Russi contro tutte le mafie con “Libera Terra”

Dal 18 al 22 marzo nelle mense delle scuole del Comune di Russi verrà servita pasta di semola biologica proveniente dai terreni confiscati alla mafia in Italia

Russi stemmaRUSSI (RA) – L’Assessorato alle Politiche Educative del Comune di Russi, insieme ad altri Comuni della Provincia di Ravenna, con l’intento di manifestare l’impegno civile nella lotta contro tutte le mafie, è lieto di comunicare che in collaborazione con l’Associazione Nazionale “Libera Terra” e la Società Bassa Romagna Catering, ditta a cui è stato affidato il servizio di ristorazione scolastica, sarà distribuita nelle mense scolastiche comunali di Russi dal 18 al 22 marzo, la pasta di semola biologica della Cooperativa Libera Terra, proveniente dai terreni confiscati alla mafia in Italia.

I prodotti coltivati dalle cooperative che aderiscono a “Libera Terra” sono il frutto della legge di iniziativa popolare 109/96 per il riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie. Grazie all’applicazione di questa legge che mette in relazione società civile, istituzioni e imprese, oggi sono in produzione 450 ettari di terre confiscate.

“Con questa iniziativa intendiamo dare impulso al consumo di questi prodotti per il significato etico e civile che essi rappresentano, e riteniamo particolarmente importante che questo significato entri concretamente nelle scuole, che diventi occasione di riflessione nelle famiglie tra gli studenti, sui valori della legalità e come essa vada difesa anche tramite l’agire di ogni cittadino. A questo proposito – ha concluso l’Assessore all’Istruzione Laura Errani – si auspica l’impegno degli insegnanti in particolare delle scuole dell’obbligo, affinché lavorino sui temi dell’educazione alla legalità, alla conoscenza della Costituzione Italiana e all’educazione alla cittadinanza attiva”.