 21.00
FORLÌ Chiesa di San Giacomo in San Domenico

WWW.EMILIAROMAGNAFESTIVAL.IT