Scuola: pronto il piano per la ripartenza del servizio di prescuola

23

municipio-ferraraDal 16 settembre i bambini iscritti al servizio accolti da educatori e volontari Auser. Kusiak: “fondamentale per la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro”

FERRARA – A conclusione delle procedure di iscrizione al servizio di Prescuola (termine ultimo era 10 settembre) sono state raccolte complessivamente 920 domande per 28 Scuole Primarie.

Tenendo conto della fase di emergenza epidemiologica e delle necessità organizzative dei gruppi di alunni, legate alle prescrizioni di sicurezza, l’organico del personale educatore sarà aumentato di oltre 50% rispetto alle condizioni ordinarie, per un totale di 48 educatori e 20 volontari Auser che sono storicamente coinvolti nella gestione del servizio.

Il servizio di Prescuola prevede per il 14 settembre la conclusione delle procedura di assunzione del personale aggiuntivo necessario, la formazione sanitaria ed educativa di tutti gli operatori.

Martedì 15 settembre le famiglie dei 920 alunni iscritti verranno contattate dagli operatori delle Cooperative che gestiscono il servizio, per la condivisione delle modalità organizzative e del modello di sicurezza adottato e per la presentazione dello specifico Patto di Corresponsabilità.

Nel servizio non sarà previsto il triage con la misurazione della temperatura agli utenti e ai minori verrà chiesto l’utilizzo della mascherina chirurgica.

Mercoledì 16 il servizio di Prescuola prenderà avvio con l’accoglienza degli alunni iscritti ai quali verranno proposte attività ludiche e ricreative preparate dagli operatori opportunamente formati.

“Si tratta di un servizio fondamentale per la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro – spiega l’assessore comunale alla Pubblica Istruzione Dorota Kusiakal quale non possiamo rinunciare nemmeno in questa delicata fase di emergenza. La ripartenza della scuola, così come programmata dai dirigenti scolastici, sarà graduale, ma il servizio di prescuola sarà garantito sin dai primissimi giorni di frequenza per dare risposta a tutte le famiglie che ne hanno bisogno, ponendo massima attenzione alla tutela della salute e al rispetto di tutti i criteri di sicurezza previsti.”