Sabato 24 ottobre Scavi al Palazzo del Vignola ad Argelato

40

ARGELATO (BO) – Sabato 24 ottobre 2020, alle 18 e in replica alle 19.30 e alle 21, nel suggestivo Palazzo del Vignola (via Funo, 41 – Argelato), Agorà ospita Scavi di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini, spettacolo all’interno del progetto che Agorà dedica all’intreccio tra artisti e luoghi.

Il Palazzo del Vignola, prezioso gioiello rinascimentale del ‘500, e sede della azienda Tonino Lamborghini S.p.A., collabora con Agora per questa tappa speciale e sarà eccezionalmente aperto per l’occasione.

Saranno presenti Belinda Gottardi, – Cultura, Pari opportunità, Promozione del Territorio – Unione Reno Galliera e il comm. Tonino Lamborghini.

In Scavi i due artisti raccontano la ricerca fatta su Michelangelo Antonioni, una sorta di diario di lavoro sugli “scavi” al fondo Antonioni di Ferrara, in cui si dà conto degli appunti del regista di Il deserto Rosso.

Scavi è una performance emersa da queste ricerche, un lavoro attorno alla figura della protagonista del film Il deserto rosso, Giuliana, una “selvatica vestita elegante”, che si fa carico di quella marginalità che da sempre attrae i due artisti.

Così gli autori: “Nell’autunno 2018 abbiamo debuttato con Quasi niente, uno spettacolo liberamente ispirato a Il deserto rosso di Michelangelo Antonioni. Il film del 1964, è la prima opera a colori del regista e vede in scena, a partire da un breve racconto di Tonino Guerra, una straziante e fanciullesca Monica Vitti…. Scavi è un progetto collaterale allo spettacolo, una performance per un numero limitato di spettatori, che vuole essere la restituzione pubblica delle nostre “scoperte” nella fase di indagine del lavoro. Andare a Ferrara al Fondo Antonioni, leggere tutto quello che è stato per noi reperibile della preparazione del film, ritrovare grazie a Morena Campani il diario di uno degli assistenti alla regia, vedere le fotografie di scene girate non montate, avere tra le mani i primi pensieri di Antonioni scritti a penna quando l’idea era vaghissima, sapere delle sue notti in bianco per cambiare finale al film pochi giorni prima della fine delle riprese per la partenza di uno dei protagonisti è stato un continuo confrontarci con quello che avviene sempre nel processo creativo, lo scontro meraviglioso e faticoso tra idea e materia. Abbiamo scavato con pazienza come fanno gli archeologi. Manici di anfora, mattonelle, a volte iscrizioni. Ma in questo caso l’edificio intero è lì sotto i nostri occhi. Più simile alla punta di un iceberg che non mostra la parte sommersa, ma che galleggia grazie ad essa. Antonioni ha detto in un suo scritto: “Noi sappiamo che sotto l’immagine rivelata ce n’è un’altra più fedele alla realtà, e sotto quest’altra un’altra ancora, e di nuovo un’altra sotto quest’ultima. Fino alla vera immagine di quella realtà, assoluta, misteriosa, che nessuno vedrà mai. O forse fino alla scomposizione di qualsiasi immagine, di qualsiasi realtà”.

Agorà dedica un focus all’intreccio tra artisti e luoghi; per alcuni spettacoli e performances, infatti, ricerca appositamente luoghi in cui poter incastonare l’opera degli artisti: luoghi unici, inediti e da far scoprire o riscoprire dai cittadini, contribuendo fortemente anche alla valorizzazione e promozione territoriale. L’intreccio luogo – artisti contribuisce anche a rafforzare per il pubblico la dimensione dell’esperienza e di un appuntamento, unico, dedicato e speciale. Luoghi insoliti come il Palazzo del Vignola, il Campo di tiro con l’arco di Argelato per la performance di danza di Fabrizio Favale / Le Supplici ( 1 gennaio 2021), le Sale dei Consigli Comunali degli otto comuni della Unione Reno Galliera (Consigli comunali di Argelato, Bentivoglio, Castel Maggiore, Castello d’Argile, Galliera, Pieve di Cento, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale) che ospitano gli appuntamenti della Parola Soffiata, la Biblioteca Mario Luzi di San Pietro in Casale che diventa palcoscenico teatrale con Fior di Nulla – one man show di Maurizio Cardillo (21 novembre).

Palazzo del Vignola

Nella quiete della Pianura Padana, a Funo di Argelato, si trova un gioiello rinascimentale: il Palazzo del Vignola, costruito nel ‘500 su disegno del grande architetto Jacopo Barozzi, detto “Il Vignola”. A soli 20 minuti dalle porte di Bologna, la villa offre oltre 1.500 mq strutturati su due piani, con due ampi saloni e sette sale di varie dimensioni.

Il Palazzo è stato nobile dimora patrizia sino alla metà del secolo XVI di proprietà dei conti Fava, famiglia estinta nel ‘600.

Caratteristica architettonica inusuale è la loggia passante, di enormi dimensioni con soffitto a volta che raggiunge nel punto massimo l’altezza di 11 metri. La villa, nonché villa Patio, circondata da uno splendido parco di 2000 mq, è perfettamente speculare e si caratterizza per il gran numero di finestre, se ne contano infatti almeno 124 tra grandi e piccole. I saloni con soffitti a vela ricordano le cattedrali medioevali e gli affreschi del Carracci, di cui sono rimaste soltanto alcune testimonianze, sono una prova dell’importanza di questa dimora.

Oggi il Palazzo del Vignola, oltre ad essere sede della Tonino Lamborghini S.p.A., rappresenta una location prestigiosa per matrimoni, meeting, cene ed eventi di vario genere.

www.palazzodelvignola.com

Sponsor tecnico: NoloParty,

Agorà, giunta alla 5° edizione, è la rassegna teatrale itinerante nei comuni dell’Unione Reno Galliera nella Area metropolitana di Bologna: Argelato, Bentivoglio, Castel Maggiore, Castello d’Argile, Galliera, Pieve di Cento, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale. La rassegna è promossa da Unione Reno Galliera con la direzione artistica di Elena Di Gioia, realizzata con il contributo di Regione Emilia-Romagna e prodotta da Associazione Liberty.

Stagione Agorà
promossa da Unione Reno Galliera con il sostegno di Regione Emilia-Romagna
direzione artistica Elena Di Gioia produzione Associazione Liberty e Unione Reno Galliera
Al centro di Agorà un articolato progetto di teatro diffuso: spettacoli, laboratori, incontri, nuove creazioni e condivisioni con artisti della scena contemporanea, nei teatri e nei luoghi diffusi di otto comuni della Unione Reno Galliera nella Area metropolitana di Bologna.

Main sponsor Unipol Gruppo e Hera
Sponsor Coop Alleanza 3.0, Coop Reno, Gruppo Camst, Lachiter, Borghi Impianti oleodinamici S.p.a., Società Dolce,
Ariostea Broker, Emil Banca, Energy Group, Roboqbo, ASA Azienda Servizi Ambientali S.C.p.A, Palazzo del Vignola.

Con la partecipazione di ATER, Fondazione Circuito Regionale Multidisciplinare Emilia-Romagna

Con la collaborazione di Città Metropolitana di Bologna, Istituzione Villa Smeraldi – Museo della Civiltà Contadina, Biblioteche Associate, Uscire dal Guscio- Educare alle differenze, Premio Giuseppe Alberghini, Collettivo Amalia, Il Corpo delle Donne – Corpo Sociale, TeaLtro, Il Parco delle Sculture di Nicola Zamboni e Sara Bolzani

Per informazioni:
prenotazione obbligatoria
Dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13
Telefono, WhatsApp e SMS: 333.8839450
biglietteria.teatri@renogalliera.it
Biglietti: Intero: € 12 /Ridotto*: € 10
Under 18 anni: € 5
Per il programma completo: www.stagioneagora.it
www.renogalliera.it/agora

Agorà
stagione teatrale 2020-2021 – prima parte: 12 settembre 2020 – 1 gennaio 2021
promossa da Unione Reno Galliera
con il contributo di Regione Emilia-Romagna
direzione artistica Elena Di Gioia
produzione Unione Reno Galliera e Associazione Liberty

Presso:

Palazzo del Vignola
via Funo, 41-Argelato (BO)

Sabato 24 ottobre 2020 ore 18, 19.30 e 21
Scavi
un progetto di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini
scritto e interpretato da Francesco Alberici, Daria Deflorian
e Antonio Tagliarini
consulenza letteraria di Morena Campani
una coproduzione A.D. e Festival di Santarcangelo
in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Parigi
ph. Andrea Macchia
prenotazione obbligatoria

Foto di Andrea Macchia