Scomparsa di Christian Boltanski. Il cordoglio dell’Istituzione Bologna Musei

3

luttoBOLOGNA – Ci ha lasciato ieri Christian Boltanski.

Lo staff del MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna ricorda con affetto e stima le numerose occasioni in cui ha avuto l’emozionante privilegio di collaborare con l’artista francese.

Boltanski ha sempre mantenuto un forte legame con la nostra città: fu protagonista della mostra antologica Pentimenti a Villa delle Rose nel 1997, in occasione della quale lasciò al museo l’opera Les Regards, appositamente realizzata in omaggio ai partigiani commemorati al Sacrario di Palazzo d’Accursio; autore dell’installazione permanente A proposito di Ustica presso il Museo per la Memoria di Ustica nel 2007, una delle opere d’arte contemporanea più suggestive e amate presenti a Bologna; nuovamente protagonista del progetto speciale Anime. Di luogo in luogo. Christian Boltanski a lui dedicato dalla città di Bologna nel 2017; nel 2018, infine, fu insignito della Laurea honoris causa in Discipline storiche dall’Università degli Studi di Bologna.

Il Consiglio di Amministrazione, la Direzione e tutto lo staff dell’Istituzione Bologna Musei lo ricordano con rimpianto e commozione per la sua grande generosità umana e per la capacità di evocare con le sue opere – talvolta con toccante profondità, talvolta con delicata ironia – l’inestricabile intreccio tra i grandi eventi storici, la fragilità delle vite individuali e i processi di trasmissione della memoria.

Didascalie immagini in allegato:

Christian Boltanski
Anime. Di luogo in luogo
veduta di allestimento presso / installation view at MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, 2017
Photo credit: Matteo Monti
Courtesy Istituzione Bologna Musei

Christian Boltanski
Les Regards, 1998
10 stampe fotografiche su poliestere / 10 photo prints on polyester
Istituzione Bologna Musei | Collezione Permanente MAMbo
acquisizione / acquisition 1998
© C. Boltanski

Museo per la Memoria di Ustica, Bologna
Christian Boltanski
A proposito di Ustica
Veduta di allestimento / Installation view
Photo credit: Sandro Capati, 2007
Courtesy Istituzione Bologna Musei