Sabato 6 marzo vaccine-day per la scuola a Castellarano

39

I medici di medicina generale di Castellarano e Baiso al lavoro insieme dal primo mattino fino a sera

CASTELLARANO (RE) – Questo sabato 6 marzo i medici di medicina generale di Castellarano e Baiso, in collaborazione con AUSL, Comune di Castellarano e C.R.I. – Comitato locale di Castellarano, uniscono le forze per somministrare dosi del vaccino Astra-Zeneca destinate al personale scolastico loro paziente che si è regolarmente prenotato, come previsto dal piano vaccinale nazionale e regionale.

“Mentre proseguono le vaccinazioni volte a completare l’immunizzazione della parte di popolazione over-80 — dichiara Giorgio Zanni, sindaco di Castellarano — parte del piano parallelo di somministrazione vaccinale dedicata ad ulteriori segmenti strategici e più esposti della popolazione, in questo caso tocca al personale della scuola: un’ulteriore importante tappa per la protezione delle persone più esposte al virus.”

Le vaccinazioni si terranno presso gli ambulatori di via San Michele a Castellarano, inizieranno dal primo mattino e proseguiranno fino a sera. Squadre di 2/3 medici si alterneranno alla somministrazione che prevede, oltre all’inoculazione, anche l’accettazione e lo svolgimento organizzato delle pratiche burocratiche. Ai vaccinati sarà richiesto, come da prassi, di attendere 15/30 minuti presso la struttura per monitorare il regolare decorso post vaccino.

“La campagna vaccinale — conclude Zanni — deve essere il punto di assoluta priorità di tutto il sistema istituzionale nella lotta contro il virus. Siamo felici di poter contribuire anche come comunità locali insieme ad AUSL, medici di base e associazioni del territorio, unendo gli sforzi per rendere la somministrazione sempre più veloce ed efficace. Approfittiamo però per ribadire al governo che è necessario andare molto più veloci nella somministrazione vaccinale. La macchina sanitaria territoriale è già operativa ed in grado di procedere molto più velocemente: lo stato deve cambiare subito marcia e far arrivare molte più dosi di vaccino ad AUSL e territori. Subito, è fondamentale. Noi ci siamo.”

Il personale scolastico che non avesse effettuato la prenotazione o non potesse ricevere il vaccino in tale data è invitato a contattare il proprio medico di medicina generale per concordare l’appuntamento.